Apri il menu principale
Eterno Padre, particolare del Paradiso nella chiesa di San Panfilo a Tornimparte (1491-1494).

Saturnino Gatti (Pizzoli, 1463 circa – L'Aquila, 1518 circa) è stato un pittore e scultore italiano considerato da molti il più fecondo del suo territorio.

BiografiaModifica

Si formò inizialmente all'Aquila, presso la bottega di Silvestro dell'Aquila. Successivamente conobbe e forse frequentò la bottega del Verrocchio. Dopo i lavori fiorentineggianti della maturità (ciclo di affreschi alla chiesa di San Panfilo di Villagrande di Tornimparte), sul finire del XV secolo maturò uno stile vicino a Piermatteo d'Amelia ed Antoniazzo Romano. Il suo capolavoro di questo periodo è la Pala del Rosario, del 1511, ora al Museo Nazionale d'Abruzzo nel capoluogo abruzzese.

 
Resurrezione, dalle Storie di Cristo affrescate in San Panfilo a Tornimparte.

Molto discutibili sono le attribuzioni degli affreschi di Goriano Valli (Tione degli Abruzzi), e di alcune Madonne in terracotta già a Città Sant'Angelo e Spoltore. Più probabile l'autografia di una tavola con la Madonna col Bambino di proprietà della Cassa di Risparmio della Provincia dell'Aquila. La sua bottega fu fiorente per tutto il Cinquecento e tra i suoi migliori allievi è da ricordare Bernardino di Cola del Merlo.

Come scultore è di sua sicura fattura il Sant'Antonio Abate, originariamente situato nella chiesa di Santa Maria del Ponte a Tione degli Abruzzi. Dagli anni Venti anche quest'opera è esposta al Museo Nazionale d'Abruzzo dove è andata distrutta nel terremoto dell'Aquila del 2009; ridotta in ottocento frammenti, è stata quindi sottoposta ad un restauro certosino — eseguito tra il 2014 ed il 2017 — che l'ha rigenerata.[1]

Morì presumibilmente nel 1518.

OpereModifica

MiniaturaModifica

PitturaModifica

 
Il capolavoro del Gatti, la Pala del Rosario (1511) nel Museo nazionale d'Abruzzo all'Aquila.

SculturaModifica

NoteModifica

  1. ^ Michela Corridore, Restaurata la statua di Sant’Antonio di Saturnino Gatti, in Il Centro, 4 aprile 2017.
  2. ^ GATTI, Saturnino in "Dizionario Biografico", su www.treccani.it. URL consultato il 20 settembre 2019.

BibliografiaModifica

G. Boffi, Saturnino Gatti, pittore, scultore, plasticatore, in "Gente d'Abruzzo". Dizionario biografico. Andromeda. Colledara. 2006-2007 vol. 5, pagg. 249 - 254.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52900266 · ISNI (EN0000 0000 7880 5571 · LCCN (ENno2013063925 · GND (DE134243641 · BNF (FRcb167187933 (data) · ULAN (EN500022878 · CERL cnp01142283 · WorldCat Identities (ENno2013-063925