Türkmenabat

Türkmenabat
città
Türkmenabat – Stemma
Türkmenabat – Veduta
Localizzazione
StatoTurkmenistan Turkmenistan
ProvinciaLebap
DistrettoNon presente
Territorio
Coordinate39°05′N 63°34′E / 39.083333°N 63.566667°E39.083333; 63.566667 (Türkmenabat)
Altitudine187 m s.l.m.
Abitanti234 800 (2005)
Altre informazioni
Cod. postale746100
Prefisso422
Fuso orarioUTC+5
TargaLB
Cartografia
Mappa di localizzazione: Turkmenistan
Türkmenabat
Türkmenabat

Türkmenabat (in cirillico: Түркменабат), è una città del Turkmenistan, sita nella provincia di Lebap, della quale è capoluogo; sorge sulle rive dell'Amu Darya, al confine con l'Uzbekistan.

StoriaModifica

Türkmenabat, precedentemente conosciuta come Chardjui (in persiano: "quattro ruscelli") è un luogo con 2.000 anni di storia; la moderna città industriale venne fondata nel 1886, durante la costruzione della ferrovia trans-caspica.
L'antico nome dell'insediamento, Āmul, sembrerebbe aver influenzato il toponimo del fiume Amu Darya.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Una consistente parte della popolazione è di etnia uzbeka, fattore che ha fortemente condizionato la cultura e i costumi locali.

EconomiaModifica

Il suo ruolo come nodo ferroviario e l'alta fertilità della regione dell'Amu-Darya ha reso Türkmenabat il maggior mercato per i prodotti agricoli nel nord est del Turkmenistan. Sono presenti industrie per la lavorazione del cibo, del tessile, del cotone e della seta. Ai tempi dell'Unione Sovietica era inoltre il principale centro turkmeno nei settori industriale e del trasporto; tuttavia dopo la caduta dell'Unione nel 1991, e la conseguente indipendenza del Turkmenistan, la maggior parte dei lavori ad essi collegati sono stati spostati nella capitale Aşgabat o soppressi.

Infrastrutture e trasportiModifica

La città è servita dal vicino aeroporto di Türkmenabat dal quale partono voli per Aşgabat e da una stazione ferroviaria che la collega alle città uzbeche di Nukus e Urgench.

AttrattiveModifica

Circa 70 km a sud di Türkmenabat si trova la riserva desertica di Repetek, nota per gli zemzen, "coccodrilli del deserto".

ClimaModifica

Türkmenabat
(1991-2020)
Fonte:[1]
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 7,910,817,524,830,735,536,735,230,123,314,98,79,124,335,822,823,0
T. mediaC) 2,64,911,017,823,728,329,627,421,514,78,03,53,717,528,414,716,1
T. min. mediaC) −1,70,05,211,016,019,921,318,913,17,22,4−0,8−0,810,720,07,69,4
T. max. assolutaC) 24,0
(1963)
28,4
(1963)
35,9
(2018)
40,3
(1975)
42,9
(2021)
45,1
(2021)
46,2
(2021)
43,0
(1997)
40,4
(1998)
37,3
(2013)
31,9
(2006)
26,6
(2015)
28,442,946,240,446,2
T. min. assolutaC) −23,8
(1900)
−22,2
(1969)
−16,3
(1898)
−4,6
(1960)
0,8
(1989)
9,4
(1981)
11,2
(1947)
8,9
(2005)
0,0
(1973)
−9,5
(1894)
−19,8
(1910)
−22,8
(1929)
−23,8−16,38,9−19,8−23,8
Precipitazioni (mm) 18252517151,00,70,40,63,012,013,056,057,02,115,6130,7

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN138484952 · LCCN (ENn88187438 · J9U (ENHE987007567327705171 (topic)
  Portale Turkmenistan: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Turkmenistan