Apri il menu principale
Viktor Stepanovič Černomyrdin
Ви́ктор Степа́нович Черномы́рдин
ЧЕРНОМЫРДИН Виктор Степанович.jpg

Primo ministro della Federazione Russa
Durata mandato 14 dicembre 1992 –
23 marzo 1998
Presidente Boris Yeltsin
Predecessore Egor Gajdar
Successore Sergej Kirienko

Primo ministro ad interim
Durata mandato 23 agosto 1998 –
11 settembre 1998
Presidente Boris Yeltsin
Predecessore Sergej Kirienko
Successore Evgenij Primakov

Dati generali
Partito politico Naš Dom Rossija-(Nostra Casa - Russia)
Firma Firma di Viktor Stepanovič Černomyrdin Ви́ктор Степа́нович Черномы́рдин

Viktor Stepanovič Černomyrdin, in russo Ви́ктор Степа́нович Черномы́рдин (Černyj Otrog, 9 aprile 1938Mosca, 3 novembre 2010), è stato un politico russo.

Černomyrdin ha ricoperto incarichi ministeriali dal 1982 ed è stato Primo ministro dal 1992 al 1998; in aggiunta, ha svolto le funzioni di Presidente della Federazione Russa per un giorno, il 6 novembre 1996. Primo presidente di Gazprom, dal 2001 al 2009 è stato ambasciatore russo in Ucraina ed è stato consigliere economico per i paesi della CSI del presidente Medvedev[1].

È scomparso nel 2010 all'età di 72 anni a seguito di una lunga malattia.

Indice

BiografiaModifica

Nato in una famiglia operaia di origine cosacca[2] composta da cinque figli, Černomyrdin trova lavoro come meccanico in una raffineria petroliferia ad Orsk dove resta fino al 1962, anno in cui è ammesso all'Istituto industriale Kujbyšev.

Nel 1961 entra a far parte del Partito Comunista dell'Unione Sovietica; tra il 1973 e il 1978 è direttore dello stabilimento di raffinazione del gas naturale a Orenburg e, successivamente, dal 1978 al 1982 si occupa del settore dell'industria pesante nell'ambito del Comitato centrale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica.

Incarichi ministerialiModifica

Nel 1982, Černomyrdin è nominato vice-ministro per il settore del gas naturale sovietico e dal 1983 è posto anche alla direzione dell'associazione industriale Glavtyumengazprom, con finalità di sviluppo della risorsa del gas naturale nell'oblast' di Tjumen'.

Dal 1985 al 1989 è promosso a ministro per il settore del gas naturale sovietico.

Nel 1989, il Ministero per le risorse petrolifere e del gas viene soppresso ed è costituita la compagnia governativa Gazprom, di cui Černomyrdin è eletto presidente.

Nel maggio del 1992, riceve da Boris Eltsin la nomina a vice primo ministro incaricato del combustibile e dell'energia.

Il 14 dicembre 1992, è nominato per la prima volta Primo ministro della Federazione russa[3]. Nell'aprile 1995, forma il gruppo politico centrista Nostra Casa - Russia, che però non riesce ad attestarsi quale forza principale in Parlamento, ottenendo soltanto il 10% dei voti.

Nell'estate del 1995, Černomyrdin si impegna direttamente nelle negoziazioni con il terrorista ceceno Šamil Basaev, il cui gruppo terroristico tiene in ostaggio cittadini russi nell'ospedale di Budënnovsk. A seguito delle trattative, vengono rilasciati alcuni ostaggi.

Il 6 novembre 1996 assume le funzioni di Presidente della Federazione Russa per 23 ore, mentre Boris Eltsin si sottopone ad operazione cardiaca[4]

Černomyrdin si dimette dall'incarico di Primo ministro nel marzo 1998; a seguito della crisi finanziaria dell'agosto 1998, è richiamato da Eltsin alla guida del Governo, ma non ottiene la fiducia dalla Duma.

Nel dicembre 1999 è eletto alla Duma. Nel maggio 2001, Vladimir Putin nomina Černomyrdin ambasciatore in Ucraina.

OnorificenzeModifica

Onorificenze sovieticheModifica

  Ordine della Rivoluzione d'Ottobre
— 1986
  Ordine della Bandiera rossa del Lavoro
— 1979
  Ordine del Distintivo d'Onore
«Per i risultati ottenuti nella costruzione e nello sviluppo della capacità di progetto della prima fase del complesso del gas di Orenburg»
— 1974
  Medaglia commemorativa per il giubileo dei 100 anni dalla nascita di Vladimir Il'ich Lenin per lavoro valente
— 1970
  Medaglia per il giubileo dei 40 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945
— 1985

Onorificenze russeModifica

  Ordine al merito per la Patria di II Classe
«Per il contributo di rilievo allo sviluppo dello stato russo»
— 23 marzo 1998
  Ordine dell'Amicizia
«Per l'eccezionale contributo al rafforzamento e allo sviluppo dell'amicizia e della cooperazione tra la Federazione Russa e l'Ucraina»
— 8 aprile 2003
  Ordine al merito per la Patria di III Classe
«Per il contributo di rilievo allo sviluppo delle relazioni russo-ucraine»
— 9 aprile 2008
  Ordine al merito per la Patria di I Classe
«Per il contributo eccezionale al rafforzamento dell'autorità della Federazione Russa e per i molti anni di attività feconda nello Stato»
— 24 marzo 2009
  Ordine al merito per la Patria di IV Classe
«Per molti anni di attività feconda nello Stato»
— 9 aprile 2010
  Medaglia commemorativa per il 300º anniversario della Marina Militare Russa
— 7 giugno 1996
  Medaglia commemorativa per l'850º anniversario di Mosca
— 6 settembre 1997
  Medaglia commemorativa per il 1000º anniversario di Kazan'
— 23 agosto 2005

Onorificenze straniereModifica

  Ordine della Nobiltà (Kazikistan)
«Per il suo contributo allo sviluppo del petrolio e del gas nel Kazakistan»
— 1º settembre 1999
  Ordine di Jaroslav il Saggio di V Classe (Ucraina)
«Per il contributo di rilievo allo sviluppo delle relazioni bilaterali tra la Federazione Russa e l'Ucraina e per il ruolo importante nel rafforzamento dei legami di amicizia tra il popolo russo e ucraino»
— 8 aprile 2003
  Ordine al Merito di III Classe (Ucraina)
«Per il suo contributo allo sviluppo delle relazioni russo-ucraine e per l'attività diplomatica a lungo termine»
— 17 giugno 2009

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90776368 · ISNI (EN0000 0000 7861 4126 · LCCN (ENno97041472 · GND (DE119178230 · WorldCat Identities (ENno97-041472
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie