Santa Caterina Valfurva

frazione del comune italiano di Valfurva
Santa Caterina Valfurva
frazione
Santa Caterina Valfurva – Veduta
Vista notturna della località
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Sondrio-Stemma.png Sondrio
ComuneValfurva-Stemma.png Valfurva
Territorio
Coordinate46°24′50″N 10°29′30″E / 46.413889°N 10.491667°E46.413889; 10.491667 (Santa Caterina Valfurva)Coordinate: 46°24′50″N 10°29′30″E / 46.413889°N 10.491667°E46.413889; 10.491667 (Santa Caterina Valfurva)
Altitudine1 738 m s.l.m.
Abitanti204
Altre informazioni
Cod. postale23030
Prefisso0342
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantifurvesi o furicci
Patronosanta Caterina
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Santa Caterina Valfurva
Santa Caterina Valfurva
Sito istituzionale

Santa Caterina Valfurva è una frazione del comune di Valfurva, in Valtellina, provincia di Sondrio, nota per essere una rinomata località sciistica.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Il paese, sito nel parco nazionale dello Stelvio, si trova a 13 km da Bormio, 70 km da Malles Venosta, 78 km da Sondrio e 202 km da Milano. Raggiungibile solamente via strada (non è raggiunto da alcuna linea ferroviaria), in estate, oltre ad essere raggiungibile da Bormio è anche raggiungibile tramite il Passo del Gavia che collega la Valtellina alla Valcamonica.

ClimaModifica

Trovandosi nel fondo valle di una tipica valle alpina, il clima di Santa Caterina è di tipo alpino (Clima alpino). Le temperature nei mesi invernali possono raggiungere i −30 °C mentre in estate si raggiungono i +25 °C.

SportModifica

È sede di sport invernali ed estivi. Stazione sciistica attiva sia nello sci alpino sia nello sci nordico, ha ospitato varie tappe della Coppa del Mondo di sci alpino, della Coppa del Mondo di combinata nordica e della Coppa del Mondo di sci di fondo e le gare femminili dei Mondiali di sci alpino del 1985 e del 2005. Dal 2014 al 2016 è stata scelta dalla FIS come località ospitante, a fine dicembre, la discesa libera maschile di Coppa del mondo di sci alpino, tradizionalmente disputata nella vicina Bormio. Nel 2016, a seguito della rinuncia austriaca di Kitzbuehel, ha avuto luogo a Santa Caterina anche la storica combinata, con Slalom e SuperG.[1]

Oltre allo sci, a Santa Caterina, dal 2015, viene disputata una prova di coppa del mondo di skyrunning (tipologia: vertical Kilometer - Skyrunner World Series).

L'acqua fortaModifica

 
I Bagni di Santa Caterina in un'illustrazione di Enrico Alberto d'Albertis.

Nel 1698 Baldassarre Bellotti individuì una fonte acquifera in una zona paludosa su un terriccio rosso. Nel 1703 Bellotti scrisse un trattato nel quale descrivette la fonte:[2]

«In un avvallamento del terreno tutto rosso come autentica ruggine, ribolliva una polla d’acqua limpidissima, frizzante, di uno spiccato sapore metallico.»

L'acqua fu oggetto di studio per comprenderne le qualità. Si ritenne avesse qualità curative e fu impegata per contrastare le anemie. Venne definita "acqua ferrugginosa" o "acqua forta".

All'inizio del XIX Secolo nei pressi della fu eratta una costruzione lignea di forma ottagonale.

Considerata l'affluenza dei forestieri che si recavano presso la fonte, nel 1836 venne fondato il primo albergo: il Grand Hotel Clementi. L'albergo venne ampliato nel 1870.

Nel 1880 il medico Paolo Mantegazza si espresse sulle qualità dell'acqua:[3]

«L'acqua minerale ferruginosa di S. Caterina è incontestabilmente la più ricca in ferro fra le acque congeneri d'Italia e merita d’essere raccomandata per il simpatico sapore, la sua digeribilità, la sua grande efficacia nel ridare le forze, nel migliorare la composizione del sangue.»

Nei primi anni del Novecento vennero edificati dei Bagni per le cure termali. Il padiglione fu realizzato da Carlo Giongo, ed inaugurato nell'agosto 1907.[3] L'acqua venne anche imbottigliata e venduta.

Nel 1948, i Bagni vennero demoliti e ricostruiti. Ma a causa dei movimenti del terreno, dovuti alla realizzazione di alcuni lavori la sorgente andò peduta.

NoteModifica

  1. ^ Gianmario Bonzi, Waldner: «Probabile ritorno ai 30 metri di raggio. Combinata, da Kitz a S. Caterina» - Race ski magazine, su Race ski magazine, 7 giugno 2016. URL consultato il 7 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2016).
  2. ^ Terme di Santa Caterina Valfurva, l'antica Fonte Ferrugginosa, su www.bormio3.it. URL consultato il 22 aprile 2020.
  3. ^ a b AA.VV., La fonte di Santa Caterina: dalle vecchie baite dei montanari, al grand hotel Clementi, ai padiglioni in stile eclettico, al tramonto di “un coin de paradis en Valteline” (Stefano Zazzi) (PDF), in Livio Dei Cas e Leo Schena (a cura di), Le acque dell’Alta Valtellina, Bormio, Centro Studi Storici Alta Valtellina, 2014, ISBN 978-88-97897-04-0. URL consultato il 23 aprile 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica