Apri il menu principale

Varanus

genere di animale della famiglia Varanidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Varanus
Varanus varius1.jpg
Un varano australiano
(Varanus varius) su un albero.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Lepidosauria
Ordine Squamata
Sottordine Lacertilia
Infraordine Platynota
Superfamiglia Varanoidea
Famiglia Varanidae
Hardwicke & Gray, 1827
Genere Varanus
Merrem, 1820
Specie

Vedi il testo.

Varanus Merrem, 1820 è un genere di sauri, unico genere della famiglia Varanidae. Comprende alcuni tra i più grandi rettili viventi, tra cui il varano di Komodo.

Indice

EtimologiaModifica

Il nome "varano" deriva dalla parola araba waral ("ورل") ossia "guardiano" (nei paesi anglofoni i varani vengono chiamati monitor lizards, ossia "lucertole-guardiano"). Sembra che la sua abitudine di ergersi sulle zampe posteriori, potendo così controllare meglio il territorio circostante, gli sia valsa il nome arabo originale. Secondo una leggenda, i varani avvertivano la gente che i coccodrilli erano nelle vicinanze.

DescrizioneModifica

I varani sono considerate lucertole derivate, che possiedono un tasso metabolico relativamente alto per i rettili e che sono dotati di parecchi adattamenti sensitivi, i quali li avvantaggiano nella caccia alle loro prede. Studi recenti indicano che i varanidi posseggono un veleno molto debole. Alcuni varanidi sono apparentemente capaci di riprodursi in modo asessuato.

Distribuzione e habitatModifica

Le varie specie di varano coprono un'ampia zona, compresa tra l'Africa, il sud dell'India, dallo Sri Lanka alla Cina, a sud dell'Asia sud-orientale, l'Indonesia, le Filippine, la Nuova Guinea, l'Australia e le isole dell'oceano indiano e del Mar Cinese meridionale.

EvoluzioneModifica

Sviluppatisi nel corso del Cretaceo superiore (circa 90 milioni di anni fa), i varanidi discendono da un probabile antenato con abitudini scavatrici, appartenente al gruppo dei Platynota. Tra le varie forme di questo periodo, da ricordare il gigantesco Palaeosaniwa e il velenoso Estesia. I primi resti fossili attribuibili ai varanidi (Telmasaurus, Saniwides) risalgono alla fine del Cretaceo, ma esemplari completi (Saniwa) si conoscono solo in terreni dell'Eocene (circa 50 milioni di anni fa). Il primo rappresentante ben noto del genere Varanus risale al Miocene inferiore (circa 18 milioni di anni fa) del Kenya: questa specie, nota come Varanus rusingensis, doveva già essere molto simile all'attuale varano del Nilo (Varanus niloticus). Nel Pleistocene australiano (circa 40.000 anni fa) i varani erano piuttosto diffusi, ed esisteva una forma gigantesca, Varanus priscus (precedentemente nota come Megalania prisca), che poteva raggiungere i 7 m di lunghezza.

IntelligenzaModifica

I varani sono molto intelligenti ed alcune specie sembra siano in grado di contare: studi effettuati nutrendo dei V. albigularis in un giardino zoologico di San Diego, hanno indicato che essi sono in grado di riconoscere i numeri fino al sei. Due V. niloticus sono stati osservati mentre si nutrono: uno di loro distrae la femmina di coccodrillo, mentre l'altro razzia il nido per impossessarsi delle uova; il suo partner ritorna, dopo aver distratto a sufficienza il coccodrillo, e insieme si nutrono delle uova. I draghi di komodo (V. komodoensis), nel parco zoologico nazionale di Smithsonian, a Washington DC, riconoscono i loro custodi e posseggono personalità distinte.

ClassificazioneModifica

Sottogenere EmpagusiaModifica

Sottogenere EuprepiosaurusModifica

Sottogenere OdatriaModifica

Sottogenere PapusaurusModifica

Sottogenere PhilippinosaurusModifica

Sottogenere PolydaedalusModifica

Sottogenere PsammosaurusModifica

Sottogenere SoterosaurusModifica

Sottogenere VaranusModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4189094-2