Apri il menu principale
San Giacomo in Colle
insediamento
(SL) Štjak
Localizzazione
StatoSlovenia Slovenia
Regione statisticaLitorale-Carso
ComuneSesana
Territorio
Coordinate45°47′42.07″N 13°54′20.52″E / 45.795019°N 13.9057°E45.795019; 13.9057 (San Giacomo in Colle)Coordinate: 45°47′42.07″N 13°54′20.52″E / 45.795019°N 13.9057°E45.795019; 13.9057 (San Giacomo in Colle)
Altitudine518,1 m s.l.m.
Superficie1,74 km²
Abitanti50 (2002)
Densità28,74 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale6222
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Slovenia
San Giacomo in Colle
San Giacomo in Colle

San Giacomo in Colle[1][2][3][4] (in sloveno e in tedesco[5] Štjak) è un paese della Slovenia, frazione del comune di Sesana, su delle colline (“Vrhe”) che sovrastano la sponda destra del torrente Rassa.

La località è situata a 15,6 km a nord-est del capoluogo comunale e a 21,3 km dall'Italia.
Il patrono del paese è San Giacomo, da cui è derivato il nome della località e al quale fu dedicata una chiesa già citata nel 1300 nel Thesaurus ecclesiae Aquileiensis poi trasformata nel 1603 nella forma barocca attuale[6].

StoriaModifica

Fece parte del Patriarcato di Aquileia[6] e poi della Contea di Gorizia e Gradisca[7].

Con il trattato di Schönbrunn (1809) entrò a far parte delle Province Illiriche.

Col Congresso di Vienna nel 1815 rientrò in mano austriaca; passò in seguito sotto il profilo amministrativo al Litorale austriaco nel 1849 come comune autonomo[8] che comprendeva gli insediamenti (naselja) di Cartinozza (Krtinovica), Dolegna di San Giacomo (Dolenje), Gradisca di San Giacomo (Gradišče pri Štjaku), Pollane (Poljane pri Štjaku), Rasguri (Razguri), Ràune di San Giacomo (Ravnje), San Tommaso della Rassa (Stomaž), Sella di San Giacomo (Selo) e Villanova di San Giacomo (Nova vas) dell'attuale comune di Sesana e Cecovini (Čehovini), Trevisani (Trebižani) e Vescotti (Večkoti) dell'attuale comune di Comeno.

Dopo la Prima guerra mondiale, con le medesime frazioni del periodo asburgico, fu comune autonomo del Regno d'Italia nella Provincia di Trieste[4].

Fu soggetta alla Zona d'operazioni del Litorale adriatico (OZAK) tra il Settembre 1943 e il 1945. Passò poi alla Jugoslavia e quindi alla Slovenia.

Alture principaliModifica

Prsunca, 464 m

Corsi d'acquaModifica

torrente Branizza (Branica)

NoteModifica

  1. ^ Cfr. il toponimo "san Giacomo in Colle" a p. 66 sull'Atlante geografico Treccani, vol I, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2008.
  2. ^ Atlante stradale d'Italia, Touring Editore, 1998, tav. 20.
  3. ^ Il Carso da Gorizia e da Trieste a Postumia - Mappa Scala 1:250000 - A. Vallardi & P. Corbellini, T.C.I.
  4. ^ a b Regio decreto 29 marzo 1923, G.U. 27 aprile 1923, n. 99.
  5. ^ Blatt 32-46 der Generalkarte von Mitteleuropa 1:200.000 der Franzisco-Josephinischen Landesaufnahme, Österreich-Ungarn, ab 1887
  6. ^ a b KrasCarso, su vodnik.kras-carso.com. URL consultato il 3 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2007).
  7. ^ rielaborazione G.I.S. con i confini attuali e quelli del Josephinische Landesaufnahme (1763-1787), in Isonzo-Soča n.79/80 – Ottobre/Novembre 2008, pg. 18-22, “La Contea di Gorizia tra vecchi e nuovi confini”, Michele Di Bartolomeo
  8. ^ "Štjak" e le frazioni del suo comune in: Gemeindelexikon, der im Reichsrate Vertretenen Königreiche und Länder. Bearbeit auf Grund der Ergebnisse der Volkszählung vom 31. Dezember 1900. Herausgegeben von der K.K. Statistischen Zentralkommission. VII. Österreichisch-Illyrisches Küstenland (Triest, Görz und Gradiska, Istrien). Wien 1906[collegamento interrotto]

Altri progettiModifica