Stazione di Buttafava

Buttafava
stazione ferroviaria
Buttafava stazione ferr.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàArcore
Coordinate45°37′17.04″N 9°18′04.39″E / 45.6214°N 9.30122°E45.6214; 9.30122Coordinate: 45°37′17.04″N 9°18′04.39″E / 45.6214°N 9.30122°E45.6214; 9.30122
LineeMonza-Molteno-Lecco
Caratteristiche
Tipofermata in superficie, passante
Stato attualein uso
GestoreRete Ferroviaria Italiana
Attivazione1911
Binari1

La stazione di Buttafava è una fermata ferroviaria posta sulla linea Monza-Molteno-Lecco, presso la località Buttafava (Ca' Bianca[1]) nel territorio comunale di Arcore.

StoriaModifica

La fermata fu aperta nel 1911, come la totalità della linea; sebbene fortemente decentrata rispetto al paese, venne realizzata al fine di dotare comunque la cittadina di una stazione anche sulla nuova ferrovia Monza-Molteno, pur se più spartana rispetto alla stazione già esistente nel centro della città lungo la ferrovia Milano-Monza-Lecco.

Strutture e impiantiModifica

La stazione dispone di una struttura principale, risalente al primo decennio del XX secolo, restaurata ma chiusa al pubblico,contenente i locali tecnici e di una secondaria, di più recente costruzione (ex servizi igienici) con accessi murati.

MovimentoModifica

Servizio ferroviario suburbano di Milano
Linea S7
     Milano Porta Garibaldi    
     Milano Greco Pirelli
   Sesto San Giovanni  
     Monza
   Monza Sobborghi
   Villasanta
   Buttafava
   Biassono-Lesmo Parco
   Macherio-Canonica
   Triuggio-Ponte Albiate
   Carate-Calò
   Villa Raverio
   Besana
   Renate-Veduggio
   Cassago-Nibionno-Bulciago
   Costa Masnaga
     Molteno
     Oggiono
   Sala al Barro-Galbiate
   Civate
   Valmadrera
     Lecco

La fermata è servita esclusivamente dalla linea S7 (Milano-Molteno-Lecco) del servizio ferroviario suburbano di Milano, svolta con frequenza oraria da Trenord nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Lombardia.

Parco di MonzaModifica

La stazione si trova a circa 1,5 Km dall'ingresso "Porta San Giorgio" del Parco di Monza,[2][3][4] raggiungere il quale a piedi è tuttavia non semplice: per arrivarvi bisognava infatti percorrere un tratto di strada asfaltata, che corre in parte accanto alla base Scout di Villasanta e centro ippico Monzese (CIM) e attraversare il fiume Lambro in località San Giorgio, con uno stretto ponte storico (risalente all'età Napoleonica, con architettura riconducibile a quella degli altri ponti interni al Parco), il quale è adibito sia al traffico automobilistico che ciclopedonale, ma manca di una sede esclusivamente dedicata al transito pedonale, assente anche nei tratti di strada immediatamente precedenti e successivi al ponte, anch'essi di ristretta carreggiata (in tali tratti, compreso il ponte, il traffico dei veicoli è infatti a senso alternato regolato da semaforo).

NoteModifica

Altri progettiModifica