Apri il menu principale

Star Wars: L'erede dei Jedi

Star Wars: L'erede dei Jedi
Titolo originaleStar Wars: Heir to the Jedi
AutoreKevin Hearne
1ª ed. originale2015
1ª ed. italiana2016
Genereromanzo
Sottogenerespace opera militare
Lingua originale inglese
AmbientazioneGuerra Civile Galattica
PersonaggiLuke Skywalker
SerieGuerre stellari

Star Wars: L'erede dei Jedi (Star Wars: Heir to the Jedi), noto anche come L'erede dei Jedi, è un romanzo di fantascienza di Kevin Hearne, ambientato nell'universo di Guerre stellari, pubblicato il 3 marzo 2015. Situato tra il film Una nuova speranza e L'Impero colpisce ancora,[1][2] segue le prime avventure di Luke Skywalker dopo la distruzione della Morte Nera. Il romanzo è considerato canonico ed è il terzo da quando la Lucasfilm ha ridefinito il canone nell'aprile 2014.[3][4][5] Il romanzo è stato pubblicato il italiano il 27 ottobre 2016.[2]

L'erede dei Jedi è scritto in prima persona, con Luke come voce narrante; è solo il secondo romanzo di Guerre stellari con questo stile narrativo (il primo è un romanzo del 1997 facente parte dell'universo espanso).[1]

Indice

TramaModifica

Accoglienza e criticaModifica

L'erede dei Jedi ha debuttato tra i "Best Sellers" del The New York Times nell'edizione cartacea del 22 marzo 2015.[6]

NoteModifica

  1. ^ a b Jesse Schedeen, Star Wars: Heir to the Jedi Review, IGN, 6 marzo 2015. URL consultato il 27 maggio 2016.
  2. ^ a b Star Wars: L'erede dei Jedi, su edizioni.multiplayer.it. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  3. ^ Graeme McMilian, Lucasfilm Unveils New Plans for Star Wars Expanded Universe, in The Hollywood Reporter, 25 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2016.
  4. ^ The Legendary Star Wars Expanded Universe Turns a New Page, StarWars.com, 25 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2016.
  5. ^ Disney and Random House announce relaunch of Star Wars Adult Fiction line, StarWars.com, 25 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2016.
  6. ^ Best Sellers - The New York Times, su nytimes.com, 22 marzo 2015. URL consultato il 9 dicembre 2016.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica