Apri il menu principale

Coppa del Mondo di rugby 1991

2ª edizione della Coppa del Mondo di rugby
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omologo femminile tenutosi nello stesso anno, vedi Coppa del Mondo di rugby femminile 1991.
Coppa del Mondo di rugby 1991
1991 IRB Rugby World Cup
Logo della competizione
Competizione Coppa del Mondo di rugby
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione
Organizzatore World Rugby e Rugby Football Union
Date dal 3 ottobre 1991
al 2 novembre 1991
Paese organizz. Inghilterra Inghilterra
Luogo Francia, Irlanda, Inghilterra, Scozia e Galles
Partecipanti 16 (33 alle qualificazioni)
Formula A gironi + play-off
Sede finale Stadio di Twickenham (Londra)
Risultati
Vincitore Australia Australia
(1º titolo)
Finalista Inghilterra Inghilterra
Terzo Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Statistiche
Miglior marcatore Irlanda Ralph Keyes (68)
Record mete Australia David Campese
Francia Jean-B. Lafond
Nuova Zelanda Craig Green
Nuova Zelanda John Kirwan (6)
Incontri disputati 32
Pubblico 1 007 760
(31 493 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Coppa del Mondo di rugby 1987 Coppa del Mondo di rugby 1995 Right arrow.svg

La Coppa del Mondo di rugby 1991 (ingl. 1991 IRB Rugby World Cup) fu la II edizione di tale competizione. Fu organizzata dall'Inghilterra con incontri anche negli altri 4 paesi del Torneo delle 5 nazioni.


StoriaModifica

Come per l'edizione inaugurale del 1987 essa fu dominata dalle nazioni membri dell'International Rugby Football Board (IRFB) (il Sudafrica venne escluso a causa del boicottaggio verso l'Apartheid). Ben sei delle sette squadre citate giunsero ai quarti, con l'esclusione del Galles, eliminato dalle Samoa.

L'ultima squadra qualificata per i quarti fu il Canada che eliminò Romania e Figi.

Nei quarti Scozia e Nuova Zelanda ebbero vita facile con Samoa e Canada, mentre l'Inghilterra, guidata da Rob Andrew,superava a Parigi la Francia. Emozionante il finale dell'ultimo quarto a Dublino tra Australia ed Irlanda, con sorpasso irlandese a due minuti dalla fine (meta) e controsorpasso australiano nel recupero ad opera di Michael Lynagh.

Nelle semifinali, l'Australia riusciva a superare i campioni uscenti della Nuova Zelanda (16-6), grazie ad un eccezionale primo tempo e alle magie di David Campese. Nell'altra semifinale, a Edimburgo l'Inghilterra superava la Scozia in una partita decisa dai calci (9-6) e da un clamoroso errore su punizione dello scozzese Gavin Hastings.

Uno stadio di Twickenham stracolmo vide gli Wallabies battere 12-6 un'Inghilterra che aveva cercato di abbandonare il gioco chiuso e basato sugli avanti per un gioco alla mano; l'unica meta dell'incontro fu marcata dall'australiano Tony Daly, mentre i punti al piede furono realizzati da Michael Lynagh ancora per l'Australia (una trasformazione e due piazzati) e Jonathan Webb per gli inglesi (due piazzati)[1].

Qualificazioni e squadre partecipantiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni alla Coppa del Mondo di rugby 1991.
Africa Americhe Asia Europa Oceania
  Francia
  Galles
  Inghilterra (organizzatore)
  Irlanda
  Scozia
  Australia
  Figi
  Nuova Zelanda (campione uscente)
  Zimbabwe (Africa 1)   Argentina (Americhe 2)
  Canada (Americhe 1)
  Stati Uniti (Americhe 3)
  Giappone (Asia/Oceania 2)   Italia (Europa 1)
  Romania (Europa 2)
  Samoa Occidentali (Asia/Oceania 1)

ImpiantiModifica

FormulaModifica

Fase a gironiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Fase a gironi della Coppa del Mondo di rugby 1991.

Fase a play-offModifica

Quarti di finale Semifinali Finale
19 ottobre, Edimburgo
    Scozia   28
26 ottobre, Edimburgo
    Samoa Occidentali   6  
    Scozia   6
19 ottobre, Parigi
      Inghilterra   9  
    Francia   10
2 novembre, Londra
    Inghilterra   19  
    Inghilterra   6
20 ottobre, Dublino
      Australia   12
    Irlanda   18
27 ottobre, Dublino
    Australia   19  
    Australia   16 Finale 3º posto
20 ottobre, Villeneuve-d'Ascq
      Nuova Zelanda   6  
    Canada   13     Scozia   6
    Nuova Zelanda   29       Nuova Zelanda   13
30 ottobre, Cardiff

Quarti di finaleModifica

Edimburgo
19 ottobre 1991, ore 13 UTC+0
Scozia  28 – 6
referto
  Samoa OccidentaliMurrayfield (54 000 spett.)
Arbitro:   Derek Bevan

Parigi
19 ottobre 1991, ore 15 UTC+1
Francia  10 – 19
referto
  InghilterraParco dei Principi (46 749 spett.)
Arbitro:   David Bishop

Dublino
20 ottobre 1991, ore 13 UTC+0
Irlanda  18 – 19
referto
  AustraliaLansdowne Road (54 500 spett.)
Arbitro:   Jim Fleming

Villeneuve-d'Ascq
20 ottobre 1991, ore 15 UTC+1
Canada  13 – 29
referto
  Nuova ZelandaStadium Lille Métropole (30 360 spett.)
Arbitro:   Fred Howard

SemifinaliModifica

Edimburgo
26 ottobre 1991, ore 14:30 UTC+0
Scozia  6 – 9
referto
  InghilterraMurrayfield (54 000 spett.)
Arbitro:   Kerry Fitzgerald

Dublino
27 ottobre 1991, ore 14:30 GMT
Australia  16 – 6
referto
  Nuova ZelandaLansdowne Road (54 000 spett.)
Arbitro:   Jim Fleming

Finale per il 3º postoModifica

Cardiff
30 ottobre 1991, ore 14:30 UTC+0
Nuova Zelanda  13 – 6
referto
  ScoziaArms Park (37 000 spett.)
Arbitro:   Stephen Hilditch

FinaleModifica

Londra
2 novembre 1991, ore 14:30 UTC+0
Inghilterra  6 – 12
referto
  AustraliaTwickenham (56 208 spett.)
Arbitro:   Derek Bevan

StatisticheModifica

NoteModifica

  1. ^ Corrado Sannucci, Campese, il segno del rugby, in la Repubblica, 3 novembre 1991. URL consultato l'11 gennaio 2011.

BibliografiaModifica

  • (EN) Simon Barclay, 1987 Tournament, in The IRB Rugby World Cup 1987-2011 Complete Match Results & Records, London, Silverthorn Press Sports Reference, pp. 5-31, ISBN 1-4478-9956-3.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13154381045430291863 · LCCN (ENno2018156299 · GND (DE16204553-0 · WorldCat Identities (ENno2018-156299
  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby