Stradey Park

stadio di rugby gallese a Llanelli
Stradey Park
Parc y Strade
Stradey Park.jpg
Stradey Park nel 2006
Informazioni generali
StatoRegno Unito Regno Unito
   Galles Galles
UbicazionePemberton Park, Llanelli SA14 9UZ
Inizio lavori1879
Inaugurazione1879
Chiusura24 ottobre 2008
Demolizione12 agosto 2010
ProprietarioLlanelli R.F.C.
Informazioni tecniche
Posti a sedere10 800
Mat. del terrenotappeto erboso
Uso e beneficiari
Rugby a 15
Mappa di localizzazione

Stradey Park (in gallese Parc y Strade) fu un impianto rugbistico di Llanelli, città del Regno Unito facente parte della contea gallese del Carmarthenshire.

Costruito nel 1879, fu per più di 120 anni la casa del locale club, il Llanelli e, dal 2001, con la nascita della Celtic League, anche della franchise professionistica legata a tale territorio, gli Scarlets.

Fu anche sede di diversi incontri internazionali del Galles e ospitò due edizioni della Coppa del Mondo di rugby, nel 1991 e nel 1999.

Non più adatto alle esigenze di capienza e sicurezza imposte dal rugby professionistico, fu chiuso nel 2008 e demolito poco dopo per lasciare spazio a immobili d'abitazione; il suo posto fu preso dal Parc y Scarlets.

StoriaModifica

 
LlanelliSudafrica, incontro tenutosi a Stradey Park nel 1951

Fin dalla sua nascita nel 1879 lo stadio servì come impianto interno del Llanelli, e nel 1887 fu scelto per ospitarvi per la prima volta un incontro internazionale del Galles nel corso dell'Home Championship contro l'Inghilterra, ma gli ospiti si rifiutarono di giocare per via del terreno ghiacciato[1]; la partita fu spostata nell'adiacente campo di cricket e solo 4 anni più tardi, nel 1891, fu possibile vedere all'opera due squadre nazionali, quando l'Irlanda affrontò i gallesi il 7 marzo di quell'anno[1]. Non risultano cifre ufficiali circa il numero di spettatori di tale incontro, ma all'epoca il South Wales Daily News stimò che Stradey Park avesse registrato la maggiore affluenza di sempre in città[2].

Insieme all'incontro del 1893, di nuovo contro l'Irlanda, fu l'ultimo del Galles in tale stadio per più di un secolo[3]: passarono 105 anni per rivedere infatti la squadra nazionale a Llanelli, in un'amichevole contro l'Italia[4].

Tra gli incontri più degni di rilievo tenutesi dal Llanelli a Stradey Park figurano la vittoria sull'Australia nel 1967 per 11-0 e quella per 9-3 sulla Nuova Zelanda durante il tour degli All Blacks 1972-73[5][6].

Nel 1991 lo stadio fu sede di un incontro della seconda edizione della Coppa del Mondo di rugby che l'Inghilterra si trovò a organizzare: il calendario assegnò a Stradey Park la gara di apertura del girone C tra Argentina e Australia[7], futura campione del mondo, che vinse 32-19. Singolarmente, otto anni più tardi, quando la Coppa fu organizzata dal Galles, fu di nuovo l'Argentina di scena nell'unico incontro che Stradey Park ospitò in quell'edizione, una vittoria 32-16 contro Samoa[8].

All'epoca dell'accoglimento della sua seconda Coppa del Mondo Stradley Park era già di proprietà della Welsh Rugby Union, che l'aveva rilevato nel 1997 per 1,25 milioni di sterline dal Llanelli caduto vittima della crisi finanziaria susseguente all'avvento del professionismo[9]; nel 2004 il Llanelli decise di costruire un nuovo stadio e di non investire nella ristrutturazione di Stradey Park perché troppo costoso[10] e non più adatto ad accogliere la neonata franchise dei Llanelli Scarlets in Celtic League; a tale scopo esercitò il diritto di riacquisto di Stradey Park nel 2005[9] in ottica di una futura capitalizzazione.

Nella stagione sportiva 2006-07 lo stadio fu concesso anche alla concittadina formazione calcistica del Llanelli in occasione dei suoi impegni continentali a seguito della sua prima partecipazione alla Coppa UEFA[11].

Nel 2008 il Llanelli vendette lo stadio all'immobiliare Taylor Wimpey[12], che già dall'anno precedente aveva progettato di edificare circa 300 appartamenti in villini bipiano sull'area dell'impianto una volta demolito[12]; il 24 ottobre di quell'anno Llanelli disputò il suo ultimo incontro allo Stradey Park, una netta vittoria 27-0 sull'inglese Bristol in Coppa Anglo-Gallese[13].

Nell'estate del 2010 lo stadio fu, infine, demolito[14]; quasi tutto il suo materiale fu riciclato nella successiva costruzione, iniziata nel 2011[15], delle abitazioni che sorsero sull'area[14].

Incontri di rilievoModifica

Llanelli
4 ottobre 1991, ore 15 UTC+0
Coppa del Mondo di rugby 1991, girone C
Argentina  19 – 32
referto
  AustraliaStradey Park (11 000 spett.)
Arbitro:   David Bishop

Llanelli
10 ottobre 1999, ore 12 UTC+1
Coppa del Mondo di rugby 1999, girone D
Argentina  32 – 16
referto
  SamoaStradey Park (11 000 spett.)
Arbitro:   Wayne Erickson

NoteModifica

  1. ^ a b Godwin, p. 16.
  2. ^ Godwin, p. 30.
  3. ^ (EN) Incontri del Galles a Stradey Park, su espn.co.uk, ESPN Sports Media Ltd. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  4. ^ Rugby, tutto esaurito per Galles - Italia, in la Repubblica, 7 febbraio 1998. URL consultato il 31 gennaio 2020.
  5. ^ (EN) Llanelli 9-3 All Blacks. The Day the Gods Smiled on the Scarlets, in WalesOnline, 25 ottobre 2012. URL consultato il 31 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2017).
  6. ^ (EN) History, su llanellirfc.co.uk, Llanelli R.F.C.. URL consultato il 31 gennaio 2020 (archiviato il 30 gennaio 2020).
  7. ^ Meares, p. 43.
  8. ^ (EN) Paul Rees, Samoa lose it in scrum, in The Guardian, 11 ottobre 1999. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  9. ^ a b (EN) Stradey Park bought back from WRU, in BBC, 1º novembre 2005. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  10. ^ (EN) Scarlets to leave Stradey, in BBC, 24 marzo 2004. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  11. ^ (EN) Greg Demetriou, Whole new ball game for Llanelli, su uefa.com, UEFA, 13 luglio 2016. URL consultato il 1º febbraio 2020 (archiviato il 1º febbraio 2020).
  12. ^ a b (EN) Assembly ministers to rule on Stradey Park homes, in BBC, 23 luglio 2010. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  13. ^ (EN) Scarlets win on Stradey farewell, in BBC, 24 ottobre 2008. URL consultato il 1º febbraio 2020.
  14. ^ a b (EN) Lindsay Gale, Final whistle blows for Welsh rugby union stadium, su khl.com, 12 agosto 2010. URL consultato il 1º febbraio 2020 (archiviato il 1º febbraio 2020).
  15. ^ (EN) Llanelli Stradey homes granted final go-ahead, in BBC, 21 gennaio 2011. URL consultato il 1º febbraio 2020.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica