Apri il menu principale

Sirio il Dragone

personaggio de I Cavalieri dello zodiaco
(JA)

«廬山昇龍覇
Rozan shōryūha!»

(IT)

«Colpo segreto del drago nascente!»

(Colpo principale di Shiryu, nella versione originale e del manga, e nell'adattamento italiano dell'anime)
Shiryu di Dragon
ICDZ Sirio.PNG
Shiryu nella saga di Hades
UniversoI Cavalieri dello zodiaco
Nome orig.龍星座の紫龍 (Dragon no Shiryu)
Lingua orig.Giapponese
AutoreMasami Kurumada
StudioToei Animation
EditoreShūeisha
1ª app.
  • Manga: Capitolo 4
  • Anime: Episodio 2
Interpretato daTsuyoshi Kusanagi Musical anni '90 interpretato dagli SMAP
Voci orig.
  • Takahiro Sakurai (2005-2006)
  • Voci italiane
    SessoMaschio
    Luogo di nascitaGiappone
    Data di nascita4 ottobre
    AbilitàVedi sotto

    Shiryu di Dragon (龍星座の紫龍 Dragon no Shiryu?) è un personaggio della serie manga e anime I Cavalieri dello zodiaco, scritto e disegnato da Masami Kurumada.

    È uno dei cinque Cavalieri di Bronzo protagonisti e appartiene alla costellazione del Dragone; in Saint Seiya Next Dimension, sequel della serie originale, viene riconosciuto come futuro Cavaliere d'oro della Bilancia, successore del suo maestro Dohko.

    Nella traduzione del manga e nell'adattamento Dynamic dei film è stato mantenuto il nome originale, che in giapponese significa "Dragone viola"; spesso anche i suoi nemici gli si rivolgono col nome della sua costellazione, diventato nell'adattamento italiano dell'anime un suo ricorrente soprannome mentre il suo nome è diventato Sirio[1].

    Shiryu compare in tutti i film della serie così come in altri media, compresi tutti i videogiochi, OAV e altre serie manga. È stato commercializzato diverso merchandise basato su Shiryu incluse figurine, peluche e numerose action figures.

    Storia (serie classica/Next Dimension/Ω)Modifica

    Serie classicaModifica

    Grande TempioModifica

    Shiryu viene inviato ad allenarsi in Cina, precisamente ai Cinque Picchi[2] vicino al monte Lu, dove viene addestrato da Dohko, l'anziano Cavaliere d'oro della Bilancia[3], e incontrando la giovane Shunrei, un'orfana cresciuta dallo stesso e con la quale nasce un sentimento reciproco.

    In seguito alla conquista dell'armatura partecipa alla Galaxian War affrontando nel secondo incontro Seiya e venendo sconfitto: quest'ultimo, infatti, riesce a trovare il suo punto debole, il cuore[4], ma quando lo salva dagli effetti del suo stesso colpo tra i due nasce una grande amicizia. Dopo l'improvviso arrivo di Ikki e dei Cavalieri neri suoi seguaci, che rubano l'armatura d'oro del Sagittario prevista come premio per il vincitore, Shiryu non si dirige alla ricerca dei vari pezzi con gli amici cavalieri ma si reca da Mu per riparare la sua armatura e quella di Seiya, ripristinandole tramite l'utilizzo di due terzi del suo sangue; superata questa prova di coraggio, il Cavaliere d'oro decide di salvarlo e ordina a Kiki di riportare l'armatura di Pegasus al suo possessore. Dopo la guarigione Shiryu raggiunge la Valle della Morte (nel manga lo scontro avviene nelle caverne del monte Fuji) per aiutare i suoi compagni nella lotta contro i Cavalieri neri: qui affronta prima la sua controparte, Black Dragon (e, solo nel manga, anche il fratello gemello cieco di quest'ultimo),[5] e successivamente, con l'aiuto dei suoi amici, riesce a sconfiggere Ikki, facendolo tornare in sé.[6]

    In seguito Shiryu e i suoi amici si trovano ad affrontare i sicari, tra cui i Cavalieri d'Argento, del Grande Sacerdote, inviati per ucciderli in quanto colpevoli di aver usato le proprie armature per scopi personali e per recuperare l'armatura del Sagittario: i cavalieri apprendono in questo frangente che Saori Kido in realtà è la reincarnazione di Atena e che il Sacerdote aveva provato ad ucciderla quando era in fasce, ma la piccola era stata salvata dal cavaliere del Sagittario Aiolos, che l'aveva affidata al miliardario Mitsumasa Kido.[7] Durante uno di questi scontri Shiryu si trova a confrontarsi con Argor, cavaliere d'argento di Perseo che possiede lo scudo di Medusa, capace di pietrificare all'istante; rimasto solo poiché i suoi compagni erano stati pietrificati, il giovane cavaliere decide di accecarsi con le proprie mani per salvare i suoi amici, riuscendo alla fine a sconfiggere il nemico.[8] A causa della cecità Shiryu rimane fuori dai combattimenti per un breve periodo, ritornando in azione appena prima dello scontro con i Cavalieri d'oro.

    Shiryu si reca quindi in Grecia con Saori, Seiya, Hyoga e Shun per smascherare gli intrighi del Sacerdote trovandosi a combattere contro i Cavalieri d'oro: alla quarta casa affronta Deathmask di Cancer[9], inviato in precedenza ai Cinque Picchi per convincere il suo maestro a schierarsi con il Grande Sacerdote[10] (all'insaputa di Shiryu, infatti, l'anziano maestro è il Cavaliere della Bilancia). Dopo un difficile scontro Shiryu riesce a sconfiggere il malvagio cavaliere vicino allo Yomotsu Hirasaka, il luogo che conduce all'Inferno dove Deathmask lo aveva inviato: la rabbia per l'attacco rivolto dal Cavaliere del cancro a Shunrei, l'aumento del cosmo fino al Settimo senso e la volontà dell'armatura d'oro, che si ribella alla malvagità di Deathmask lasciandolo inerme, decretano la vittoria di Shiryu, che grazie all'espansione del suo cosmo ritrova anche la vista.

    Alla settima casa riesce a liberare l'amico Hyoga dalla teca di ghiaccio in cui l'aveva rinchiuso Camus di Aquarius usando le armi di Libra, mentre alla decima decide di facilitare l'avanzata dei suoi compagni rimanendo indietro a combattere contro Shura di Capricorn: nello scontro con quest'ultimo Shiryu decide di usare una tecnica a lui proibita dal suo maestro, il Rozan Koryuha, con cui sacrifica se stesso per fermare e far capire la verità al cavaliere del Capricorno; quest'ultimo, al culmine della tecnica, capisce di essere stato ingannato dal Grande Sacerdote e decide di rimediare ai suoi sbagli, salvando Shiryu rivestendolo della sua Armatura d'oro e donandogli la sacra spada Excalibur in suo possesso.[11]

    Riportato in vita da Saori, Shiryu, assieme ai suoi compagni, aiuta Seiya, che riesce a battere Saga, il quale si suicida chiedendo perdono ad Atena dopo essere stato epurato della sua parte malvagia.[12]

    AsgardModifica

    Nella saga di Asgard, presente solo nell'anime, Siryu e i suoi compagni affrontano Hilda, celebrante di Odino resa malvagia dall'Anello del Nibelungo, e i cavalieri del nord. Shiryu affronta, sconfiggendoli, prima Fenrir[13], poi Alberich[14], e infine, insieme ai compagni, Siegfried. In questa occasione è proprio Shiryu ad individuare il punto debole dell'avversario, il cuore, indicando a Seiya dove colpire.[15]

    NettunoModifica

    Nella saga di Poseidone, ambientata nel regno sottomarino di quest'ultimo, Shiryu affronta e sconfigge in una dura lotta il Generale degli Abissi Krishna di Chrysaor e distrugge la colonna sacra da lui protetta, ma nello scontro perde temporaneamente la vista a causa della tecnica accecante del nemico.[16] In seguito si dirige verso il tempio del dio mare e, nello scontro decisivo, ottiene il supporto dell'armatura della Bilancia e insieme ai suoi compagni ne utilizza le sacre armi per abbattere l'enorme colonna portante, senza tuttavia riuscirci. Alla fine, insieme ai compagni, riesce a salvare Saori, prigioniera nella colonna portante del regno sottomarino, la quale sigillerà nuovamente il dio dei mari nell'anfora sacra.

    HadesModifica

    Nella serie di Hades Shiryu, dopo aver sconfitto i redivivi Cavalieri d'argento Argor, Dante e Capella (solo nell'anime), si reca al Santuario, ma riceve una fredda accoglienza in quanto Atena aveva ordinato che i cinque Cavalieri di bronzo non dovessero più combattere. In seguito alla morte di Atena e alla corsa verso il castello tedesco base di Hades, riesce a risvegliare l' Ottavo senso per recarsi da vivo nel regno dei morti e portare ad Atena la sua armatura divina.

    Dopo aver sconfitto alcuni Spectre minori insieme a Hyoga[17], si riunisce ai suoi compagni alla Giudecca, quartier generare di Hades nell'oltretomba, davanti al Muro del Pianto, che verrà distrutto grazie all'eroico sacrificio dei Cavalieri d'oro.[18] Lì, prima di addentrarsi nell'iperdimensione che divide l'inferno dall'Elisio, si scontra contemporaneamente con tre potenti Specter, Shilfield di Basilisco, Gordon del Minotauro e Queen di Alraune, sconfiggendoli, per poi essere trasportato nell'Elisio da Hyoga, che aveva risvegliato le ali della sua armatura.

    Durante lo scontro nell'Elisio la sua armatura diventa un'armatura divina grazie al suo cosmo e al sangue di Atena ricevuto in precedenza[19] e grazie ad essa Shiryu riesce a sconfiggere il dio Hypnos assieme a Hyoga e con il supporto dei suoi compagni si unisce ad Atena per infliggere il colpo di grazia ad Hades.[20]

    Next Dimension (in corso)Modifica

     
    Sirio sulla copertina del settimo volume dell'edizione italiana di Saint Seiya - Next Dimension - Myth of Hades

    Nel manga seguito canonico della serie classica Next Dimension, ambientato poco dopo lo scontro con Hades, Shiryu, insieme a Shunrei, ha adottato un bambino orfano di nome Shoryu e vivono insieme ai cinque picchi (Goro-ho). Egli viene raggiunto da Hyoga che gli chiede di aiutarlo per salvare Seiya dalla maledizione di Hades, rifiutando però la proposta. In seguito giunge l'Angelo Toma che si scontra con lui colpendolo più volte e gettandolo poi nella grande cascata. In seguito a questo duello, Shiryu decide di muoversi e di raggiungere Hyoga. Giunto alle pendici del monte Olimpo, si unirà a Hyoga (anche lui in quel luogo) e insieme raggiungeranno il lago di Chronos (accompagnati dalla strega lunare Ecate) dal quale varcheranno il passaggio spazio-temporale che li conduce nel XVIII secolo, dove si trova Atena. Giunto nel passato, Shiryu cadrà dinnanzi alla settima casa della Bilancia, dove troverà ad attenderlo il suo vecchio maestro di quel tempo, il Gold Saint della Bilancia Dohko (da giovane), al quale cercherà di spiegare tutto l'accaduto, ma il Gold Saint, trovando difficile credere all'incredibile storia che Shiryu gli racconta, decide di scacciarlo scontrandosi contro di lui tramite le tecniche segrete Rozan Shoryu-ha. Al termine di un breve scontro, Dohko riconosce Shiryu come sue erede e allievo nel futuro, dicendogli che in futuro sarà anche il suo degno successore (Gold Saint di Libra). Poi lo fa proseguire verso l'ottava casa con l'incarico di raggiungere Atena e proteggerla[21]. Tentando di raggiungere l'ottava casa dello scorpione, Shiryu si accorge che lo scorrere del tempo si è alterato, è cadendo in una distorsione spazio-temporale Shiryu vedrà un sogno che gli mostrerà come sarà la sua vita nel futuro.[22] Giunto alla casa dello Scorpione si scontra contro il Gold Saint Ecarlate dello Scorpione che lo colpisce con tutte é 15 le punture dello Scorpione, le 15 mortali Scarlet Needle. Alla fine del duello passerà l'ottava casa, nella quale ha ottenuto dal Dio Dragone, la "gemma del drago" che ora appare nel suo tatuaggio e ch'era nascosta nel bastone del suo maestro Dohko.[23] Intanto al Santuario si verificano dei terremoti è risorge dalle profondità del terreno il gigantesco Tempio del leggendario Ofiuco, la cui energia soprannaturale addormentata tutti gli abitanti del Santuario compresi tutti i Saints. Shiryu invece non viene colpito dalla soprannaturale energia e prosegue entrando insieme a Shun (che incontra lungo la scalinata) nel tempio di Ofiuco...[24]

    Saint Seiya ΩModifica

    In Saint Seiya Ω, serie animata non canonica ambientata molti anni dopo la saga di Hades, Shiryu e Shunrei hanno avuto un figlio di nome Ryuho, il quale è stato personalmente addestrato dal padre che ha perso tutti e cinque i sensi in un combattimento anni prima. In seguito riesce a recuperarli e nella seconda serie, in veste di nuovo Cavaliere della Bilancia, aiuterà a sconfiggere alcuni guerrieri palassite della dea Pallas.

    ArmaturaModifica

    L'armatura del dragone era posizionata ai piedi della cascata dei Cinque picchi (la prova finale per ottenerla è proprio invertirne il corso grazie al proprio cosmo) e si dice che la forza della corrente l'abbia resa più resistente del normale; dal colore verde acqua, sul bracciale sinistro essa reca lo scudo del drago, che si dice essere indistruttibile: tale fame si è tuttavia rivelata falsa, essendo stato questo più volte tagliato o perforato da avversari potenti. Lo scudo tuttavia offre a Shiryu una grande protezione dagli assalti fisici e non.

    Il bracciale destro si dice essere potente in attacco quanto lo scudo in difesa, infatti quando Shiryu si colpisce lo scudo nello scontro con Seiya entrambi vanno a pezzi. Durante la serie di Hades, grazie al sangue di Atena, l'armatura subirà un'evoluzione e sul bracciale destro compariranno le forme della testa del drago che risiedevano prima sull'elmo.

    Dopo la battaglia alle dodici case, l'armatura viene riparata e rigenerata grazie al sangue dei Cavalieri d'oro ed è diventata Dragone di Smeraldo (nome usato solo nell'adattamento italiano dell'anime)[25].

    Shiryu ha utilizzato spesso l'armatura della Bilancia o alcune sue armi, in particolare contro Poseidon, nel terzo film contro Febo e contro Thanatos nella serie di Hades.

    SegnoModifica

     
    Il Dragone cinese che ha ispirato Kurumada, qui nella bandiera della dinastia Qing

    Il Dragone raffigurato da Kurumada prima e da Araki in seguito non è il drago della mitologia cui la costellazione del Dragone è associato. Come per altri personaggi, ad esempio Ban, l'autore di Saint Seiya ha compiuto originali e apprezzabili commistioni di culture rendendo la storia un riuscito intreccio di tradizioni e personaggi. Sfruttando l'idea generica di drago presente in svariati luoghi del mondo (basti pensare al Galles o al mito di San Giorgio) e la presenza della costellazione in cielo, Kurumada ha raffigurato il Dragone più come un Drago cinese abbandonando l'immagine greca del Drago sconfitto da Eracle. Questa scelta abbraccia in maniera nettamente migliore lo spirito dell'opera, basato sullo scontro fisico tipicamente orientale, ma si sposa bene anche con l'evoluzione del personaggio e sul luogo della sua vita prima dell'investitura, ovvero la Cina.

    Sia la rappresentazione dei vari draghi che compaiono durante l'esecuzione dei colpi di Shiryu, sia l'elmo della prima armatura e il bracciale della terza richiamano in maniera evidente il Drago orientale.

    ColpiModifica

    • Rozan Shoryuha (廬山昇龍覇 Rozan Shōryūha?, Sommo drago che sorge dai monti Ro[26]): il colpo principale di Shiryu, con cui ferisce o addirittura uccide. Concentrando il suo cosmo, il Cavaliere del Dragone scaglia un potentissimo pugno dal quale sorge un enorme dragone; con questa tecnica è stato in grado di invertire il corso della grande cascata dei Cinque Picchi (nel manga viene spiegato come ciò sia impossibile per qualsiasi uomo sulla Terra a meno che non sia un Saint che sappia usare pienamente i grandi poteri del cosmo[27]). Il punto debole di questa tecnica è che, durante il lancio, il cuore di Shiryu rimane indifeso al contrattacco del nemico per un centesimo di secondo; come visto in Next Dimension, poi, questa tecnica non ha alcun effetto contro Shiryu stesso poiché la conosce troppo bene e quindi sa come neutralizzarla[28]. Nell'adattamento anime italiano il nome della tecnica è stato tradotto in Colpo Segreto del Drago Nascente.
    • Rozan Ryuhisho (廬山龍飛翔 Rozan Ryūhishō?, Volo del drago della montagna Ro[26]): Shiryu attacca l'avversario dall'alto proiettandosi contro di esso in volo con tutto il suo corpo; in Saint Seiya Encyclopedia è descritta come una tecnica molto violenta e viene mostrata solo nel manga classico. Il nome Colpo del drago volante è stato utilizzato nella prima edizione del manga pubblicato da Granata Press, mentre nell'adattamento italiano dell'anime questa tecnica viene chiamata come la precedente.
    • Rozan Hyakuryuha (廬山百龍覇 Rozan Hyakuryūha?, Colpo dei cento draghi del monte Ro[26]): variante più complessa e potente del Rozan Shoryuha con la quale Shiryu scaglia numerosi pugni sotto forma di draghi contro il nemico. Appresa dal proprio maestro dopo averla vista in un'unica occasione, viene utilizzata nella serie di Hades. Nell'adattamento italiano dell'anime è chiamato Colpo dei cento Draghi Nascenti e nel manga classico viene descritta come "una serie di innumerevoli draghi che attraversano il cielo"[29].
    • Rozan Koryuha (廬山亢龍覇 Rozan Kōryūha?): la tecnica più potente di Shiryu, in grado di renderlo più forte di qualsiasi avversario, persino gli dei, a costo però della sua stessa vita; nel manga viene spiegato che, attraverso essa, Shiryu concentra tutto il potere della costellazione del Drago dentro il suo corpo e ciò lo rende incredibilmente potente ma con le gravissime conseguenze già indicate[30], motivo per cui il suo maestro Dohko gliene ha proibito categoricamente l'uso. Nell'eseguire questo colpo Shiryu afferra l'avversario alle spalle e, richiamando a sé il grande cosmo della sua costellazione, lo immobilizza per poi innalzarsi verso il cielo a grande velocità sino a fuoriuscire dall'atmosfera. Nell'adattamento italiano dell'anime è chiamato Pienezza del Dragone.
    • Excalibur (聖剣(エクスカリバー) Ekusukaribā?, lett. spada sacra, ma pronunciata Excalibur attraverso l'uso del furigana): tecnica ereditata da Shura di Capricorn con cui Shiryu è capace di tagliare qualunque cosa grazie alla lama che risiede nel suo braccio destro; per poter essere eseguita, tuttavia, Shiryu deve raggiungere il Settimo senso.

    Errori e peculiaritàModifica

    • Shiryu perde la vista ben due volte nell'arco della serie; inoltre, nella saga di Asgard (presente solo nell'anime), Shiryu viene ferito agli occhi da Fenrir, divenendo temporaneamente cieco a causa del sangue versato sugli occhi. Negli ultimi episodi dell'anime contro Poseidon sembra quasi riottenere la vista, e anche Hyoga sembra rivedere dall'occhio danneggiato da Isaac di Kraken; tuttavia, nella serie di Hades, Shiryu è di nuovo completamente cieco e Hyoga ha ancora l'occhio sinistro bendato. Non è quindi chiaro con che logica la vista ritorni o rimanga preclusa a questi due personaggi. Questo errore non è presente nel manga.

    Altri mediaModifica

    Shiryu è apparso in tutti i film tratti dalla serie. Nel musical del gruppo SMAP prodotto negli anni novanta è interpretato da Katsuyuki Mori[31]. È apparso anche in tutte le serie videogiochi ispirati all'opera, e in quelli per la PlayStation 2 è doppiato dal suo storico seiyu Hirotaka Suzuoki (1986-1991, 2002) e in seguito da Takahiro Sakurai (2005-2006), e come personaggio giocabile nei due videogiochi per PlayStation 3. Sirio è inoltre giocabile nel videogioco crossover Jump Force.

    FilmModifica

    Nei primi quattro film della serie il ruolo di Shiryu è essenzialmente quello di trarre in salvo Saori insieme ai suoi compagni scontrandosi con vari guerrieri.

    Nel quinto film, Le porte del paradiso (uscito prima di Next Dimension) Shiryu si reca al Santuario per salvare Atena da Artemis. In questa occasione affronta l'Angel Odisseo e lo sconfigge con l'aiuto di Hyoga.

    In I Cavalieri dello zodiaco: La leggenda del Grande Tempio Shiryu rimane lo stesso a livello caratteriale e di aspetto del manga; l'unica differenza è l'elmo, che gli ricopre del tutto la testa, dove, in mezzo alla fronte, è presente l'effigie del drago, e la sua armatura è percorsa dal suo cosmo sotto forma di linee azzurre. La sua caratteristica principale è che non si toglie mai l'armatura, tranne durante lo scontro con Deathmask, che lo aveva privato della sua armatura del cancro.

    AccoglienzaModifica

    In Giappone, Shiryu è il personaggio più popolare di Saint Seiya, essendosi classificato primo in un sondaggio relativo ai cinque protagonisti.[32] Come per altri protagonisti di anime e manga sul personaggio sono stati distribuiti vari articoli di merchandising, come plushes[33] e action figure con le differenti armature (si vedano i vari modellini della serie Myth Cloth). Nel manga Proteggi la mia terra di Saki Iwatari, l'autrice - fan indiscussa dell'anime - cita spesso Saint Seya in maniera più o meno velata nei primi numeri della serie, ad esempio i suoi personaggi si trasformano in Hyoga, Shun e lo stesso Shiryu.

    NoteModifica

    1. ^ Nell'edizione italiana il personaggio viene erroneamente chiamato Dragone anche in alcuni flashback in cui appare bambino, quindi prima di conquistare l'armatura e il titolo. Tale errore deriva dalla scelta di adattamento di non dare nomi propri a parecchi personaggi come Pegasus, Phoenix e Andromeda)
    2. ^ Incorretta traduzione di Cinque Antichi Picchi (五老峰S, WǔlǎofēngP), in giapponese Gorōhō
    3. ^ Nel manga Sirio è il solo allievo di Libra, mentre nell'anime si allena insieme a Demetrios
    4. ^ Saint Seiya volume 2, capitolo 3: Battaglia Mortale! Pegasus contro Dragon
    5. ^ Saint Seiya volume 4, capitolo 4: Battaglia cruenta! Drago contro Drago. Nel manga Dragone Nero è aiutato da un fratello cieco chiamato Dragone Nascosto
    6. ^ Saint Seiya volume 5, capitolo 2: Brucia, Fenice!
    7. ^ Saint Seiya volume 7, capitolo 3: Scontro fra Gold Cloth!
    8. ^ Saint Seiya volume 7, capitolo 1: Per un futuro grandioso
    9. ^ Saint Seiya volume 8, capitolo 2: Battaglia mortale nella Casa del Cancro
    10. ^ Saint Seiya volume 8, capitolo 1: Battaglia finale
    11. ^ Saint Seiya volume 11, capitolo 3: Shura, l'uomo che brandisce la Spada Sacra!
    12. ^ Saint Seiya volume 13, capitolo 2: La rinascita di Atena
    13. ^ I Cavalieri dello Zodiaco, episodio 79, 80, 81: Verso Asgard, Fede negli uomini, Duplice battaglia
    14. ^ I Cavalieri dello Zodiaco, episodio 89, 90: Le anime della natura, L'orsa maggiore
    15. ^ I Cavalieri dello Zodiaco, episodio 97: Nettuno signore dei mari
    16. ^ Saint Seiya volume 15, capitolo 4: La lancia d'oro contro la sacra spada Excalibur e Saint Seiya volume 16, capitolo 1: Colpire i Chakra!
    17. ^ Saint Seiya volume 24, capitolo 3: Verso la Giudecca!
    18. ^ Saint Seiya volume 26, capitolo 3: I Gold Cloth uniti
    19. ^ Saint Seiya volume 28, capitolo 2: Insieme nel tempio di Hades!
    20. ^ Saint Seiya volume 28, capitolo 4: Verso un mondo pieno di luce
    21. ^ Saint Seiya Next Dimension JPOP volume 7
    22. ^ Saint Seiya Next Dimension volume 10
    23. ^ Saint Seiya Next Dimension volume 11
    24. ^ Saint Seiya Next Dimension volume 12
    25. ^ nome apparso solo nella versione italiana della serie animata che si è adeguata ai nomi utilizzati dalla Giochi Preziosi per i modellini dei Cavalieri con le nuove armature
    26. ^ a b c Traduzione Star Comics
    27. ^ Saint Seiya Perfect Edition volume 2
    28. ^ Saint Seiya Next Dimension volume 8
    29. ^ Saint Seiya Perfect Edition 16
    30. ^ Saint Seiya Perfect Edition 11
    31. ^ Articolo sul musical, su spaghettihero.altervista.org (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2009).
    32. ^ Masami Kurumada, Popularity polls, in Saint Seiya, Volume 3, Viz Media, 2004, ISBN 1-59116-299-8.
    33. ^ japanimation.com Saint Seiya Plush Doll, japanimation.com. URL consultato l'11 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

    Voci correlateModifica

      Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga