Apri il menu principale

Ordine di Leopoldo

onoreficenza nazionale belga
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ordine di Leopoldo (disambigua).
Ordine di Leopoldo
Leopoldsorde o Ordre de Léopold
Order of Leopold Belgium (Heraldry).svg
Le insegne dell'Ordine
Belgio
Regno del Belgio
TipologiaOrdine cavalleresco statale
MottoL'UNION FAIT LA FORCE
EENDRACHT MAAKT MACHT
Statusattivo
CapoFilippo del Belgio
IstituzioneBruxelles, 11 luglio 1832
Primo capoLeopoldo I del Belgio
GradiGran Cordone
Grand'Ufficiale
Commendatore
Ufficiale
Cavaliere
Precedenza
Ordine più alto-
Ordine più bassoOrdine della Stella africana
Chevalier Ordre de Leopold.png
Nastro dell'Ordine
La croce dell'Ordine di Leopoldo

L'Ordine di Leopoldo (Leopoldsorde in fiammingo, Ordre de Léopold in francese) è uno dei tre ordini nazionali del Belgio. Esso è il più alto, ed è stato dedicato al Re Leopoldo I del Belgio, fondatore dello stato belga. Esso consiste in onorificenze militare, marittime e civili.

Storia dell'OrdineModifica

La decorazione venne istituita il 11 luglio 1832 su iniziativa del conte Félix de Merode. All'epoca l'ordine comportava solo due categorie, quella militare e quella civile, e quattro classi: Cavaliere, Ufficiale, Commendatore e Gran Cordone. Nel 1838 fu aggiunta una quinta classe, quella di Grand'Ufficiale. Il 16 febbraio 1934 venne istituita anche la categoria marittima.[1] L'onorificenza viene concessa per ricompensare estremi gesti di coraggio in combattimento o per meriti eccezionali verso la nazione belga. Il primo belga a ricevere tale onorificenza fu il capitano Génie H. Hallart, che ricevette la nomina di Cavaliere dell'Oridine il 7 gennaio 1833. Il primo civile a essere insignito fu il sindaco di Bruxelles Nicolas Rouppe il 1 gennaio 1833.[2]

Nel corso della Seconda guerra mondiale, l'Ordine di Leopoldo venne concesso soprattutto a militari stranieri che contribuirono a liberare il paese dalle truppe occupanti naziste. Tra i famosi onorati con tale medaglia si ricordano George Patton, Bernard Montgomery, Dwight Eisenhower e Wesley Clark. La medaglia venne concessa anche a Josip Broz Tito nel 1970.

I membri possono essere nominati solo su proposta del Re, il quale conferisce questa onorificenza in due precisi momenti dell'anno: il suo compleanno (nel caso dell'attuale Re Filippo del Belgio, il 15 aprile) ed il 15 novembre (Giorno della Dinastia Belga).

L'età minima di coloro che ottengono la decorazione è stata fissata a 40 anni.

OrganizzazioneModifica

I membri dell'Ordine di Leopoldo sono suddivisi in cinque classi:

  • Gran Cordone ('Grootlint'), che indossa un collare d'oro di catena e una fascia trasversale oltre alla placca sulla parte sinistra del petto;
  • Grand'Ufficiale ('Grootofficier'), che indossa l'insegna portata al collo tramite un nastro con la placca sulla parte sinistra del petto;
  • Commendatore ('Commandeur'), che indossa l'insegna portata al collo tramite un nastro;
  • Ufficiale ('Officier'), che indossa la medaglia con la rosetta sulla parte sinistra del petto;
  • Cavaliere' ('Chevalier/Ridder'), che indossa l'insegna sulla parte sinistra del petto.

Tutte e cinque le classi sono divisibili in civile, militare e marittima.

ComposizioneModifica

Il Gran Maestro dell'ordine è il Re dei Belgi ed il Gran Cordone è riservato esclusivamente a membri della famiglia reale belga o a regnanti, principi e capi di Stato di altre nazioni.

L'età minima per avere accesso all'ordine è di 40 anni con alcune eccezioni:

Nastri
Cavaliere Ufficiale Commendatore Grand'Ufficiale Gran Cordone

InsegneModifica

 
Dipinto di Re Leopoldo I del Belgio con le vesti dell'ordine

L'insegna dell'Ordine è una croce, simile alla croce di Malta, smaltata di bianco, in argento per le classi inferiori ed in oro per quelle superiori, attorniata da rami d'alloro e di quercia intrecciati a corona smaltati di verde. Sul diritto si trova un medaglione smaltato di nero con un leone dorato in centro. Sul retro si trova un monogramma affrontato con le lettere "LR". Entrambi i medaglioni sono circondati da un anello smaltato di rosso con il motto L'union fait la force ("L'unione fa la forza"). La croce è sormontata da una corona che può avere anche delle spade incrociate od un'ancora a seconda del tipo di concessione. In occasione delle cerimonie, la croce degli ufficiali e dei commendatori ufficiali è appesa a un collare d'oro, con nove corone e nove monogrammi affrontati riproducenti le lettere "LR" (per "Leopoldus Rex"), e diciotto leoni (simboli del Belgio). Più generalmente, la croce è sospesa a un largo nastro completamente viola. I commendatori la portano intorno al collo. I cavalieri e i commendatori ufficiali portano inoltre una stella ad otto raggi d'argento riproducente una croce maltese con diversi raggi tra le sue braccia; al centro si trova sempre il medaglione nero con leone dorato e l'anello rosso col motto dell'ordine. Anch'essa è sormontata da una corona che può avere anche delle spade incrociate od un'ancora a seconda del tipo di concessione.

Società dell'Ordine di LeopoldoModifica

La prima società dell'Ordine di Leopoldo fu creata nel 1856. Per farne parte era sufficiente essere stati decorati con l'Ordine di Leopoldo e "godere di stima pubblica". Nel 1862 ci fu già una prima revisione dello statuto che prevedeva un aiuto, in caso di bisogno, per le spese di salute e funerarie. La società attuale nacque nel 1932 all'occasione del centenario della nascita dell'ordine e per volere del re Alberto I del Belgio. La nuova società ampliò notevolmente il sostegno ai suoi membri e alla famiglia.[3]

Il primo presidente sarà il Conte Charles de Broqueville, gli succederà il Luogotenente generale Aloïs Biebuyck (1860-1944).

Insigniti notabiliModifica

 
La placca da Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo di Chiang Kai-shek, esposta nel suo memoriale a Taipei

NoteModifica

  1. ^ (FR) Création de l'Ordre de Léopold, su orderofleopold.be. URL consultato il 18 settembre 2018.
  2. ^ (FR) Premières attributions de l'Ordre de Léopold, su orderofleopold.be. URL consultato il 18 settembre 2018.
  3. ^ (FR) Historique de la SOL, su Société de l'Ordre de Léopold. URL consultato il 10 ottobre 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica