Verbi spagnoli

I verbi spagnoli sono una delle parti più importanti della grammatica spagnola. Lo spagnolo è una lingua sintetica dotata di flessione, quindi per formare le varie persone del verbo aggiunge un suffisso morfologico verbale ad una radice verbale fissa.

Introduzione al sistema verbale spagnoloModifica

 
Coniugazione di "correre" in spagnolo.

Similmente ai verbi nella maggior parte delle lingue indoeuropee, quelli spagnoli subiscono la flessione secondo le seguenti categorie:

Poiché lo spagnolo è una "lingua pro-drop", il pronome personale soggetto viene spesso omesso (a meno che si enfatizza o si usa ogni volta per un qualunque altro motivo).

Il sistema verbale dello spagnolo moderno ha 14 paradigmi distinti e completi[1] (vale a dire insiemi di forme per ogni combinazione di tempo e modo), più un paradigma incompleto[2] (l'imperativo), come pure tre forme atemporali (infinito, gerundio e participio passato) usate per formare tempi come il presente continuato e il passato prossimo o strutture come "verbo servile +infinito" (e.g. "voglio/devo/posso mangiare").

I 14 tempi regolari sono inoltre suddivisi in sette tempi semplici e sette tempi composti (noti anche come perfetti). I sette tempi composti sono formati con il verbo ausiliare haber seguito dal participio passato. I verbi possono essere usati in altre forme, similmente il presente progressivo (inglese), il quale nei trattati di grammatica di solito non viene considerato un tempo speciale, ma solo una delle costruzioni verbali perifrastiche. Come importanza, sono alla pari degli altri verbi, tali per cui si può indicare il presente continuato senza ambiguità (e.g. "io mangio VS io sto mangiando/io sto a mangiare").

Nell'antico spagnolo (Old Spanish) c'erano due tempi (futuro semplice e composto del congiuntivo) che oggi risultano a tutti gli effetti obsoleti.

La coniugazione verbale spagnola è divisa (come quella italiana) in quattro categorie note come modi: indicativo, congiuntivo, condizionale e imperativo più il cosiddetto, secondo la tradizione, modo infinito (le grammatiche più recenti lo chiamano formas no personales ("forme impersonali"). Quest'ultima categoria contiene le tre forme non finite che ogni verbo possiede: infiniti, gerundio e participio passato (più precisamente "participio perfetto passivo"). Il participio passato può concordare per numero e genere proprio come fosse un aggettivo, prendendo quattro possibili forme. C'è inoltre una forma tradizionalmente nota come participio presente (per es. cantante, durmiente), ma di solito viene considerato un aggettivo derivato dal verbo, piuttosto che una forma del verbo stesso, dal momento che non tutti i verbi hanno questa forma.

Un accidente verbale viene definito come uno dei mutamenti della forma che un verbo può subire. I verbi spagnoli hanno cinque accidenti e ogni verbo muta quindi in base a persona e numero, modo (indicativo, imperativo, congiuntivo, condizionale) e tempo (passato/presente/futuro) e aspetto verbale (azione finita/imperfettivo VS non finita/perfettivo in un qualunque modo e tempo). A questi, si aggiunge la diatesi attiva e passiva. Nella seconda, il soggetto agente diventa il paziente (e.g. il bambino mangia la mela VS la mela viene mangiata dal bambino).

Un verbo impersonale, come quelli che indicano il meteo, semplicemente non hanno il pronome personale e si coniugano alla terza persona singolare, come nell'italiano "piove, nevica, fa freddo". I verbi impersonali non sono i "verbi atemporali" (gerundio -ando, -iendo, -iendo; participio passato -ado, -ido, -ido).

I verbi si suddividono in tre coniugazioni regolari, classificate in base alle loro terminazioni dell'infinito in -ar, -er o -ir. (La vocale della terminazione — a, e, i — viene chiamata vocale tematica.) I verbi in -ar (prima coniugazione) sono quelli più numerosi (come accade per la coniugazione italiana dei verbi in -are) e i più regolari; per giunta, i nuovi verbi di solito adottano la forma -ar.

I verbi in -er e -ir sono di meno e comprendono molti verbi irregolari (questi ultimi esistono anche in altre lingue come lo stesso italiano). Ci sono inoltre sottoclassi di verbi semi-regolari che mostrano alternanza vocalica condizionati dall'accento. In generale, molti dei verbi maggiormente usati mostrano delle irregolarità in alcune persone (cioè cambia la radice oltre al suffisso), tale per cui sono irregolari.

Il verbo "avere" come ausiliare è "haber" e non è da confondere con "tener", che indica il verbo avere come verbo principale per esprimere il possesso. In portoghese invece si usa un solo verbo, "ter".

Vengono dati per scontati i pronomi personali (almeno quelli soggetto), inclusi quelli per esprimere formalità (Usted, Ustedes +3° persona) e le varianti in America Latina, e la conoscenza della scrittura e pronuncia dello spagnolo. Queste ultime sono semplici siccome c'è alta corrispondenza tra scrittura e pronuncia, come in italiano e rumeno e contrariamente a lingue come l'inglese. A essa si collega la macro-distinzione tra pronuncia latino-americana e europea (le due caratteristiche più pervasive e evidenti in pronuncia sono il seseo e lo yeismo. Altre differenze superficiali riguardano alcune parti di grammatica e il lessico).

Introduzione ai tempi verbaliModifica

Presente indicativo (presente simple)Modifica

Il tempo presente è un tempo semplice formato dalle terminazioni mostrate sotto per ogni pronome soggetto e coniugazione (le terminazioni comuni hanno le caselle unificate):

Pronome -ar -er -ir
yo -o
-as -es
vos -ás -és -ís
él, ella;

Usted

-a -e
nosotras/nosotros -amos -emos -imos
vosotras/vosotros -áis -éis -ís
ellas/ellos;

Ustedes

-an -en
  • Questo tempo viene usato per indicare un'azione fatta nel presente, anche se esiste anche il presente continuato, con cui quest'uso di disambigua meglio (e.g. María habla con Juan por teléfono, 'Maria sta parlando con Juan al telefono').
  • Si usa anche per le azioni abituali (e.g. María llega al campo todos los sábados, 'María va in campagna ogni sabato').
  • Si usa pure per indicare le verità assolute, che in teoria sono atemporali (e.g. Dos más dos son cuatro, 'Due più due fa quattro'; Los planetas giran alrededor del sol, 'I pianeti girano intorno al sole').
  • Si può usare pure in funzione di presente storico, cioè per parlare di azioni avvenute nel passato (anche lontanissimo) al presente per renderle vivide e/o perché si usa un tono colloquiale (e.g. Fernando Magallanes descubre las Filipinas el 15 de marzo de 1521, 'Ferdinando Magellano scopre le Filippine il 15 marzo del 1521'). Lo stesso avviene con molte altre lingue.
  • Si usa, sempre come avviene pure in italiano e portoghese, anche come versione colloquiale del futuro semplice, cioè per indicare un'azione che avverrà in un futuro anche lontano (e.g. Este junio, viajo a España, 'A giugno, vado in Spagna').
  • In alcune zone della Spagna e America Latina (ma succede anche per l'italiano), il presente può essere usato come versione colloquiale dell'imperativo (e.g. ¡Ahora te vas y pides disculpas al señor Ruiz! 'Adesso vai e chiedi scusa al signor Ruiz').

Imperfetto (pretérito imperfecto)Modifica

L'imperfetto è formato con le seguenti terminazioni:

Pronome -ar -er, -ir
yo -aba -ía
tú; vos -abas -ías
él, ella;

Usted

-aba -ía
nosotras/nosotros -ábamos -íamos
vosotras/vosotros -abais -íais
ellas/ellos;

Ustedes

-aban -ían
  • Questo tempo viene utilizzato per esprimere un'azione fatta abitualmente in un passato non ben determinato (e.g. Cuando era pequeño, hablaba español con mi abuela, 'Quando ero piccolo, parlavo in spagnolo con mia nonna').
  • Esprime un'azione in fase di svolgimento ("Mentre...") interrotta da un'altra azione (e.g. Tomábamos la cena cuando Eduardo entró, 'Stavamo cenando quando Eduardo entrò').
  • Esprime una situazione del passato, come, per esempio, lo sfondo di una narrazione (non è un'azione finita) (e.g. Todo estaba tranquilo esa noche. Juan Eduardo miraba el partido de fútbol con su amigo Alejandro. Comían unas porciones de pizza, 'Tutto era tranquillo quella notte. Juan Eduardo stava guardando la partita di calcio con il suo amico Alejandro. Stavano mangiando delle pizze').
  • In alcuni casi, questo passato può essere usato per esprimere gentilezza/cortesia/politeness. Il caso tipico è quello di dare un ordine con tono smorzato (e.g ¿Podía usted darme la revista? 'Potreste darmi la rivista?').

Passato remoto (pretérito indefinido) e precisazioni sull'imperfetto e passato remotoModifica

Il passato remoto ha le seguenti terminazioni:

Pronome -ar -er, -ir
yo
tú; vos -aste -iste
él, ella;

Usted

-ió
nosotros/nosotras -amos -imos
vosotros/vosotras -asteis -isteis
ellos/ellas;

Ustedes

-aron -ieron
  • Questo tempo viene utilizzato per esprimere un'azione vista come un evento completato, dove spesso viene accompagnata da espressioni avverbiali come ayer, anteayer, la semana pasada, esattamente come nel Simple Past inglese. Molto più usato in Spagna rispetto al corrispettivo italiano, il "preterito indefinito" corrisponde formalmente al passato remoto italiano e al Simple Past inglese, ma spesso viene tradotto con il passato prossimo, che in italiano colloquiale e informale si usa al postro del passato remoto. Alcune difficoltà nell'uso di questo tempo in spagnolo e inglese, confondibile in primis con il passato prossimo, possono derivare proprio dall'assenza di distinzione nell'italiano informale: semplicemente, queste due lingue sono analoghe all'italiano formale e sono più precise, fiscali e tassative nella distinzione (e.g. Ayer, encontré la flor que tú me diste. 'Ieri ho trovato il fiore che tu mi hai dato').
  • Esprime un evento accaduto (e completato) mentre subentra un'altra azione (sempre nel passato), esattamente come nell'inglese "While... when..." (e.g. Tomábamos la cena cuando entró Eduardo. 'Stavamo cenando quando entrò Eduardo').
  • Esprime una realtà appartenente al passato (e.g. Las Filipinas fueron parte del Imperio Español, 'Le Filippine furono parte dell'Impero Spagnolo').

Esistono poi delle parole e frasi chiave che solitamente accompagnano il preterito e non l'imperfetto:

  • ayer (ieri)
  • anteayer (l'altroieri)
  • anoche (stanotte)
  • durante dos siglos (per due secoli)
  • por un rato (per un po')
  • el otro día (l'altro giorno)
  • entonces (allora)
  • luego (allora; e allora/dopo)
  • esta mañana (stamattina)
  • esta tarde (questo pomeriggio)
  • la semana pasada (la settimana scorsa/passata)
  • el mes pasado (il mese scorso)
  • el año pasado (l'anno scorso)
  • hace dos días/semanas/meses/años (due giorni/settimane/mesi/anni fa)
  • de repente (improvvisamente)
  • en 1954 (nel 1954)
  • el 25 de enero (il 25 gennaio)
  • durante (durante)
  • dos veces, tres veces, muchas veces, muchisimas veces (due volte, tre volte, molte volte, moltissime volte)
  • tantas veces, varias veces (tante volte, varie/svariate/diverse volte)
  • nunca (mai)
  • tan pronto como (appena)
  • después que (dopo)
  • desde que (da quando)

E.g.: Esta mañana comí huevos y pan tostado ('Stamattina ho mangiato uova e pane tostato').

Viceversa, eistono parole e frasi chiave che solitamente accompagnano l'imperfetto:

  • a menudo (spesso)
  • a veces (a volte)
  • cada día (ogni giorno)
  • cada semana (ogni settimana)
  • cada mes (ogni mese)
  • cada año (ogni anno)
  • con frecuencia, frecuentemente (frequentemente)
  • de vez en cuando (di tanto in tanto):
  • en aquella época (a quel tempo)
  • generalmente (di solito)
  • todas las semanas (tutte le settimane)
  • todos los días (ogni giorno)
  • todo el tiempo (tutto il tempo)
  • constantemente (costantemente)
  • mientras (mentre)
  • regularmente (regolarmente)
  • por lo general (generalmente)
  • todavía (ancora)
  • ya (già)
  • Eran las tres (erano le 3)
  • Estaba nublado (era nuvoloso)

E.g.: Cada año mi familia iba a Puerto Rico ('Ogni anno la mia famiglia andava a Porto Rico').

Futuro (futuro simple o futuro imperfecto)Modifica

Il tempo futuro usa l'intero infinito come tema a cui vengono aggiunte le seguenti terminazioni:

Pronome -ar, -er, - ir
yo
tú; vos -ás
él, ella;

Usted

nosotros/nosotras -emos
vosotros/vosotras -éis
ellos/ellas;

Ustedes

-án
  • Questo tempo esprime un'azione fatta nel futuro (e.g. El año próximo, Visitaré Buenos Aires, 'Il prossimo anno, visiterò Buenos Aires').
  • Esprime un'ipotesi/congettura se usato come "futuro epistemico", esattamente come in italiano (e.g. — ¿Quién estará tocando a la puerta? — Será Fabio, 'Chi starà bussando alla porta? — Sarà Fabio').
  • In un linguaggio abbastanza forbito, indica pure un comando, come se fosse l'imperativo (e.g. No llevarás a ese hombre a mi casa, 'Non porterai quell'uomo in casa mia').
  • A differenza dell'italiano (ma come in inglese), si usa pure per esprimere un ordine in modo smorzato, cioè serve ancora una volta come marcatore di buona educazione (e.g. Te importará encender la televisión? 'Ti spiacerebbe/spiacerà accendere la televisione?')

"Stare per..."Modifica

Per indicare un'azione sul punto di accadere, si usa il verbo irregolare "ir" (andare) seguito dalla preposizione semplice "a" e l'infinito del verbo. In alternativa, si usa "estar a punto de" +infinito, e.g. Mi padre va a llegar mañana = (lett. Mio padre va ad arrivare domani) "Mio padre sta per arrivare domani"; Mi padre está a punto de llegar = "Mio padre sta sul punto d'arrivare".

Passato prossimo (pretérito perfecto)Modifica

Il passato prossimo, esattamente come il passato prossimo italiano, è un tempo composto (tiempo compuesto) che ha come ausiliare il verbo haber, seguito dal participio passato del verbo principale[3]. Tutti i tempi composti hanno l'ausiliare haber, che cambia in base alla persona, mentre il resto del verbo (il participio passato) è invariabile e finisce sempre in -o, come in italiano. E.g. Te he dicho mi opinión. ('Ti ho detto la mia opinione').

Nella maggior parte della Spagna questo tempo ha un uso aggiuntivo, per esprimere un'azione finita in un tempo non specificato (come in inglese) o che è appena finita/è finita "poco fa" o che ha i suoi effetti nel presente, e.g. Este mes ha llovido mucho, pero hoy hace buen día. ('Questo mese ha piovuto molto, ma oggi è una bella giornata').

Trapassato prossimo (pretérito pluscuamperfecto)Modifica

Similmente al trapassato prossimo italiano, il "trapassato prossimo" ha come ausiliare la forma dell'imperfetto del verbo haber seguito dal participio passato del verbo principale. Questa forma è usata per esprimere un'azione passata che avvenne prima di un'altra. E.g.: Yo había esperado tres horas cuando él llegó. ('Sono stato ad aspettare tre ore prima che arrivasse', lett. "Avevo aspettato tre ore quando arrivò")

Trapassato remoto (pretérito anterior)Modifica

Il trapassato remoto combina la forma preterita di haber con il participio passato del verbo principale. È una forma molto rara nello spagnolo parlato, ma viene talvolta usato nella lingua scritta, quasi interamente limitato alle preposizioni subordinate (temporali, avverbiali) — perciò viene di solito introdotto da congiunzioni temporali cuando, apenas, en cuanto, ecc. Viene impiegato per esprimere un'azione terminata immediatamente prima di un'altra azione passata.

E.g.: Cuando hubieron llegado todos, empezó la ceremonia ('Quando furono arrivati, incominciò la cerimonia').
E.g.: Apenas María hubo terminado la canción, su padre entró. ('Appena Maria ebbe terminata la canzone, suo padre arrivò').

Questo tempo viene spesso sostituito dal preterito "indefinito" o "piuccheperfetto", ottenendo lo stesso esito semantico.

E.g.: Apenas María terminó la canción, su padre entró. ('Appena Maria terminò la canzone, arrivò suo padre')
E.g.: Apenas María había terminado la canción, su padre entró. (lett. 'Appena Maria ebbe terminato la canzone, suo padre arrivò')

Futuro anteriore (futuro compuesto)Modifica

Il futuro anteriore è formato dalla forma del futuro indicativo di haber, seguita dal participio passato del verbo principale, e.g.: Habré hablado. ('Avrò parlato'), "Habràs dicho." ('Avrà detto').

  • Viene usato per indicare un'azione futura terminata prima di un'altra azione futura, e.g.: Cuando yo llegue a la fiesta, ya se habrán marchado todos. ('Quando arrivo alla festa, già se ne saranno andati tutti').
  • Si usa pure per fare supposizioni, come il futuro epistemico base, e.g.: Hace ya una hora que ha terminado la fiesta y Luis no estaba. ¿Por qué no habrá venido? - Imagino que no habrá podido venir debido a su trabajo, 'È già un'ora che è finita la festa e Luis non si è fatto vedere. Come mai non sarà venuto? - Immagino che non avrà potuto venire a causa del suo lavoro').

Condizionale semplice (condicional simple o pospretérito)Modifica

Come nel caso del futuro, il condizionale usa come tema l'intero infinito. Le sue terminazioni sono le seguenti:

Pronome -ar, -er, -ir
yo -ía
tú; vos -ías
él, ella;

Usted

-ía
nosotr@s -íamos
vosotr@s -íais
ellos, ellas;

Ustedes

-ían
  • Come in italiano, si usa per esprimere cortesia quando si fa una richiesta, cioè si smorza un ordine, e.g: Señor, ¿podría darme una copa de vino? 'Signore, potrebbe darmi un bicchiere di vino?')
  • Smorza pure i desideri espressi con il verbo "querer" per non sembrare troppo diretti o non sembrare qualcuno che voglia dare ordini (voglio VS vorrei; desidero VS desidererei). E.g: Querría mirar la película esta semana ('Gradirei vedere il film questa settimana').
  • Si usa pure in una proposizione introdotta da "allora/in tal caso/in quel caso" anche non espresso perché scontato, proposizione la cui realizzazione dipende da un proposizione ipotetica introdotta da "se" più o meno esclusivo (e.g. "se" VS "se e solo se"). E.g. Si yo fuera rico, viajaría a América del Sur, 'Se io fossi ricco, [allora] viaggerei in Sud America'). Quindi si ritrova in sintesi nella struttura pròtasi-apòdosi "se-allora".
  • Si usa per fare speculazioni/congetture/ipotesi riguardo ad eventi passati la conoscenza del parlante è indiretta, non confermata o approssimativa. E.g: —¿Cuantas personas asistían a la inauguración del Presidente? — No sé; habría 5.000, 'Quante persone presenziavano all'inaugurazione del Presidente? — Non so; saranno state 5.000').
  • Esprime un'azione futura immaginata nel passato. E.g: Cuando era pequeño, pensaba que me gustaría ser médico, 'Quando ero piccolo, pensavo che mi sarebbe piaciuto fare il dottore').
  • Esprime pure un suggerimento/consiglio. E.g: Yo que tú, lo olvidaría totalmente, 'Se fossi in te, lo dimenticherei completamente').

Condizionale perfetto o condizionale composto (condicional compuesto o antepospretérito)Modifica

Similmente al corrispettivo italiano, il condizionale composto spagnolo si riferisce a un'ipotetica azione passata.

Si forma aggiungendo al participio del verbo principale l'ausiliare haber al condizionale. E.g.: Yo habría hablado si me hubieran dado la oportunidad, 'Avrei parlato, se mi avessero data l'opportunità'). In italiano e in portoghese colloquiali si sostituisce con l'imperfetto (e.g. "Se lo sapevo te lo dicevo").

Imperativo affermativo e negativo (imperativo positivo y negativo)Modifica

Il modo imperativo ha tre forme specifiche, corrispondenti ai pronomi tú, vos e vosotros ( e vos sono impiegati in diversi dialetti regionali, vosotros solo in Spagna); queste forme sono usate soltanto in espressioni affermative, ma non in quelle negative. Il congiuntivo integra l'imperativo in tutti gli altri casi (il negativo, e le coniugazioni corrispondenti ai pronomi nosotros, él/ella, usted, ellos/ellas e ustedes). la forma in "vos" è usato nello spagnolo rioplatense e in molta parte dell'America Centrale. Il suo uso è accettato dalla Real Academia Española. Il "nosostros" si usa per fare inviti, come il "let's...!" inglese, che comunque si può sostituire con il verbo andare/ir (e.g. "Dai, mangiamo! Andiamo a mangiare!" > ¡Vamos a comer!).

L'imperativo singolare coincide completamente con la terza persona singolare dell'indicativo, tranne per alcuni verbi irregolari. Il plurale vosotros è sempre lo stesso dell'infinito, ma con la -d finale al posto della -r nel formale e nella forma scritta; La forma del parlato informale/colloquiale è la stessa dell'infinito ma quest'ultimo uso è deprecato dall'Accademia Reale Spagnola. Il vos singolare perde la -r dell'infinito, guadagnando un accento scritto indicante la tonicità. Queste forme effettive dell'imperativo sono in grassetto onde distinguerle da quelle propriamente del congiuntivo.

La forma positiva dell'imperativo dei verbi regolari si forma nel seguente modo:

Pronome -ar -er -ir
-a -e
vos
Usted -e -a
nosotr@s -emos -amos
vosotr@s -ad (-ar) -ed (-er) -id (-ir)
Ustedes -en -an

Per l'imperativo negativo, il solito avverbio di negazione no viene collocato davanti al verbo, al cui tema vengono attaccate le seguenti terminazioni:

Pronome -ar -er, -ir
tú; vos -es -as
Usted -e -a
nosotr@s -emos -amos
vosotr@s -éis -áis
Ustedes -en -an

Esempi di imperativoModifica

Viene qui mostrato l'imperativo affermativo del verbo comer in tutte le possibilità:

Soggetto Comando Significato
¡Come! 'Mangia!'
vos ¡Comé! 'Mangia!'
Usted ¡Coma! 'Mangi!'
nosotr@s ¡Comamos! 'Mangiamo!'
vosotr@s ¡Comed! 'Mangiate!'
vosotr@s ¡Comer! Mangiate!
Ustedes ¡Coman! 'Mangino!'

Al negativo, con delle annotazioni, esse sono:

Soggetto Comando Significato Note
¡No comas! 'Non mangiare!' -
vos ¡No comas! 'Non mangiare!' usato nelle aree del voseo; la sola forma accettata dalla Real Academia Española
vos ¡No comás! 'Non mangiare!' usato da tutta la popolazione voseante; non accettato dalla Real Academia Española
Usted ¡No coma! 'non mangi!' o 'non mangiate!' -
nosotr@s ¡No comamos! Non mangiamo! -
vosotr@s ¡No comáis! Non mangiate! Plurale informale in Spagna
Ustedes ¡No coman! Non mangino! Comando formale plurale negativo generale; usato come comando plurale familiare nell'America Latina
Verbo pronominale comerseModifica
Soggetto Comando Significato Note
¡Cómete ...! Mangia! usato in modo enfatico
vos ¡Comete ...! Mangia! Usato nel dialetto rioplatense; accettato dalla Real Academia Española
Usted ¡Cómase ...! Mangi! Singolare formale
nosotr@s ¡Comámonos ...! Mangiamo! la terminazione -s originale si perde davanti al pronome nos, affissato onde evitare suoni cacofonici o dissonanti
vosotr@s ¡Comeos ...! Mangiate! la terminazione -d originale si perde davanti al pronome os, affissato onde evitare suoni cacofonici o dissonanti
vosotr@s ¡Comeros ...! Mangiate! plurale colloquiale usato in Spagna per situazioni informali, sebbene non ammesso dalla Real Academia Española
Ustedes ¡Cómanse ...! Mangino! Comando formale plurale generale; usato come comando plurale familiare nell'America Latina

L'imperativo del verbo ir, che è un verbo irregolare, all'affermativo è:

Pronome Forma imperativa Significato Note
¡Ve! Va! Forma generale dell'imperativo singolare
vos ¡Andá! Va! Usato perché la forma generale nel voseo imperativo viene a perdere la '-d' finale, aggiungendo un accento. Tuttavia, se facciamo questo, la forma sarà 'í'.
Usted ¡Vaya! Vada! La stessa della forma congiuntiva
nosotr@s ¡Vamos! Andiamo! Forma più comune
nosotr@s ¡Vayamos! Andiamo! Forma prescritta ma usata di rado
vosotr@s ¡Id! Andate! Forma prescritta
vosotr@s ¡Ir! Andate! Forma colloquiale
Ustedes ¡Vayan! Vadano! Plurale formale; anche familiare nell'America Latina

Il verbo pronominale irse è irregolare nella forma normativa della seconda persona plurale, dato che non perde la -d o la -r:

  • ¡idos! (vosotros) – Andate via! (plurale usato in situazioni informali, raccomandato dalla Real Academia Española, ma estremamente insolito)
  • ¡iros! (vosotros) – Andate via! (comune in Spagna, e recentemente ammesso dalla Real Academia Española) [1]

Presente congiuntivo (presente de subjuntivo)Modifica

Il modo congiuntivo ha uno schema di coniugazione separata con meno tempi. Usato quasi esclusivamente nelle proposizioni subordinate per esprimere l'opinione o il giudizio del parlante, quali dubbi, possibilità, emozioni ed eventi che possano o meno succedere.

Il presente congiuntivo dei verbi regolari viene formato con le seguenti terminazioni:

Pronome -ar -er, - ir
yo -e -a
tú; vos -es -as
él, ella; Usted -e -a
nosotr@s -emos -amos
vosotr@s -éis -áis
ell@s; Ustedes -en -an

Imperfetto congiuntivo (imperfecto de subjuntivo)Modifica

L'imperfetto del congiuntivo può essere formato con due tipi di terminazioni: in "-ra" o in "-se", come mostrato sotto. Nell'America Latina, le forme in -ra sono virtualmente le sole forme usate, escluse quelle in -se. In Spagna, sono utilizzate entrambi i tipi, ma con prevalenza delle forme in -ra.

Imperfetto congiuntivo, forme -raModifica

Pronomi -ar -er, -ir
yo -ara -iera
tú; vos -aras -ieras
él, ella; Usted -ara -iera
nosotr@s -áramos -iéramos
vosotr@s -arais -ierais
ell@s; Ustedes -aran -ieran

Imperfetto congiuntivo, forme -seModifica

Pronomi -ar -er, -ir
yo -ase -iese
tú; vos -ases -ieses
él, ella; Usted -ase -iese
nosotr@s -ásemos -iésemos
vosotr@s -aseis -ieseis
ell@s; Ustedes -asen -iesen

Futuro congiuntivo (futuro (simple) de subjuntivo)Modifica

Questo tempo non è più impiegato nella lingua moderna, tranne nella lingua giuridica e in alcune espressioni fisse. Le seguenti terminazioni sono legate al tema del preterito:

Pronomi -ar -er, -ir
yo -are -iere
tú; vos -ares -ieres
él, ella; Usted -are -iere
nosotr@s -áremos -iéremos
vosotr@s -areis -ieris
ellos, ellas; Ustedes -aren -ieren
E.g.: Cuando hablaren,... ('Quando possano parlare')

Presente perfetto congiuntivo (pretérito perfecto de subjuntivo)Modifica

Nel modo congiuntivo, le forme del congiuntivo del verbo haber sono usate con il participio passato del verbo principale. Con essa, si formano i tre tempi composti del congiuntivo, di cui questo è il primo. E.g.: Cuando haya hablado... ('Quando io ho/ egli ha /lei abbia parlato,,,,')

Piuccheperfetto congiuntivo (pluscuamperfecto de subjuntivo)Modifica

Questo è il secondo dei tre tempi composti. E.g.: Si hubiera hablado... o Si hubiese hablado... ('Se io avessi parlato, egli/ella avesse parlato...')

Futuro perfetto congiuntivo (futuro compuesto de subjuntivo)Modifica

Similmente al futuro semplice del congiuntivo, questo tempo (l'ultimo tempo composto del congiuntivo) non è ormai più usato nella lingua moderna. E.g.: Cuando hubiere hablado... ('Nel momento in cui possa aver parlato...').

  • Il presente congiuntivo è formato dal tema della prima persona del presente indicativo di un verbo. Tuttavia, per i verbi irregolari, come per es. salir, la prima persona fa salgo[4], mentre il presente congiuntivo sarebbe salga e non *sala[4].
  • La scelta tra il presente e l'imperfetto congiuntivo è determinata dal tempo del verbo principale della frase.
  • Il futuro congiuntivo viene usato di rado nello spagnolo moderno e in massima parte lo si trova in testi antichi, documenti legali e alcune espressioni fisse quali venga lo que viniere ("venga quel che venga", nel senso di "accada quel che accada").

Verbi irregolariModifica

Molti verbi dittongano le vocali tematiche e ed o rispettivamente in ie e ue, in quanto la vocale del tema viene a ricevere l'accento. Tra questi verbi, detti anche a mutamento tematico, troviamo: pensar 'pensare' (pienso, 'penso'), sentarse 'sedersi' (me siento 'mi siedo'), empezar 'iniziare' (empiezo 'io inizio'), volver 'ritornare' (vuelvo 'io ritorno') e acostarse 'coricarsi' (me acuesto 'mi corico').

Virtualmente tutti i verbi della terza coniugazione (-ir), quando hanno nel loro tema -e- od -o-, subiscono un mutamento dell'apertura vocalica in modo che e ed o, in alcune delle loro forme, diventano rispettivamente i e u. Tra questi tipi di verbi troviamo per es. pedir 'chiedere' (pide 'chiede'), competir 'competere' (compite 'compete'), e derretirse 'sciogliersi' (se derrite 'si scioglie').

I verbi cosiddetti (in inglese) "I-Go" aggiungono una -g- mediana alla prima persona singolare del presente (facendo terminare la forma verbale della prima persona in -go — come per esempio: tener 'avere', tengo 'io ho'; venir 'venire', vengo 'vengo')[5]. Questi verbi sono inoltre spesso irregolari in altre forme.

Tavole di coniugazioni verbaliModifica

Sotto sono presenti le tavole di coniugazioni verbali nei tempi principali.

Tavole di coniugazione dei verbi principali e di quelli regolariModifica

Verbi principali (essere, avere [verbo principale], stare)Modifica

Presente indicativo (presente semplice)Modifica

Pronome Verbi
yo yo soy, tengo, estoy
eres, tienes, estás
él, ella;

Usted

es, tiene, está
nosotr@s somos, tenemos, estamos
vosotr@s sois, tenéis, estáis
ell@s;

Ustedes

son, tienen, están

Presente indicativo (presente continuato + passato continuato + futuro epistemico)Modifica

Pronome Verbi
yo estoy—estaba—estaré teniendo
tú estás—estabas—estarás teniendo
él, ella, Usted

está—estaba—estará

teniendo
nosotr@s

estamos—estábamos—estaremos

teniendo
vosotr@s

estáis—estabais—estaréis

teniendo
ell@s, Ustedes

están—estabam—estarán

teniendo

Passato prossimo, trapassato prossimo e futuro anteriore + participio passatoModifica

Pronome Verbi (participio passato)
yo he—había—habré sido, tenido, estado
tú has—habías—habrás sido, tenido, estado
él, ella, Usted

ha---había—habrá

sido, tenido, estado
nosotr@s

hemos—habíamos—habremos

sido, tenido, estado
vosotr@s

habéis—habíais—habréis

sido, tenido, estado
ell@s, Ustedes

han—habían—habrán

sido, tenido, estado

ImperfettoModifica

Pronome Verbi
yo era, tenía, estaba
eras, tenías, estabas
él, ella,

Usted

era, tenía, estaba
nosotr@s éramos, teníamos, estábamos
vosotr@s erais, teníais, estabais
ell@s,

Ustedes

eran, tenían, estaban

Passato remotoModifica

Pronome Verbi
yo fui, tuve, hube, estuve
fuiste, tuviste, hubiste, estuviste
él, ella,

Usted

fue, tuvo, hubo, estuvo
nosotr@s fuimos, tuvimos, hubimos, estuvimos
vosotr@s fuisteis, tuvisteis, hubisteis, estuvisteis
ell@s,

Ustedes

fueron, tuvieron hubieron, estuvieron

Futuro sempliceModifica

Pronome Verbi
yo seré, tendré, estaré
serás, tendrás, estarás
él, ella,

Usted

será, tendrá, estará
nosotr@s seremos, tendremos, estaremos
vosotr@s seréis, tendréis, estaréis
ell@s,

Ustedes

serán, tendrán, estarán

ImperativoModifica

Pronome Verbi
(tú) está
(vosotr@s) estad

Verbi regolari: prima coniugazione, con infinito in -arModifica

Presente indicativo (presente semplice)Modifica

Pronome Verbi
yo hablo
hablas
él, ella,

Usted

habla
nosotr@s hablamos
vosotr@s habláis
ell@s,

Ustedes

hablan

Presente indicativo (presente continuato + passato continuato + futuro epistemico)Modifica

Pronome + estar Verbi (gerundio)
yo estoy—estaba—estaré hablando
tú estás—estabas—estarás hablando
nosotr@s

estamos—estábamos—estaremos

hablando
vosotr@s

estáis—estabais—estaréis

hablando

Passato prossimo, trapassato prossimo e futuro anteriore + participio passatoModifica

Pronome Verbi (participio passato)
yo he—había—habré hablado
tú has—habías—habrás hablado
él, ella, Usted

ha---había—habrás

hablado
nosotr@s

hemos—habíamos—habremos

hablado
vosotr@s

habéis—habíais—habréis

hablado
ell@s, Ustedes

han—habían—habrán

hablado

ImperfettoModifica

Pronome Verbi
yo hablaba
hablabas
él, ella,

Usted

hablaba
nosotr@s hablábamos
vosotr@s hablabais
ell@s,

Ustedes

hablaban

Passato remotoModifica

Pronome Verbi
yo hablé
hablaste
él, ella,

Usted

habló
nosotr@s hablamos
vosotr@s hablasteis
ell@s,

Ustedes

hablaron

Futuro sempliceModifica

Pronome Verbi
yo hablaré
hablarás
él, ella,

Usted

hablará
nosotr@s hablaremos
vosotr@s hablaréis
ell@s,

Ustedes

hablarán

ImperativoModifica

Pronome Verbi
(tú) habla
(vosotr@s) hablad

Verbi regolari: seconda coniugazione, con infinito in -erModifica

Presente indicativo (presente semplice)Modifica

Pronome Verbi
yo Bebo
Bebes
él, ella,

Usted

Bebe
nosotr@s Bebemos
vosotr@s Bebéis
ell@s,

Ustedes

Beben

Presente indicativo (presente continuato +passato continuato +futuro epistemico)Modifica

Pronome Verbi
yo estoy—estaba—estaré Bebiendo
tú estás—estabas—estarás Bebiendo
él, ella, Usted

está—estaba—estará

Bebiendo
nosotras/nosotros

estamos—estábamos—estaremos

Bebiendo
vosotras/vosotros

estáis—estabais—estaréis

Bebiendo
ellas/ellos, Ustedes

están—estabam—estarán

Bebiendo

Passato prossimo, trapassato prossimo e futuro anteriore + participio passatoModifica

Pronome Verbi
yo he—había—habré bebido
tú has—habías—habrás bebido
él, ella, Usted

ha---había—habrá

bebido
nosotr@s

hemos—habíamos—habremos

bebido
vosotr@s

habéis—habíais—habréis

bebido
ell@s, Ustedes

han—habían—habrán

bebido

ImperfettoModifica

Pronome Verbi
yo bebía
bebías
él, ella,

Usted

bebía
nosotr@s bebíamos
vosotr@s bebíais
ell@s,

Ustedes

bebían

Passato remotoModifica

Pronome Verbi
yo bebí
bebiste
él, ella,

Usted

bebió
nosotras/vosotros Bebimos
vosotras/vosotros bebisteis
ellas/ellos,

Ustedes

bebieron

Futuro sempliceModifica

Pronome Verbi
yo beberé
beberás
él, ella,

Usted

beberá
nosotras/vosotros beberemos
vosotras/vosotros beberéis
ellas/vosotros,

Ustedes

beberán

ImperativoModifica

Pronome Verbi
(tú) Bebe
(vosotras/vosotros) bebed

Verbi regolari: terza coniugazione, con infinito in -irModifica

Presente indicativo (presente semplice)Modifica

Pronome Verbi
yo abro
abres
él, ella,

Usted

abre
nosotras/vosotros abrimos
vosotras/vosotros abrís
ellas/ellos,

Ustedes

abren

Presente indicativo (presente continuato +passato continuato +futuro epistemico)Modifica

Pronome Verbi
yo estoy—estaba—estaré Abriendo
tú estás—estabas—estarás Abriendo
él, ella, Usted

está—estaba—estará

Abriendo
nosotras/nosotros

estamos—estábamos—estaremos

Abriendo
vosotras/vosotros

estáis—estabais—estaréis

Abriendo
ellas/ellos, Ustedes

están—estabam—estarán

Abriendo

Passato prossimo, trapassato prossimo e futuro anteriore + participio passatoModifica

Pronome Verbi
yo he—había—habré abierto
tú has—habías—habrás abierto
él, ella, Usted

ha---había—habrá

abierto
nosotras/nosotros

hemos—habíamos—habremos

abierto
vosotras/vosotros

habéis—habíais—habréis

abierto
ellas/ellos, Ustedes

han—habían—habrán

abierto

ImperfettoModifica

Pronome Verbi
yo abría
abrías
él, ella,

Usted

abría
nosotr@s abríamos
vosotr@s abríais
ell@s,

Ustedes

abrían

Passato remotoModifica

Pronome Verbi
yo abrí
abriste
él, ella;

Usted

abrió
nosotr@s abrimos
vosotr@s abristeis
ell@s;

Ustedes

abrieron

Futuro sempliceModifica

Pronome Verbi
yo abriré
abrirás
él, ella,

Usted

abrirá
nosotr@s abriremos
vosotr@s abriréis
ell@s,

Ustedes

abrirán

ImperativoModifica

Pronome Verbi
(tú) abre
(vosotras/vosotros) abrid

NoteModifica

  1. ^ "Completi" qui significa, aventi forme per tutte e tre le persone grammaticali sia al singolare che al plurale.
  2. ^ "Incompleto", in riferimento all'imperativo, significa avente forme solo per la seconda persona e la prima persona plurale, e mancante delle forme di terza persona.
  3. ^ Il "pretérito perfecto" ha virtualmente lo stesso uso del present perfect inglese
  4. ^ a b Come la forma italiana "salire", etimologicamente simile, ma di significato acquisito diverso, dato che in spagnolo il verbo salir significa "uscire, partire"
  5. ^ Similmente ai corrispettivi verbi italiani "tenere" e "venire", le cui prime persone singolari son rispettivamente "tengo" e "vengo".

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica