Apri il menu principale
La lettera fenicia Wāw

Wāw o Vav (anche vau) è la sesta lettera nella gamma di lingue protosinaitiche nordoccidentali e viene quindi inclusa nell'alfabeto fenicio, aramaico, ebraico, siriaco e arabo ("sesta" nel tradizionale ordine abjad, 27ª nel ordine arabo moderno). Viene dopo la ḥē (ה) e prima della zayin (ו). Corrisponde a cinque lettere latine: F, U, V, W e Y. La wāw fenicia sembra una Y ma si pronuncia w. Quella ebraica sembra un trattino (ו).

In arabo e quindi nella maggioranza delle lingue semitiche rappresenta il suono w, sebbene in altre, come l'ebraico moderno e la lingua persiana indoeuropea, rappresenti invece il suono v. In alcune (come l'ebraico e l'arabo) anche la vocale lunga .

Waw letteralmente significa gancio/piccheto/lancia.

Indice

Waw ebraicaModifica

Varianti ortografiche
Vari font tipografici Corsivo
ebraico
Carattere
Rashi
Serif Sans-serif Monospazio
ו ו ו    

Ortografia ebraica compitata: וָו

Pronuncia nell'ebraico modernoModifica

Waw ha tre varianti ortografiche, ognuna con un differente valore fonemico e rendimento fonetico:[1]

Variante (con niqqud[2]) Senza niqqud Nome Valore fonemico Rendimento fonetico Esempio italiano

ו

come lettera iniziale:ו

vav consonantica
(ebraico: vav iItsurit ו׳ עיצורית)
/v/ v voto
mediana:וו
finale:ו o יו

וּ

ו

vav shruka ([väv ʃruˈkä] / ו׳ שרוקה) o
shuruq ([ʃuˈruk] / שׁוּרוּק)
/u/ u virtù

וֹ

ו

vav chaluma ([väv χäluˈmä] / ו׳ חלומה) o
holam male ([χo̞ˈläm maˈle̞] / חוֹלָם מָלֵא)
/o/ no, nodo

Nell'ebraico moderno la frequenza d'uso di waw, tra tutte le lettere, è di circa il 10.00%.

Valore numericoModifica

Waw nella ghematria rappresenta il numero 6 e quando viene usato all'inizio degli anni ebraici, indica 6000 (cioè ותשנד‎ in numeri sarebbe la data 6754.)[3]

Parole scritte con wawModifica

Waw all'inizio di una parola può avere diversi significati:

  • waw congiuntiva (Vav Hachibur, letteralmente "la waw di congiunzione" — chibur significa "unire, o mettere insieme") è una waw che connette due parole o parti di una frase; è una congiunzione grammaticale che significa "e", cognata dell'arabo. Questo è l'uso più comune.[4]
  • waw consecutiva (Vav Hahipuch, letteralmente "la waw di inversione" — hipuch significa "rovesciamento"), principalmente biblica, erroneamente scambiata a volte per il precedente tipo di waw; indica conseguenza di azioni e inverte il tempo del verbo che la segue:
    • quando messa di fronte ad un verbo di tempo imperfetto, cambia il verbo in perfetto;
    • quando messa di fronte ad un verbo al perfetto, lo cambia in tempo imperfetto.

(Nota: l'ebraico più antico non aveva "tempi" nel senso temporale: "perfetto" e "imperfetto" denotavano invece aspetti di un'azione completata o continua. I tempi verbali dell'ebraico moderno si sono invece avvicinati alle loro controparti indoeuropee. Come regola, l'ebraico moderno non usa la forma di "waw consecutiva").[5]

Waw siriacaModifica

Waw
  Madnḫaya Waw
  Serṭo Waw
  Esṭrangela Waw

Nell'alfabeto siriaco la sesta lettera è ܘ — Waw ܘܐܘ, viene pronunciata come una [w]. Quando usata come una mater lectionis, la Waw con un punto in apice è una vocale [o], con un punto sottolettera diventa una vocale [u]. Il valore numerico è 6.

NoteModifica

  1. ^ Announcements of the Academy of the Hebrew Language (PDF), su hebrew-academy.huji.ac.il. URL consultato il 9 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2013).(HE)
  2. ^ niqqud: sistema di segni diacritici per l'ebraico, con punteggiatura sottolettera.
  3. ^ Tabella della Ghematria, su inner.org (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2011).
  4. ^ Samuel David Luzzatto, Grammatica Della Lingua Ebraica, Nabu Press, 2010, s.v. "Vav".
  5. ^ Lewis Glinert, Modern Hebrew: An Essential Grammar, Routledge, 3ª ed. 2005, ss.vv.

Altri progettiModifica

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica