Mese

suddivisione dell'anno
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Mese (disambigua).

Il mese è una suddivisione dell'anno. Etimologicamente, il termine mese ha la stessa radice dell'inglese moon e del tedesco Mond, entrambi col significato di luna[1].

Nella maggior parte dei calendari, il mese dura una trentina di giorni e, di conseguenza, l'anno conta solitamente 12 mesi. Nel comune calendario gregoriano, come nella maggior parte dei calendari solari, l'anno consta dei seguenti 12 mesi[2]:

  1. gennaio, di 31 giorni
  2. febbraio, di 28 giorni (29 se l'anno è bisestile)
  3. marzo, di 31 giorni
  4. aprile, di 30 giorni
  5. maggio, di 31 giorni
  6. giugno, di 30 giorni
  7. luglio, di 31 giorni
  8. agosto, di 31 giorni
  9. settembre, di 30 giorni
  10. ottobre, di 31 giorni
  11. novembre, di 30 giorni
  12. dicembre, di 31 giorni

Indice

Mese lunareModifica

Il mese lunare è il periodo di tempo che corrisponde a una rivoluzione completa della Luna attorno alla Terra, cioè poco più di ventinove giorni e mezzo[2].

Mese solareModifica

Con "mese solare" si intende comunemente il periodo dal primo all'ultimo giorno di un mese, indipendentemente dal numero di giorni di cui è composto. Può essere tale, ad esempio, la durata di un abbonamento mensile ai mezzi pubblici di trasporto.

Il riferimento astronomico al Sole è dunque privo di qualsiasi nesso con rapporti di quadratura/opposizione/fase tra terra, luna, sole, o qualsiasi altro astro, essendo l'attuale suddivisione dell'anno slegata da eventi astromici.

Offerte o bilanci a mese solare vanno quindi a prendere in considerazione eventi tra il primo giorno e l'ultimo di un determinato mese; Es.: "abbonamento TV-SUPERSPORT mensile 50 euro (mese solare)" significa che a prescindere da quando si sottoscrive l'abbonamento, esso costa 50 euro e vale dall'inizio alla fine del mese nel cui lo si è attivato - eventualmente perdendo la fruizione del periodo già trascorso - o l'interezza di uno specifico mese prescelto nel futuro[senza fonte].

Ricordare il numero di giorni di ogni meseModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Trenta dì conta novembre.
 
Schema illustrativo.

Per ricordarsi il numero di giorni di ogni mese si può ricorrere alla filastrocca "30 giorni ha novembre, con april, giugno e settembre, di 28 ce n'è uno, tutti gli altri ne han 31". Per lo stesso motivo esiste anche un vecchio trucco: basta unire i pugni e contare i mesi sulle nocche e gli avvallamenti delle mani partendo dal pugno sinistro (proprio come se si stesse leggendo un libro). Se il mese cade su una nocca, allora è di 31 giorni, se cade su un avvallamento, allora è di 30 giorni (ovviamente ricordando l'eccezione di febbraio). Con il primo pugno si arriva a luglio, poi si prosegue o sull'altro pugno, o anche ricominciando da capo sullo stesso. Si può usare anche un solo pugno: partendo dalla 1ª nocca corrispondente a gennaio e proseguendo con l'avvallamento per febbraio giunti alla 5ª nocca questa si conta una seconda volta per poi tornare indietro.

Una curiosa corrispondenza c'è anche con i tasti del pianoforte infatti partendo dal fa (tasto bianco lungo) e per una intera ottava (12 tasti consecutivi) si trova ordinatamente che i tasti bianchi corrispondono ai mesi di 31 giorni a partire da gennaio e i tasti neri ai mesi di durata minore.

 
I mesi dell'anno disposti su una tastiera da pianoforte.

I mesi nell'arteModifica

Vari sono i cicli dei mesi rappresentati nell'arte. Si ricordano, nella scultura, il ciclo dei Mesi di Benedetto Antelami nel Battistero di Parma; i Mesi del duomo di Modena e del duomo di Ferrara nonché quelli del portale della Basilica di San Marco a Venezia. Nella pittura notevoli sono il Ciclo dei Mesi nella Torre Aquila del castello del Buonconsiglio a Trento; i mesi e i simboli astrologici affrescati nel Palazzo della Ragione (Padova); il salone dei Mesi nel Palazzo Schifanoia a Ferrara.

I mesi nella poesiaModifica

Numerosi sono stati i poeti che hanno cantato i mesi dell'anno e le manifestazioni della natura in essi. Ad esempio "il maggio odoroso" in A Silvia di Giacomo Leopardi, le poesie X agosto e Novembre [3] in Myricae di Giovanni Pascoli e I pastori di Gabriele D'Annunzio.[4] È da ricordare anche la poesia Pioggia d'Agosto di Gozzano.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica