Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il comune della Slovacchia, vedi Trávnik.
Travnik
comune
(HRBS) Travnik
(SRBS) Травник
Travnik – Stemma Travnik – Bandiera
Travnik – Veduta
Minareto di una moschea della città.
Localizzazione
StatoBosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
EntitàFederazione di Bosnia ed Erzegovina
CantoneCoat of arms of Central Bosnia.svg Bosnia Centrale
Amministrazione
SindacoAdmir Hadžiemrić (SDA)
Territorio
Coordinate44°14′N 17°40′E / 44.233333°N 17.666667°E44.233333; 17.666667 (Travnik)Coordinate: 44°14′N 17°40′E / 44.233333°N 17.666667°E44.233333; 17.666667 (Travnik)
Altitudine514 m s.l.m.
Superficie529[1] km²
Abitanti57 543 (2013)
Densità108,78 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale72270
Prefisso+387 30
Fuso orarioUTC+1
Codice FZS11061
Cartografia
Mappa di localizzazione: Bosnia ed Erzegovina
Travnik
Travnik
Sito istituzionale
Casa natale di Ivo Andrić.

Travnik (in latini Herbosa, ae, f.; in cirillico serbo Травник; letteralmente prato) è un comune della Federazione di Bosnia ed Erzegovina situato nel Cantone della Bosnia Centrale con 57.543 abitanti al censimento 2013[2].

Situata circa 80 chilometri a nord-ovest di Saraievo, Travnik è famosa per aver dato i natali al Premio Nobel per la letteratura Ivo Andrić.

Indice

Geografia fisicaModifica

Incastonata nella stretta valle del fiume Lašva, con i monti Vlasic (a nord) e Vilenica (a sud) a farle da cornice, Travnik gode di una naturale posizione strategica eccezionale, dettaglio che non passerà mai inosservato agli occhi degli attenti osservatori politici.

StoriaModifica

Medio EvoModifica

Nel Medioevo Travnik era una delle più importanti città dello stato bosniaco.

Occupazione ottomanaModifica

Durante il periodo di occupazione ottomana dei Balcani, Travnik divenne la residenza del Visir, il governatore del Sultano. di quell'epoca conserva ancora, anche dopo i furiosi scontri dell'ultima guerra civile jugoslava, notevoli testimonianze: diverse moschee, scuole coraniche ed altri edifici dell'epoca ottomana.

Agli inizi del 1800 anche Francia ed Austria inviarono a Travnik i loro rappresentanti; in questo periodo la città divenne il più importante centro diplomatico della Bosnia e conobbe una rapida crescita, tanto da divenire presto un punto di riferimento anche per gli scambi commerciali.

Occupazione austro-ungaricaModifica

Durante il periodo di occupazione austro-ungarica, Travnik conobbe una rapida crescita industriale. Le sue industrie si specializzano nella tessitura e nella produzione e lavorazione del legno, tanto che ancora oggi rimane il più importante centro della Bosnia per entrambe le produzioni.

Dichiarazione d'indipendenza e guerra civileModifica

A seguito della dichiarazione di indipendenza della Bosnia ed Erzegovina, la resistenza nazionalista serba crebbe e si propagò in tutto il paese, sfociando nella guerra civile del 1992. Di questo terribile conflitto, il più violento e sanguinoso dalla Seconda guerra mondiale, la città porta ancora oggi i segni.

Con gli accordi di Dayton del 1995 Travnik venne integrata nella Repubblica Federale della Bosnia Erzegovina; nel 1998 ottenne lo status ufficiale di UNHCR Open City, città protetta dall'Alto Commissariato ONU per i rifugiati, in cui la popolazione delle diverse etnie vive insieme pacificamente.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

SportModifica

CalcioModifica

La squadra principale della città è il Nogometni Klub Travnik.

NoteModifica

  1. ^ superficie dei comuni della Federazione di Bosnia ed Erzegovina, pag.12 (PDF), su fzs.ba. URL consultato il 27 agosto 2012 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2012).
  2. ^ Popolazione al censimento 2013 dal sito ufficiale (PDF), su bhas.ba. URL consultato il 9 novembre 2013.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN141924089 · LCCN (ENn82211279 · GND (DE4119690-9 · BNF (FRcb120763961 (data) · WorldCat Identities (ENn82-211279
  Portale Bosnia ed Erzegovina: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Bosnia ed Erzegovina