Apri il menu principale

Valerio Magrelli

poeta italiano

BiografiaModifica

Dopo aver frequentato il Liceo Sperimentale della Bufalotta di Roma, si è laureato in Filosofia all'Università di Roma, per poi intraprendere la carriera universitaria: ha insegnato Lingua e letteratura francese all'Università di Pisa [1] e all'Università di Cassino.[2]

Ha tradotto autori francesi come Stéphane Mallarmé, Paul Valéry, Paul Verlaine, Roland Barthes. Ha diretto in passato una collana di poesia per l'editore Guanda,[1] prima di passare a dirigere (1993) per Einaudi una serie trilingue riguardante la collana Scrittori tradotti da scrittori[3]. Nel 1996, il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro gli ha conferito il Premio nazionale per la traduzione[3].

Nel 2011, ha pubblicato per Einaudi Il Sessantotto realizzato da Mediaset, un'opera in forma di dialogo (il sottotitolo è Un dialogo agli Inferi), in cui un poeta, "Il Tenerissimo", si confronta con Niccolò Machiavelli sullo stato della nazione italiana: gli eventi cruciali della Storia dell'Italia repubblicana sono passati sotto esame fino alla Seconda repubblica, in cui - è questa la tesi di arrivo del libro - l'era della politica berlusconiana, dei berluscones e del berlusconismo decreta il compiersi delle aspirazioni e delle istanze che serpeggiavano nel Sessantotto e nella contestazione italiana.

Magrelli collabora con il quotidiano La Repubblica; contribuisce anche alle pagine culturali di diversi quotidiani e riviste italiane fra cui "Il Messaggero", "L'Unità", "Diario", "Avvenire", la rivista ufficiale della SIAE "Viva Verdi" e altrove.

Nel settembre 2015, in collaborazione con Corrado Augias, ha realizzato un'opera in DVD (settimanalmente in edicola con La Repubblica.), dedicata ai maggiori poeti italiani.[4]

OpereModifica

LibriModifica

Altri scrittiModifica

  • Profilo del Dada, Lucarini, Roma 1990
  • La casa del pensiero: introduzione all'opera di Joseph Joubert, Pacini, Ospedaletto, Pisa 1995
  • Vedersi vedersi. Modelli e circuiti visivi nell'opera di Paul Valéry, Einaudi, Torino 2002
    • Se voir se voir. Modèles et circuits visuels dans l'oeuvre de Paul Valéry (édition revue et complétée), tradotto da Angela Ciancimino e Pascale Climent-Delteil, L'Harmattan, Parigi 2005
  • Che cos'è la poesia? La poesia raccontata ai ragazzi in ventuno voci. Con CD Audio, Luca Sossella Editore, Roma 2005.
  • Magica e velenosa: Roma nel racconto degli scrittori stranieri, GLF editori Laterza, Roma-Bari 2010
  • Nero sonetto solubile: dieci autori riscrivono una poesia di Baudelaire, Laterza, Roma 2010
  • Il violino di Frankenstein: scritti per e sulla musica, prefazione di Guido Barbieri, postfazione di Gabriele Pedullà, Le lettere, Firenze 2010
  • Il Sessantotto realizzato da Mediaset: un dialogo agli inferi, Einaudi, Torino 2011
  • Millennium poetry: viaggio sentimentale nella poesia italiana, Il mulino, Bologna 2015

Traduzioni e curateleModifica

  • Paul Valery, L'idea fissa, o Due uomini al mare, introduzione, traduzione e cura di Valerio Magrelli, Theoria, Roma, Napoli 1985
    • Il mio Faust, traduzioni di Valerio Magrelli e Giancarlo Pontiggia; con uno scritto di Giancarlo Pontiggia, SE, Milano 1992
  • Paul Verlaine, La buona canzone, a cura di Valerio Magrelli, Amadeus, Maser 1986
  • Claude Debussy, Il signor Croche antidilettante, a cura di Valerio Magrelli, Studio Tesi, Pordenone 1986
  • Poeti francesi del Novecento
    • 1: Peguy, Claudel, Jarry, Fargue, Jacob, Supervielle, Toulet, Larbaud, Cendrars, Apollinaire, Valery, Reverdy, Jouve, a cura di Valerio Magrelli, Lucarini, Roma 1991
    • 2. Cocteau, Radiguet, Tzara, Breton, Eluard, Aragon, Soupault, Desnos, Prevert, Roussel, Artaud, Queneau, Saint-John Perse, Michaux, Char, Ponge, a cura di Valerio Magrelli, Lucarini, Roma 1991
  • Roland Barthes, Dove lei non è: diario di lutto: 26 ottobre 1977-15 settembre 1979, a cura di Nathalie Léger; traduzione di Valerio Magrelli, Einaudi, Torino 2010

RiconoscimentiModifica

In virtù della sua attività letteraria, Magrelli ha ottenuto molti premi letterari, fra cui il Premio Laudomia Bonanni, il Premio Nazionale Letterario Pisa per la poesia,[15] il Premio Frascati,[16] il Premio LericiPea per l'inedito,[17] il Premio Letterario Castelfiorentino alla carriera (2014)[1], il Premio Feronia-Città di Fiano[18] e il Premio Librex Montale.[19] Nel 2002 l'Accademia Nazionale dei Lincei gli ha conferito il Premio Antonio Feltrinelli per la poesia.[20][21]

Le opere di Magrelli sono state tradotte, fra le altre, in lingua inglese, francese, spagnola, serba e croata.[1]

OnorificenzeModifica

  Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi»
— 26 maggio 2005[22]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Il «Premio speciale» 2014 a Valerio Magrelli, su premioletterariocastelfiorentino.it. URL consultato il 25 agosto 2019.
  2. ^ Magrelli, su gazzettadellaspezia.it. URL consultato il 24 agosto 2019.
  3. ^ a b Valerio Magrelli, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 24 agosto 2019.
  4. ^ Augias e Magrelli presentano La poesia italiana", su video.espresso.repubblica.it. URL consultato il 25 agosto 2019.
  5. ^ Albo d'Oro dei vincitori del Premio Internazionale Letterario Mondello, su premiomondello.it. URL consultato il 24 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  6. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  7. ^ Albo d'oro Premio Brancati, su comune.zafferana-etnea.ct.it. URL consultato il 24 agosto 2019.
  8. ^ premio Rhegium Julii, su circolorhegiumjulii.wordpress.com. URL consultato il 3 novembre 2018.
  9. ^ La poesia, su treccani.it. URL consultato il 24 agosto 2019.
  10. ^ Edizioni 2003-2006, su premionapoli.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  11. ^ a b VALERIO MAGRELLI ‘SUPER-PREMIATO’ AL MONDELLO 2013, su premiomondello.it. URL consultato il 24 agosto 2019.
  12. ^ Premio Campiello, opere premiate nelle precedenti edizioni, su premiocampiello.org. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  13. ^ MAGRELLI E CUCCHI: AL BAGUTTA VINCE LA POESIA, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 24 agosto 2019.
  14. ^ Premio Lerici Pea 2014 "Edito" a Valerio Magrelli, su lericipea.com. URL consultato il 24 agosto 2019.
  15. ^ Albo d'oro, su premionazionaleletterariopisa.onweb.it. URL consultato il 7 novembre 2019.
  16. ^ Storia del Premio, su frascatipoesia.it. URL consultato il 25 agosto 2019.
  17. ^ Tutti i vincitori, su lericipea.com. URL consultato il 24 agosto 2019.
  18. ^ Premio Feronia Città di Fiano Filippo Bettini XXII edizione 2014, su comune.fianoromano.rm.it. URL consultato il 25 agosto 2019.
  19. ^ Valerio Magrelli, su 900letterario.it. URL consultato il 25 agosto 2019.
  20. ^ PREMI «Antonio Feltrinelli» FINORA CONFERITI, su lincei.it. URL consultato il 24 agosto 2019.
  21. ^ Valerio Magrelli, su memoriafestival.it. URL consultato il 24 agosto 2019.
  22. ^ Magrelli Prof. Valerio su quirinale.it

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2505210 · ISNI (EN0000 0001 2098 4463 · SBN IT\ICCU\CFIV\053084 · LCCN (ENn79048203 · GND (DE11943959X · BNF (FRcb12127396d (data) · WorldCat Identities (ENn79-048203