Suppone I (... – 887) fu conte di Asti (dal 880 all'887) e di Torino.

VitaModifica

Figlio di Adelchi/Adalgiso I, apparteneva alla dinastia franca dei Supponidi; era fratello di Engelberga, moglie di Ludovico II il Giovane e cugino di Suppone III, duca di Spoleto. Dopo quasi 80 anni dalle notizie del conte Enrico del Friuli, il primo documento che cita un nuovo conte astigiano è un placito che risale all'880.

Suppone venne trasferito al comando della contea di Torino e di Asti per volere di Carlo il Calvo[1].

In questo placito, viene nominato Suppone II, quale "comes", Baterico quale visconte di Suppone II e facente le veci in sua assenza ed il vescovo astese Ilduino, reggente la diocesi.

Suppone, secondo il Cipolla[2] morì intorno all'887, visto che l'ultimo suo documento in vita è dell'882 e sua moglie Berta, compare in un documento dell'887 ricordata come vedova.

Inoltre, esiste già un documento di quel periodo in cui il conte di Asti è Oldorico[3].

GenealogiaModifica

Fratelli e sorelle Genitori Nonni Bisnonni
Adelchi I Suppone I Ildebrando di Spoleto

(? la famiglia è franca)

Ignota
Ignota Ignoto
Ignota
Ignota Ignoto Ignoto
Ignota
Ignota Ignoto
Ignota

NoteModifica

  1. ^ Dei Conti d'Asti nei secoli IX, X, XI. Lettera al conte Cesare Balbo, in Operette varie, Botta, Torino, 1860, pag. 292
  2. ^ Cipolla C., Appunti sulla storia di Asti, 1891
  3. ^ Bordone Renato, Città e territorio nell'alto medioevo. La società astigiana dal dominio dei Franchi all'affermazione comunale.Biblioteca Storica Subalpina, Torino 1980

BibliografiaModifica

  • Bianco A., Asti Medievale, Ed CRA 1960
  • Cipolla Carlo, Appunti per la storia di Asti, 1891
  • De Canis G.S., Proposta per una lettura della corografia astigiana, C.R.A 1977
  • Ferro, Arleri, Campassi, Antichi Cronisti Astesi, ed. dell'Orso 1990 ISBN 88-7649-061-2
  • Gabiani Nicola, Asti nei principali suoi ricordi storici vol 1, 2, 3. Tip. Vinassa 1927-1934
  • Gabiani Nicola, Le torri le case-forti ed i palazzi nobili medievali in Asti, A. Forni ed. 1978
  • Gabotto F., Le più antiche carte dell'archivio capitolare di Asti (Corpus Chart. Italiae XIX). Pinerolo Chiantore-Mascarelli 1904
  • Gorrini G., Il comune astigiano e la sua storiografia. Firenze Ademollo & c. 1884
  • Grassi S., Storia della Città di Asti vol I, II. Atesa ed. 1987
  • Taricco S., Piccola storia dell'arte astigiana. Quaderno del Platano Ed. Il Platano 1994

Voci correlateModifica