Apri il menu principale
Wilfried Martens
Flickr - europeanpeoplesparty - EPP Congress Bonn (754).jpg
Wilfried Martens nel 2009

Presidente del Partito Popolare Europeo
Durata mandato 10 giugno 1990 –
9 ottobre 2013
Predecessore Jacques Santer
Successore Joseph Daul

Capogruppo del PPE al Parlamento Europeo
Durata mandato 22 giugno 1994 –
25 maggio 1999
Predecessore Leo Tindemans
Successore Hans-Gert Pöttering

Primo ministro del Belgio
Durata mandato 17 dicembre 1981 –
7 marzo 1992
Monarca Baldovino
Predecessore Mark Eyskens
Successore Jean-Luc Dehaene

Durata mandato 3 aprile 1979 –
31 marzo 1981
Monarca Baldovino
Predecessore Paul Vanden Boeynants
Successore Mark Eyskens

Presidente del Consiglio europeo
Durata mandato 1º gennaio 1987 –
30 giugno 1987
Predecessore Margaret Thatcher
Successore Poul Schlüter

Durata mandato 1º gennaio 1982 –
30 giugno 1982
Predecessore Margaret Thatcher
Successore Anker Jørgensen

Presidente dei Partito Popolare Cristiano
Durata mandato 1972 –
1979
Predecessore Robert Vandekerckhove
Successore Leo Tindemans

Eurodeputato
Gruppo
parlamentare
Gruppo PPE
Incarichi parlamentari
Gruppi politici
  • Capogruppo del Partito Popolare Europeo (gruppo democratico cristiano) (19 luglio 1994 - 19 luglio 1999)

partiti nazionali

  • Partito Popolare Cristiano (Belgio) (19 luglio 1994 - 19 luglio 1999)

Membro

  • Commissione per gli affari istituzionali (21 luglio 1994 - 15 gennaio 1997)
  • Commissione per lo sviluppo e la cooperazione (30 settembre 1994 - 15 gennaio 1997)
  • Commissione per lo sviluppo e la cooperazione (16 gennaio 1997 - 19 luglio 1999)

Sostituto

  • Commissione giuridica e dei diritti cittadini (21 luglio 1994 - 29 settembre 1994)
  • Commissione per gli affari istituzionali (16 gennaio 1997 - 19 luglio 1999)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Popolare Cristiano
Cristiano-Democratici e Fiamminghi
Partito Popolare Europeo
Tendenza politica Popolarismo
Cristianesimo democratico
Europeismo
Titolo di studio Dottorato in Giurisprudenza
Laurea in Filosofia tomista
Università Katholieke Universiteit Leuven

Wilfried Achiel Emma Martens (Sleidinge, 19 aprile 1936Lokeren, 9 ottobre 2013) è stato un politico belga, esponente del Partito Popolare Cristiano.

È stato Primo ministro del Belgio dal 1979 al 1981 e dal 1981 al 1992 presiedendo un totale di 9 governi e Presidente del Partito Popolare Europeo per oltre 20 anni fino alla sua morte. Il suo periodo in carica è stato dominato dalla crisi economica degli anni 1980 e dalle riforme dello Stato del 1980 e del 1988 che hanno fissato il Belgio su un percorso per il federalismo.

BiografiaModifica

GioventùModifica

Nato in una modesta famiglia di contadini convinta cattolica di Sleidinge nei pressi di Eeklo, Martens ha vissuto gli anni della guerra. La guerra, l'assenza di un padre che è morto (e il patrigno) e le cattive condizioni di salute hanno firmato la precedente vita ed introversa giovinezza. Anche se spesso a causa di malattia è stata costretto a letto, l'allievo studioso è riuscito comunque ad essere il primo della sua classe.

FormazioneModifica

Nel 1955 ha iniziato a studiare diritto e filosofia presso la Katholieke Universiteit Leuven. Nell'ottobre 1960, Martens ottenne il dottorato in giurisprudenza e la laurea in filosofia tomista. Poco dopo, fondò uno studio legale a Gand con il suo amico studente Lode Verhaegen.

Carriera politicaModifica

 
Wilfried Martens nel 1982.

Martens è stato presidente del Partito Popolare Cristiano (ora ribattezzato Cristiano-Democratici e Fiamminghi, CD & V) dal 1972 al 1979, si è seduto come deputato alla Camera dei rappresentanti belga (parlamento federale) dal 1974 al 1991, e come senatore dal 1991 al 1994.

Ha co-fondato il Partito popolare europeo (PPE) nel 1976 ed è stato Presidente del PPE dal 1992 fino alla sua morte.[1]

Dal 1993 è stato Presidente dell'Unione europea dei democratici cristiani (EUCD), fino alla fusione con il PPE nel 1996. Martens ha inoltre negoziato con il politico conservatore finlandese Sauli Niinistö sulla fusione della europea democratico dell'Unione (EDU) nella EPP (formalmente concluso nel 2002). La fusione di successo di tutte le organizzazioni europee di centro-destra nel PPE - attualmente il più grande partito politico europeo transnazionale con 75 partiti membri provenienti da 40 paesi - è ampiamente riconosciuto come un importante risultato della sua eredità politica europea.

Dal 1994 al 1998 è stato membro del Parlamento europeo, che presiede il gruppo del PPE.

Dall'ottobre 2000 al novembre 2001 è stato anche Presidente della Democrazia Cristiana Internazionale (CDI).

È ri-apparso sulla scena politica del Belgio il 22 dicembre 2008 per aiutare nella crisi politica belga del 2007- 2011.

Tra i numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali, è stato onorato nel 1998 con il Premio Europeo Carlo V per il suo contributo dell'Unione europea.

Primo ministroModifica

 
Poster che richiama la disobbedienza civile contro il governo Martens.

Martens è stato Primo ministro del Belgio per nove volte, nel periodo compreso dal 3 aprile 1979 al 6 aprile 1981 e dal 17 dicembre 1981 al 7 marzo 1992, con una breve interruzione di pochi mesi.

È divenuto primo ministro senza aver mai assunto alcun ufficio ministeriale prima, che fino ad allora era stata una rarità nella vita politica belga. Ha guidato nei primi anni 1980 una politica liberale, a capo di una coalizione di cristiano socialisti e liberali. Ha anche ottenuto una certa pacificazione nella questione della lingua realizzando l'esistenza della Regione vallona e la Regione fiamminga nel 1980 e lasciando il problema della creazione di Bruxelles in stallo.

Il 20 ottobre 1980, Martens è apparso brevemente nelle notizie quando è stato reso noto che i "pirati" (ora hacker) avevano incrinato il suo computer Bistel. Un gioco da ragazzi perché la password di Martens era ancora "Tindemans1", dopo il suo predecessore di quasi 10 anni prima, Leo Tindemans. Martens ha anche optato per una password facilmente recuperabile, Martens8

Un altro problema è stato il problema dell'aborto. Durante la questione del problema del mini-re, Re Baldovino, cattolico devoto, scrisse a Martens le ragioni della sua contrarietà. Di conseguenza, il capo dello stato era nella cosiddetta "incapacità morale" di governare il paese.[2] Per riempire questo breve vuoto di potere, Martens insieme ai ministri del Consiglio lo stesso 3 aprile 1990 ha proceduto alla ratifica e alla promulgazione della legge sull'aborto (che aveva precedentemente votato contro). Il Belgio divenne così uno degli Stati con una delle leggi sull'aborto più liberali al mondo.

Wilfried Martens, insieme a Jean-Luc Dehaene e Hugo Schiltz, può essere considerato uno dei padri del cosiddetto federalismo unionista, una delle molteplici forme di federalismo che il Belgio conosceva.

Ruolo della crisi del governo federale alla fine del 2008 e principale cambiamento alla fine del 2009Modifica

Il 22 dicembre 2008, Martens inaspettatamente ha ricevuto nuovamente un ruolo nella politica nazionale. Fu poi nominato dal re Alberto II come un esploratore reale, dopo aver accettato le dimissioni del governo Leterme I. Prima e dopo il Natale 2008 ha esplorato il panorama politico, ha avuto contatti personali, informali e telefonici con i presidenti di Camera e Senato, il primo ministro uscente Yves Leterme, i presidenti dei partiti di maggioranza, la maggior parte dei vice primi ministri ei presidenti dei partiti di opposizione, ad eccezione del Vlaams Belang per equalizzare i violini per formare un nuovo governo. Il 28 dicembre 2008, Martens completò la sua missione di ricognizione e pubblicò un rapporto finale a re Alberto II. Herman Van Rompuy è stato nominato formatore.

Meno di un anno dopo, la storia ribadiva: re Alberto II chiamò Martens per aiuto nella gestione del primo cambiamento. Il primo ministro Van Rompuy è stato eletto presidente permanente del Consiglio europeo il 19 novembre 2009 e doveva quindi essere sostituito. A Martens è stato chiesto di trovare un metodo per affrontare le controversie comunitarie e la questione BHV.

Vita privataModifica

 
Wilfried Martens e la sua terza moglie Miet Smet (a sinistra).

Martens ha avuto cinque figli: due dal primo matrimonio con Lieve Verschroeven (1937-2013)[3] (Kris e Anne) con la quale è stato sposato per trentanni e tre figli con Ilse Schouteden (Sarah, Sophie e Simon). Dopo la nascita dei loro due gemelli nel 1997 si sposarono il 13 novembre 1998. Ilse Schouteden ha un figlio dal suo precedente matrimonio. Nel 2007 ha divorziato dalla seconda moglie. Il 27 settembre 2008 ha sposato Miet Smet, ex ministro belga, era il suo terzo matrimonio. Dopo la morte della prima moglie, Martens è stato in grado di celebrare il matrimonio con Miet Smet con rito cattolico, il 27 aprile 2013. Entrambi portavano il titolo di Ministro di Stato. Quando erano attivi insieme ai giovani del CVP, c'erano già voci su una relazione tra i due. Dal 1985 al 1992 sono stati insieme parte dello stesso governo

Morte e TributiModifica

 
Wilfried Martens (al centro) con Jean-Luc Dehaene (a sinistra) in una riunione del Partito Popolare Europeo (PPE) nel 2005.

Martens è morto dagli effetti del cancro al pancreas[4] il 9 ottobre 2013, nella sua casa a Lokeren ; all'età di 77 anni. Il primo ministro del Belgio Elio Di Rupo lo ha descritto come un "vero uomo di stato e uno dei padri del Belgio federale". Il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz ha reso omaggio a lui come un "uomo di stato del Belgio, d'Europa e un leader eccezionale del Parlamento europeo". Jerzy Buzek, eurodeputato del PPE ed ex primo ministro polacco, lo ha definito "insostituibile".

Il 19 ottobre 2013 ha ricevuto un funerale di stato a Gand,[5] cui hanno partecipato un reale Aiutante di campo di re Filippo.

Il PPE think tank Centre for European Studies è stato rinominato dopo di lui, ora è il "Centro Wilfried Martens di studi europei", una decisione presa durante il Congresso del PPE a Dublino, tenutasi il 9 marzo 2014.[6]

PubblicazioniModifica

 
Wilfried Martens alla presentazione del suo libro I Struggle, I Overcome (2009).

Distinzioni e OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Morto Wilfried Martens, fino a martedì scorso presidente Ppe Ansa.it
  2. ^ (NL) Deze ruime, creatieve interpretatie van de Grondwet werd bedacht door Martens' toenmalige kabinetschef en grondwetspecialist André Alen.
  3. ^ (NL) Jörgen Oosterwaal, Afscheid van Lieve Verschroeven, in: Knack, 9 januari 2013, blz. 40-43.
  4. ^ (NL) Oud-premier Wilfried Martens overleden, NOS, 10 ottobre 2013
  5. ^ Staatsbegrafenis Belgische oud-premier Wilfried Martens (audio, niet meer beschikbaar), NOS, 19 ottobre 2013
  6. ^ (EN) Centre for European Studies renamed in honour of its founder Wilfried Martens, su martenscentre.eu, 10 marzo 2014. URL consultato il 14 marzo 2014.

BibliografiaModifica

  • (NL) Helmut Gaus (dir.), Politiek Biografisch Lexicon, Gand, 1989.
  • (NL) Hugo de Ridder, Omtrent Wilfried Martens, Lannoo, Tielt, 1991.
  • (NL) Hugo de Ridder, De Strijd om de 16, Lannoo, Tielt, 1993.
  • (NL) Manu Ruys, Wilfried Martens, dans: Nieuwe encyclopedie van de Vlaamse Beweging, Tielt, 1998.
  • Gli archivi di Wilfried Martens sono conservati agli Archivi generali del Regno, à Bruxelles.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN33218885 · ISNI (EN0000 0001 1051 9891 · LCCN (ENn85315112 · GND (DE135612721 · BNF (FRcb12167183b (data) · WorldCat Identities (ENn85-315112