Apri il menu principale

Alfabeto siriaco

sistema di scrittura utilizzato per scrivere la lingua siriaca
Storia dell'alfabeto

Media età del bronzo XIX secolo a.C.

Meroitico III secolo a.C.
Ogham IV secolo d.C.
Hangŭl 1443 d.C.
Sillabico canadese 1840 d.C.
Zhuyin 1913 d.C.

L'alfabeto siriaco è il sistema di scrittura utilizzato per scrivere la lingua siriaca a partire dal II secolo.

Si tratta di un abjad semitico, direttamente derivato dall'alfabeto proto-cananeo, composto da 22 consonanti; a seconda delle forme di scrittura, i suoni vocalici non sono indicati oppure vengono indicati tramite segni diacritici. In effetti, tre delle lettere sono mater lectionis, ossia sono consonanti che a volte indicano un suono vocalico:

  • la prima lettera, ’ālaph, che rappresenta una pausa glottidale, indica una vocale se all'inizio o al finale di una parola;
  • la lettera waw è tecnicamente una w, ma può anche indicare i suoni vocalici o e u;
  • allo stesso modo, la lettera yōdh rappresenta sia la consonante y sia i suoni vocalici i ed e.

Il siriaco si scrive da destra a sinistra ed è una scrittura corsiva, in cui tuttavia solo alcune lettere sono collegate tra loro all'interno della stessa parola.

Forme dell'alfabeto siriacoModifica

 
Libro del XI scritto nella variante Serṭā del siriaco.

L'alfabeto siriaco ha tre varianti principali:

I) La forma più antica e classica è la ʾEsṭrangēlā (nome derivato dalla parola greca στρόγγυλη, strongyle, rotondo). Benché l'ʾEsṭrangēlā non si usi più per scrivere il siriaco, ne esiste una versione ridotta utilizzata in titoli, iscrizioni e anche in talune pubblicazioni, come ad esempio in una versione del Peshitta dell'Università di Leiden. In alcuni manoscritti antichi, così come in talune iscrizioni, tutte le lettere possono essere legate a sinistra; inoltre vi si trovano antiche lettere dell'alfabeto aramaico - specialmente della Ḥeth e della Mem lunata. Nella ʾEsṭrangēlā solitamente non vengono usati i diacritici per indicare le vocali.

II) Il dialetto siriaco occidentale viene scritto nella forma Serṭā (lineare), conosciuta anche come scrittura maronita o giacobita, nella quale la maggior parte delle lettere sono derivate chiaramente da una semplificazione e una razionalizzazione di quelle dell'ʾEsṭrangēlā. L'alfabeto arabo è basato sull'alfabeto nabateo, che a sua volta è derivato da questa forma di scrittura siriaca. Nella scrittura occidentale, le vocali sono normalmente indicate da piccole lettere greche apposte sopra o sotto la lettera seguente: Α (alfa maiuscolo) rappresenta il suono a, α (alfa minuscolo) rappresenta o, ε (epsilon minuscola) rappresenta e, Ι (iota maiuscolo) rappresenta i, e una combinazione dei simboli Υ (ipsilon maiuscola) e ο (omicron minuscola) rappresenta u.

III) Il dialetto siriaco orientale viene invece scritto normalmente nella forma Maḏnḥāyā (orientale), detto anche alfabeto assiro (da non confondersi con il nome tradizionale dell'alfabeto ebraico), caldeo, e, impropriamente, nestoriano, termine utilizzato all'inizio per designare i cristiani che vivevano nell'Impero Persiano. Le lettere della scrittura orientale sono più simili a quelle della 'Estrangelā che a quelle della Serṭā occidentale. Le vocali vengono indicate con combinazioni di punti posti sopra o sotto le lettere.

Quando l'arabo diventò la lingua dominante nella Mezzaluna Fertile, vennero prodotti testi in arabo scritti in alfabeto siriaco, che vengono detti Karshuni o Garshuni.

ʾEsṭrangēlāModifica

Lettera Formato
normale
Finale
legata
Finale
non legata
Carattere Unicode Pronuncia
'Ālaph       ܐ ʔ (occlusiva glottidale sorda)
o muta
Bēth       ܒ forte: b (occlusiva bilabiale sonora)
dolce: v (fricativa labiodentale sonora) o w (approssimante labiovelare)
Gāmal       ܓ forte: g (occlusiva velare sonora)
dolce: ɣ (fricativa velare sonora)
Dālath       ܕ forte: d (occlusiva alveolare sonora)
dolce: ð (fricativa dentale sonora)
      ܗ h (fricativa glottidale sorda)
Waw       ܘ consonante: w (approssimante labiovelare)
mater lectionis: u (vocale posteriore chiusa arrotondata) o o (vocale centrale chiusa arrotondata)
Zayn       ܙ z (fricativa alveolare sonora)
Hēth o Khēth       ܚ ħ (fricativa faringale sorda)
Tēth       ܛ (occlusiva alveolare sorda faringalizzata)
Yōdh       ܝ consonante: j (approssimante palatale)
mater lectionis: i (vocale anteriore chiusa non arrotondata) o e (vocale anteriore semichiusa non arrotondata)
Kāph       ܟ forte: k (occlusiva velare sorda)
dolce: x (fricativa velare sorda)
Lāmadh       ܠ l (approssimante laterale alveolare)
Mīm       ܡ m (nasale bilabiale)
Nūn       ܢ n (nasale alveolare)
Semkath       ܣ / ܤ s (fricativa alveolare sorda)
      ܥ ʕ (fricativa faringale sonora)
      ܦ forte: p (occlusiva bilabiale sorda)
dolce: f (fricativa labiodentale sorda) o w (approssimante labiovelare)
Sādhē       ܨ (fricativa alveolare sorda faringalizzata)
Qōph       ܩ q (occlusiva uvulare sorda)
Rēš       ܪ r (vibrante alveolare)
Šīn       ܫ ʃ (fricativa postalveolare sorda)
Taw       ܬ forte: t (occlusiva alveolare sorda)
dolce: θ (fricativa dentale sorda)
          Lāmadh e 'Ālaph
combinate a fine parola
          Taw e 'Ālaph
combinate a fine parola

Scrittura siriaca Madnhāyā (orientale)Modifica

Lettera Formato
normale
Finale
legata
Finale
non legata
Carattere Unicode Pronuncia
'Ālaph       ܐ ʔ (occlusiva glottidale sorda)
o muta
Bēth       ܒ forte: b (occlusiva bilabiale sonora)
dolce: v (fricativa labiodentale sonora) ou w (approssimante labiovelare)
Gāmal       ܓ forte: g (occlusiva velare sonora)
dolce: ɣ (fricativa velare sonora)
Dālath       ܕ forte: d (occlusiva alveolare sonora)
dolce: ð (fricativa dentale sonora)
      ܗ h (fricativa glottidale sorda)
Waw       ܘ consonante: w (approssimante labiovelare)
mater lectionis: u (vocale posteriore chiusa arrotondata) o o (vocale posteriore semichiusa arrotondata)
Zayn       ܙ z (fricativa alveolare sonora)
Hēth o Khēth       ܚ ħ (fricativa faringale sorda)
Tēth       ܛ (occlusiva alveolare sorda faringalizzata)
Yōdh       ܝ consonante: j (approssimante palatale)
mater lectionis: i (vocale anteriore chiusa non arrotondata) o e (vocale anteriore semichiusa non arrotondata)
Kāph       ܟ forte: k (occlusiva velare sorda)
suave: x (fricativa velare sorda)
Lāmadh       ܠ l (approssimante laterale alveolare)
Mīm       ܡ m (nasale bilabiale)
Nūn       ܢ n (nasale alveolare)
Semkath       ܣ / ܤ s (fricativa alveolare sorda)
      ܥ ʕ (fricativa faringale sonora)
      ܦ forte: p (occlusiva bilabiale sorda)
suave: f (fricativa labiodentale sorda) ou w (approssimante labiovelare)
Sādhē       ܨ (fricativa alveolare sorda faringalizzata)
Qōph       ܩ q (occlusiva uvulare sorda)
Rēš       ܪ r (vibrante alveolare)
Šīn       ܫ ʃ (fricativa postalveolare sorda)
Taw       ܬ forte: t (occlusiva alveolare sorda)
dolce: θ (fricativa dentale sorda)
          Lāmadh e 'Ālaph
combinate
          Taw e 'Ālaph combinate a fine parola,
quando Taw è legata alla lettera precedente

L'alfabeto siriaco nelle tre variantiModifica

 


Voci correlateModifica

 
L'inizio del Vangelo di Giovanni nelle tre varianti dell'alfabeto

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica