Apri il menu principale
Similaun
Similaun 1.jpg
StatiItalia Italia
Austria Austria
RegioneTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Tirolo Tirolo
Altezza3 607 m s.l.m.
Prominenza250 m
CatenaAlpi
Coordinate46°45′49″N 10°52′50″E / 46.763611°N 10.880556°E46.763611; 10.880556Coordinate: 46°45′49″N 10°52′50″E / 46.763611°N 10.880556°E46.763611; 10.880556
Data prima ascensione1834
Autore/i prima ascensioneJosef Raffeiner e Theodor Kaserer
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Similaun
Similaun
Mappa di localizzazione: Alpi
Similaun
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Centro-orientali
SezioneAlpi Retiche orientali
SottosezioneAlpi Venoste
SupergruppoAlpi Venoste Orientali
GruppoCresta di Senales
SottogruppoGruppo del Similaum
CodiceII/A-16.I-A.5.b

Il Similaun (3607 m s.l.m.) è una montagna delle Alpi Retiche orientali (sottosezione Alpi Venoste), posta lungo la linea di confine tra l'Italia (Trentino-Alto Adige) e l'Austria (Tirolo). Scalata per la prima volta nel 1834 dagli alpinisti Josef Raffeiner e Theodor Kaserer, è particolarmente famosa perché sulle sue pendici nel 1991 fu scoperto Ötzi, la mummia del Similaun.

SalitaModifica

 
Il rifugio Similaun visto dalla fronte del ghiacciaio

La vetta della montagna è facilmente raggiungibile, per alpinisti muniti di equipaggiamento da alta quota e ghiaccio, percorrendo la "via normale" che può essere intrapresa partendo dall'omonimo rifugio Similaun ubicato a 3019 m di quota.

ToponimoModifica

Il nome della montagna è attestato nel 1470 come Symelewner e nel 1770 come Similaun e deriva forse dal diminutivo del patronimico Simon.[1]

NoteModifica

  1. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. III: Die Namen der Gebirgszüge, Gipfelgruppen und Einzelgipfel Südtirols, Bolzano, Athesia, 2000, p. 286. ISBN 88-8266-018-4

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN236475990 · GND (DE4274911-6 · WorldCat Identities (EN236475990