Safiye Sultan (Haseki di Murad III)

Haseki Sultan di Murad III, madre di Mehmed III
Safiye Sultan
Safiye sultan l.jpg
Valide Sultan
In carica 15 gennaio 1595-22 dicembre 1603
Predecessore Nurbanu Sultan
Successore Handan Sultan
Nome completo Sofia nome alla nascita

Haseki Safiye Valide Sultan

Altri titoli Haseki Sultan
Nascita Albania, circa 1550
Morte Costantinopoli, marzo/aprile 1619
Sepoltura Mausoleo di Murad III, Basilica di Santa Sofia
Luogo di sepoltura Costantinopoli
Dinastia Dinastia ottomana per matrimonio
Consorte Murad III
Figli Mehmed III
Şehzade Mahmud
Ayşe Sultan
Fatma Sultan
Altri?
Religione cattolica romana per nascita

Islam sunnita per conversione

Safiye Sultan (turco ottomano: صفیه سلطان, "saggezza" o "purezza"; Albania, circa 1550 – Costantinopoli, marzo/aprile 1619) fu la favorita e Haseki Sultan del sultano Murad III.

Inoltre fu Valide Sultan dell'Impero ottomano come madre di Mehmet III e nonna dei sultani: Ahmed I e Mustafa I. Safiye inoltre fu una delle figure eminenti durante l'era conosciuta come Sultanato delle donne. Visse nell'Impero ottomano come cortigiana durante il regno di sette sultani: Solimano il Magnifico, Selim II, Murad III, Mehmet III, Ahmed I, Mustafa I e Osman II.

BiografiaModifica

L'identità di Safiye è stata spesso confusa con quella della suocera veneziana, Nurbanu, arrivando a credere che anche Safiye fosse una discendente veneziana, o anche una parente di Nurbanu Sultan.[1] In realtà, secondo fonti veneziane, Safiye era di origine albanese, nata nelle montagne di Dukagjin.[2] Il suo nome originale era Sofia.

Nel 1563, all'età di 13 anni, fu presentata come schiava al futuro Murad III dalla cugina di lui Hümaşah Sultan, nipote di Solimano il Magnifico e di Hurrem Sultan, figlia del loro defunto figlio Şehzade Mehmed[3], fratello maggiore del padre di Murad. Ricevuto il nome Safiye, divenne una concubina di Murad (figlio maggiore del Sultano Selim II). Il 26 maggio 1566, diede alla luce il figlio di Murad, il futuro Mehmet III, lo stesso anno in cui Solimano il Magnifico morì e Murad divenne erede al trono come unico figlio del nuovo sultano, Selim II (figlio di Solimano e Hürrem Sultan).

HasekiModifica

 
Il marito della Sultana Safiye, il Sultano Ottomano Murad III.

Selim II morì nel 1574 e Murad divenne il nuovo sultano. Safiye e i suoi figli viaggiarono immediamente alla capitale insieme a Murad. Appena arrivò a Istanbul, Safiye immediatamente ricevette il titolo di Haseki e un salario di 800 akçe al giorno. Tuttavia, la sua nuova vita a Istanbul significò anche che Nurbanu, profondamente amata e venerata da Murad, avrebbe fatto parte delle loro vite. Per i primi anni, anche se vi erano tensioni nell'harem, non ci fu un litigio pubblico tra le due donne. Tuttavia, Safiye cercò di guadagnare il potere politico, che era una mossa completamente logica come madre di principi. Tuttavia, la Sultana Nurbanu non apprezzava le aspirazioni nella vita politica di sua nuora, né il suo tentativo di influenzare il Sultano Murad, perché Safiye minacciava la sua supremazia sulla famiglia e il suo controllo su Murad, e attraverso lui, sull'Impero.

Safiye era stata l'unica concubina di Murad prima della sua ascesa al trono, e continuò ad avere una relazione monogama con lei per diversi anni nel suo sultanato. Sua madre Nurbanu lo avvisò di prendere altre concubine per il bene della dinastia,[4] la quale nel 1581 aveva solo un erede, Mehmet, figlio di Murad e Safiye. Nel 1583, Nurbanu accusò Safiye di usare la stregoneria per rendere Murad impotente e lo consiglio di prendere nuove concubine. Il risultato fu l'improgionamento, l'esilio, la tortura e l'esecuzione della ristretta cerchia di amiche e servitori di Safiye. Offeso, dalla sua mascolinità - che tendeva a credere alla magia, astrologia o seriamente ci credette - alla fine, all'inizio del 1583 (o anche nel 1582), bandì Safiye nel Vecchio Palazzo.[3] La sorella di Murad, Ismihan gli presentò due bellissime concubine, che lui accettò. Curato dalla sua impotenza, divenne padre di 20 figli e 27 figlie.[4]

I rapporti veneziani indicano che dopo l'amarezza iniziale, Safiye mantenne la sua dignità e non mostrò gelosia verso le concubine di Murad. Lei ebbe molto di più da lui, guadagnando la gratitudine del Sultato, che continuò a valorarla e consultarla su questioni politiche, specialmente dopo la morte di Nurbanu. Durante gli ultimi anni di Murad, Safiye ritornò ad essere la sua unica compagnia.[4] Tuttavia, è improbabile che lei divenne sua moglie levale — benché lo storico ottomano Mustafa Ali si riferisce a lei come tale, ciò è contraddetto dai rapporti degli ambasciatori veneziani e inglesi.[4]

Dopo la morte di Nurbanu e il suo ritorno al palazzo Topkaci, Safiye forse rimasta delusa da Murad e fu interessata solo nell'acquisire potere, siccome Murad discuteva di tutti gli affari con Safiye e le lasciò acquisire potere. Lei era influente come Haseki, un grado conferitole meno di un anno dopo l'ascesa al trono di Murad.[4] Giovanni Morò riportò nel 1590 Con l'autorità che lei {Safiye} gode come madre del principe, interviene in occasioni di affari di stato, benché lei sia molto rispettata in questo, e ascoltata da Sua Maestà, che considera la sua sensibilità e saggia. Fu durante questo periodo che Safiye inoltre costruì la sua fitta rete di relazioni e iniziò ad immergersi in ogni angolo della politica.

Per quanto Safiye odiasse sua suocera, continuò la sua politica pro-Venezia. Scambiava apertamente con Murad le politiche per il bene degli interessi di Venezia come Haseki. Sebbene fu capace di influenzare il sultano in molti modi, non riuscì a maneggiare sempre gli eventi secondo il suo desiderio. Così, per esempio, nel 1593 cercò di convincere Murad in favore dell'ambasciatore inglese che lei aveva favorito. Tuttavia, Murad non l'ascoltà, rifiutando immediatamente l'offerta di Murad. Così, sebbene il suo potere e la sua influenza crebbero durante il regno di Murad e guadagnò interessi e desideri, il Sultano le impose seri limiti.

DiscendenzaModifica

La maggioranza degli storici ritiene che Safiye Sultan sia stata l'unica concubina di Murad III per almeno vent'anni, fra il 1560 e il 1580.

Da Murad, Safiye ebbe con certezza almeno quattro figli:

  • Mehmed III (Manisa, 16 o 26 maggio 1566 - Costantinopoli, 21 o 22 dicembre 1603). Successe a suo padre come sultano ottomano.
  • Şehzade Mahmud (Manisa, 1568 - Costantinopoli, 1580 o prima).
  • Ayşe Sultan (Manisa, prima del 1565 - Costantinopoli, 15 maggio 1605).
  • Fatma Sultan (Manisa, prima del 1574 - Costantinopoli, 1620).

Inoltre, dal momento che nacquero durante gli anni di monogamia di Murad, era, probabilmente ma non certamente, anche la madre di:

  • Şehzade Selim (Manisa, 1567? -Costantinopoli, 28 gennaio 1595, giustiziato da Mehmed III)
  • Hümaşah Sultan (Manisa, 1565? - Costantinopoli, ?)
  • Mihrimah Sultan (Manisa, 1579? - Costantinopoli, ?)
  • Fahriye Sultan (Costantinopoli, ? - Costantinopoli, 1646). Chiamata anche Fahri Sultan, potrebbe essere la figlia di Safiye e Murad nata dopo il ritorno a Palazzo Topkapi di Safiye dall'esilio a Palazzo Vecchio.

Oltre a questi, un millantatore europeo, Alessandro del Montenegro, dichiarò di essere il figlio perduto di Murad III e Safiye Sultan, presentandosi con il nome di Şehzade Yahya e reclamando il trono per questo. Le sue affermazioni non furono mai provate e appaiono a dir poco dubbie.

Valide Sultan e co-reggenzaModifica

 
Il sultano ottomano Mehmed III, che rese Safiye Valide Sultan dal 1595 al 1603.

Quando Murad morì nel 1595, Safiye aiutò suo figlio Mehmed a succedere come sultano, e lei divenne Valide Sultan — una delle più potenti nella storia ottomana. Quando lei divenne Valide Sultan nel 1595, divenne molto più attiva negli affari interni ed esterni. Fino alla morte di suo figlio nel 1603, le politiche ottomane erano determinate da una parte formata da lei e da Gazanfer Ağa, capo degli eunuchi bianchi e capo dell'endurun (palazzo interno imperiale). Dovette gestire gravi lotte interne e lotte con l'esercito invece di suo figlio. Diede denaro per le spese di guerra dal suo conto personale per supportare suo figlio.[3]

Safiye riuscì ad ottenere l'indennirà più alta per se stessa come Valide Sultan. Eventualmente godette di un enorme stipendio di 3000 aspri al giorno durante la parte finale del regno di suo figlio.[4] Quando Mehmed III andò alla campagna di Eger in Ungheria nel 1596, diede a sua madre grande potere sull'impero, lasciando in carico il tesoro. Durante la sua regola provvisoria lei persuase suo figlio a revocare un incarico politico nel giudizio di Istanbul e riassegnò il gran visirato a Damat Ibrahim Pasha, suo genero. Durante i nove anni di regno di suo figlio fu inoltre accusata di corruzione nel suo governo e di posizione importante e lucrative nell'alto numero dei prezzi.[4]

La più grande crisi che Safiye dovette affrontare come Valide Sultan derivava dalla sua dipendente Kira, Esperanza Malchi. Un Kira era una donna non musulmana (tipicamente ebrea), che agiva da intermediario tra le donne appartate dell'harem e il mondo esterno, che serviva come un agente d'affari e segretaria. Nel 1600, la cavalleria imperiale, si ribellò all'influenza di Malchi e di suo figlio, che aveva accumulato oltre 50 milioni di Aspers di ricchezza. Safiye è stata ritenuta responsabile per questo e Malchi e suo figlio furono uccisi dall'ira dei soldati.

Safiye è stata determinante nell'esecuzione di suo nipote Mahmud nel 1603, dopo aver intercettato un messaggio inviato alla madre da una veggente religiosa, che predisse che Mehmed III sarebbe morto in sei mesi e gli sarebbe succeduto il figlio. Il sultano, sospettando un complotto e geloso della popolarità di suo figlio, lo aveva strangolato.

A Mehmed III succedette il figlio Ahmed I nel 1603. Una delle sue prime decisioni importanti è stato quello di privare la nonna del potere e venne bandita al Palazzo Vecchio, il 9 gennaio 1604.

OpereModifica

Fu la promotrice della costruzione della Moschea Yeni Valide[5]

MorteModifica

Safiye Sultan morì fra marzo e aprile 1619, poco dopo l'ascensione al trono del suo pronipote Osman II. È stata sepolta nel Mausoleo di Murad III, Basilica di Santa Sofia.

Nella cultura di massaModifica

Nel 2015 serie tv Il secolo magnifico: Kösem, Safiye Sultan è interpretata dall'attrice turca Hülya Avşar.

NoteModifica

  1. ^ Correspondence with Safiye Sultan, su Christian-Muslim Relations 1500 - 1900. URL consultato il 18 marzo 2022.
  2. ^ Part three. The Teacher Safiye, University of Texas Press, 31 dicembre 2008, pp. 194–272. URL consultato il 18 marzo 2022.
  3. ^ a b c PEDANI, Maria Pia, Safiye's Household and Venetian Diplomacy, in Turcica, n. 0, 2000, pp. 9–32, DOI:10.2143/TURC.32.0.460. URL consultato il 18 marzo 2022.
  4. ^ a b c d e f g Leslie P. Peirce, The imperial harem : women and sovereignty in the Ottoman Empire, 1993, ISBN 0-19-507673-7, OCLC 27811454. URL consultato il 18 marzo 2022.
  5. ^ " Il primo grande complesso realizzato dopo la morte di Sinan fu la moschea detta Yeni Valide, commissionata da Safiye Sultan, madre del sultano Mehmet III (1595-1603), sulla sponda del mare di fronte a Galata. Essa venne terminata solo nel 1663" in L'Europa tardoantica e medievale. Le regioni dell'impero bizantino. Costantinopoli

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24163139 · LCCN (ENno91021479 · GND (DE1155120701 · WorldCat Identities (ENviaf-7230155648134818330000
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie