Selci

comune italiano

Selci è un comune italiano di 1 108 abitanti della provincia di Rieti nel Lazio.

Selci
comune
Selci – Stemma
Selci – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
ProvinciaProvincia di Rieti-Stemma.svg Rieti
Amministrazione
SindacoEgisto Colamedici (lista civica) dal 26-5-2014 (2º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate42°19′N 12°37′E / 42.316667°N 12.616667°E42.316667; 12.616667 (Selci)
Altitudine204 m s.l.m.
Superficie7,73 km²
Abitanti1 108[1] (31-1-2022)
Densità143,34 ab./km²
Comuni confinantiCantalupo in Sabina, Forano, Tarano, Torri in Sabina
Altre informazioni
Cod. postale02040
Prefisso0765
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT057065
Cod. catastaleI581
TargaRI
Cl. sismicazona 2B (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona D, 1 825 GG[3]
Nome abitantiselciani
Patronosanto Stefano
Giorno festivo3 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Selci
Selci
Selci – Mappa
Selci – Mappa
Posizione del comune di Selci nella provincia di Rieti
Sito istituzionale

Geografia fisicaModifica

 
La campagna circostante a Selci

TerritorioModifica

Selci sorge a 204 metri di altezza sul livello del mare, sulle propaggini occidentali dei monti Sabini.

ClimaModifica

StoriaModifica

Selci fu fondata nel X secolo dalla diaspora delle genti che abitavano la città di Forum Novum dopo la distruzione effettuata dalle invasioni dei Saraceni.

Attorno alla fine del XV secolo vi si stabilì un avo della famiglia Bertoldi proveniente da Siena e da quel momento tale famiglia trascorse 500 anni nel paese. Verso il XVIII secolo la famiglia più in vista del paese era quella dei Savini.

Nativo di Selci è il generale di corpo d'armata Enzo Stefanini, già comandate dell'Aviazione dell'Esercito e Segretario Generale della Difesa/DNA.

SimboliModifica

«Di rosso, alla torre di due palchi, d'argento, murata di nero, merlata alla guelfa, il palco superiore di tre, quello inferiore di cinque, il palco superiore caricato della rosa di rosso, il palco inferiore chiuso di nero e finestrato con finestrella tonda, dello stesso, essa torre fondata sulla pianura diminuita di verde. Ornamenti esteriori da Comune.»

(D.P.R. del 24 aprile 1997)

Il gonfalone è un drappo di bianco.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[4]

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2009 2014 Andrea Dotti lista civica Sindaco
2014 2019 Egisto Colamedici lista civica Sindaco
2019 in carica Egisto Colamedici lista civica Sindaco

GemellaggiModifica

Altre informazioni amministrativeModifica

Nel 1923 passa dalla provincia di Perugia in Umbria, alla provincia di Roma nel Lazio, e nel 1927, a seguito del riordino delle circoscrizioni provinciali stabilito dal regio decreto n. 1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Rieti, Selci passa a quella di Rieti.

NoteModifica

  1. ^ Bilancio demografico mensile anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Lazio