Victoire Armande Josèphe de Rohan-Soubise

nobile francese
Victoire de Rohan
Victoire Armande de Rohan madame la princesse de Guéméné.jpg
Victoire Armande de Rohan, madame la princesse de Guéméné in un ritratto oggi conservato nel Castello di Sychrov
Duchessa di Montbazon
Blason fam fr Rohan-Soubise.svg Blason fam fr Rohan-Guéménée.svg
In carica 1788 –
1809
Predecessore Marie Louise de La Tour d'Auvergne
Successore Louise Aglaé de Conflans d'Armentiere
Principessa di Guéméné
In carica 1761 –
1788
Predecessore Marie Louise de La Tour d'Auvergne
Successore Louise Aglaé de Conflans d'Armentiere
Nome completo francese: Victoire Armande Josèphe de Rohan
italiano: Vittoria Armanda Giuseppa di Rohan
Trattamento Sua Altezza
Altri titoli Governante dei figli di Francia
Signora di Clisson
Nascita Hôtel de Soubise, Parigi, Francia, 28 dicembre 1743
Morte Parigi, Francia, 20 settembre 1807
Dinastia Rohan-Soubise per nascita
Rohan-Guéméné per matrimonio
Padre Charles de Rohan
Madre Anna Teresa di Savoia-Carignano
Consorte Henri Louis de Rohan
Figli Charlotte Victoire Joséphe Henriette
Charles Alain
Marie Louise Joséphine
Louis Victor Meriadec
Jules Armand Louis
Religione Cattolicesimo

Victoire de Rohan, principessa di Guéméné[1] (in francese: Victoire Armande Josèphe; Hôtel de Soubise, 28 dicembre 1743Parigi, 20 settembre 1807), fu una aristocratica francese che fu la governante dei figli di Luigi XVI di Francia. È meglio nota come Madame de Guéméné.

Fu Signora di Clisson per proprio diritto.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

 
Carlo di Rohan-Soubise in un ritratto del XVIII secolo. Oggi questo dipinto è conservato nella Reggia di Versailles

Victoire Armande Josèphe[2] de Rohan era la seconda figlia femmina di Charles de Rohan, principe di Soubise. I Principi di Soubise erano un ramo cadetto del Casato di Rohan. Sua madre era la Principessa Anna Teresa di Savoia, una figlia di Vittorio Amedeo, principe di Carignano. Sua madre era anche una cugina di primo grado di Luigi XV attraverso una linea illegittima. Aveva una sorellastra maggiore, Carlotta, che sposò nel 1753 Louis Joseph de Bourbon, prince de Condé. In quanto Princesse de Condé, Carlotta era Princesse du sang scavalcò di granlunga di rango la giovane sorellastra.

Poiché il Casato di Rohan rivendicavano di discendere dai medievali Duchi di Bretagna, i suoi membri, a corte, erano trattati da Princes étrangers con l'appellativo di Altezza.

MatrimonioModifica

All'età di diciassette anni, Victoire sposò suo cugino, Henri Louis de Rohan, principe di Guéméné, che all'epoca aveva quindici anni. Egli era un membro del Casato di Rohan, del ramo dei Principi di Guéméné. Era un nipote del Cardinal de Rohan, che era caduto in disgrazia nel famoso Affare della collana di diamanti coinvolgendo Maria Antonietta.

Henri Louis divenne il Gran Ciambellano di Francia. La coppia ebbe cinque figli.

Madame de GuéménéModifica

In seguito alla morte di suo padre nel 1788, il Duca ereditò il titolo di Prince de Guéméné. Successivamente, Victoire fu nota a corte come Madame de Guéméné. Lei e la sua famiglia vissero sontuosamente a Parigi all'Hôtel de Rohan-Guéméné, situato nella famosa Place des Vosges. Vivevano al numero 6. La coppia dovette vedere la proprietà nel 1797 al fine di pagare un debito enorme di 33 milioni di livres.

Governante dei figli di FranciaModifica

 
Incisione di Victoire de Rohan con Madame Royale dominato da un dipinto di Maria Antonietta, artista sconosciuto.

Nel 1775, Marie Louise de Lorraine, comtesse de Marsan (1720–1803) si dimise dall'incarico di Governante dei figli di Francia in favore di Victoire, che era sua nipote. Dal 1778 al 1782, Victoire fu responsabile della casa della figlia maggiore di Luigi XVI, Maria Teresa di Francia, nota a corte come Madame Royale. In questo ruolo, era responsabile di uno staff di oltre un centinaio di cortigiani e servitori.

Allontanamento dalla CorteModifica

Nel 1782, Victoire fu costretta a dimettersi dal suo incarico a causa di un scandalo creato dal debito crescente di suo marito, un debito che alla fine portò alla vendita del Hôtel de Rohan-Guémené dopo lo scoppio della rivoluzione francese. Victoire e suo marito proseguirono in varie relazione con altri.

Crisi matrimonialeModifica

Diventò l'amante di Augustin Gabriel de Franquetot de Coigny, comte de Coigny (1740 - 1817), il padre di uno dei suo creditori, Aimée de Franquetot de Coigny, duchesse de Fleury (1769 - 1820). Madame de Fleury ispirò il famoso poeta André Chénier. Il Principe de Guéméné nel frattempo ebbe una relazione con un'amica intima di Victoire, Thérèse Lucy de Dillon, comtesse de Dillon, (1751 - 1782), prima moglie di Arthur Dillon.

Ultimi anniModifica

 
Facciata del castello di Sychrov

Alla morte del padre, il marito divenne l'erede legale al titolo di Principe di Soubise.

Victoire e suo marito vissero per vedere la rivoluzione francese, fuggendo in seguito in Austria. Si stabilirono infine in Boemia. Vissero al Castello di Sychrov, e fu qui che la famiglia Rohan ha vissuto per 125 anni.

MorteModifica

Victoire morì a Parigi nel settembre 1807 all'età di sessantatré anni, essendo sopravvissuta di gran lunga alla sorellastra Carlotta, che era morta nel 1760. Suo marito, il Principe, le sopravvisse di due anni.

DiscendenzaModifica

Victoire e Henri Louis de Rohan ebbero:

Titoli e trattamentoModifica

  • 28 dicembre 1743 – 15 gennaio 1761: Sua Altezza, la principessa Victoire Armande Josèphe de Rohan-Soubise
  • 15 gennaio 1761 – 10 dicembre 1788: Sua Altezza, la Principessa di Guéméné
  • 10 dicembre 1788 – 20 settembre 1807: Sua Altezza, la Duchessa di Montbazon

NoteModifica

  1. ^ alle volte Guéménée
  2. ^ alle volte Joséphine

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie