Apri il menu principale

Troilo IV de' Rossi

condottiero italiano
Troilo IV de' Rossi
Troilo IV de' Rossi.jpg
Troilo IV de' Rossi
NascitaSan Secondo, 1601
MorteMilano, 1635
Dati militari
Paese servitoFlag of Milan.svg Ducato di Milano
Flag of Cross of Burgundy.svg Spagna
Kingdom of Savoy.svg Ducato di Savoia
voci di militari presenti su Wikipedia

Troilo IV de' Rossi, marchese di San Secondo (San Secondo Parmense, 30 settembre 1601Milano, 13 novembre 1635), è stato un condottiero italiano del XVII secolo, sesto marchese e undicesimo conte di San Secondo.

BiografiaModifica

Figlio di Federico I de' Rossi e di Isabella Borromeo, nipote del Cardinale Federico, nel 1624 fu inviato da Odoardo Farnese in qualità di ambasciatore per giurare fedeltà al pontefice Urbano VIII.

Partecipò con il padre Federico alla guerra di Savoia succedendogli poi alla guida del marchesato nel 1632. Comandante di una compagnia d'arme dello stato di Milano fu decorato con il Toson d'oro nel 1633 come riconoscimento della fedeltà alla Spagna nella guerra scoppiata contro i francesi. Sempre nel 1633 corse in soccorso di Valenza Po assediata dalle truppe transalpine. In occasione di quella battaglia Troilo IV uccise un generale dell'esercito farnesiano affiliato alla Francia.[1]

A causa della fedeltà del Rossi alla Spagna e con il pretesto dell'uccisione del generale il duca di Parma Odoardo alleato dei francesi gli confiscò per vendetta il feudo di San Secondo. Nel 1635 fu mandato in Valtellina per muovere guerra al principe di Rohan che aveva occupato il territorio. Ferito gravemente si ritirò a Milano dove morì a causa delle ferite riportate nel novembre del 1635.[2]

In assenza di eredi maschi il marchesato passò al fratello Pietro Maria IV[3]

DiscendenzaModifica

Dal matrimonio con Claudia Tassoni Estense, figlia di Ercole Marchese di Guiglia (risposatasi in Teobaldo Visconti Marchese di Cislago e Conte di Gallarate), ebbe una sola figlia: Isabella.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro
«Fedeltà alla Spagna nella guerra contro i francesi»
— Milano

NoteModifica

  1. ^ Elisabetta Fadda e altri, Oratorio del Serraglio San Secondo Parmense, Parma, Grafiche Step, 2000, p. 105.
  2. ^ Portale dedicato alla Storia di Parma e a Parma nella Storia, a cura dell'Istituzione delle Biblioteche di Parma ::: Dizionario biografico: Rondani-Ruzzi, su www.parmaelasuastoria.it. URL consultato il 20 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2015).
  3. ^ Dinastia_dei_Rossi, su www.cortedeirossi.it. URL consultato il 20 novembre 2015.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, 1819-1883, Le Famiglie Celebri Italiane, I Rossi di Parma.
  • Marco Pellegri, Il Castello e la terra di San Secondo,1979.
  • Giuseppe Maria Cavalli Cenni storici della borgata di San Secondo, 1870

Voci correlateModifica