Ve ne dovevate andare

film del 2020 scritto e diretto da David Koepp
(Reindirizzamento da You Should Have Left)
Ve ne dovevate andare
Titolo originaleYou Should Have Left
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2020
Durata93 min
RapportoWidescreen
Genereorrore, thriller
RegiaDavid Koepp
Soggettodal romanzo di Daniel Kehlmann
SceneggiaturaDavid Koepp
ProduttoreJason Blum, Dean O'Toole
Produttore esecutivoDerek Ambrosi, Couper Samuelson, Jeanette Volturno
Casa di produzioneBlumhouse Productions
Distribuzione in italianoUniversal Pictures
FotografiaAngus Hudson
Effetti specialiAlexander Gunn
MusicheGeoff Zanelli
ScenografiaSophie Becher, Megan Elizabeth Bell
CostumiSusie Coulthard, Karen Malecki
TruccoRobin Pritchard
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ve ne dovevate andare (You Should Have Left) è un film del 2020 scritto e diretto da David Koepp.

La pellicola è l'adattamento cinematografico del romanzo del 2017 Du hättest gehen sollen, scritto da Daniel Kehlmann.

TramaModifica

Theo, uomo con problemi di natura psicologica e sposato con la bellissima attrice Susanna, ha spesso incubi in cui vede un uomo aggredire in maniera sovrannaturale sua figlia Ella. L'uomo è inoltre poco gradito dall'opinione pubblica in quanto, molti anni prima, fu ingiustamente accusato dell'omicidio della sua prima moglie, la quale era invece morta suicida nella vasca da bagno. Theo è stato assolto in tribunale, tuttavia in molti hanno continuato a credere nella sua colpevolezza. Quando l'uomo va a trovare sua moglie Susanna sul set, un addetto alla sicurezza non gli permette di accedere al set: come se non bastasse Theo deve ascoltare sua moglie mentre gira una scena di sesso molto spinta, il che lo fa ingelosire. I due sposi hanno tuttavia una forte sintonia e, dopo della passione consumata in automobile, prenotano un soggiorno in Galles presso un'enorme casa disabitata. Raggiunto il luogo si rendono conto di quanto sia effettivamente spaziosa: la prima serata trascorre in molto felice e spensierato, sebbene Theo sia abbastanza intimorito dalle dimensioni della casa. Ella assiste tuttavia a una discussione fra i suoi genitori.

Il giorno dopo Theo si sveglia più tardi rispetto al resto della famiglia e inizia a scrivere i propri pensieri sul suo diario personale, una tappa fondamentale per la sua terapia. In quello stesso momento Ella e Susanna sono insieme nel bosco per fare una passeggiata: la bambina cerca di attirare l'attenzione della madre arrampicandosi su un albero e rischiando di precipitare al suolo, dopo di che le chiede a bruciapelo perché suo padre sia così odiato. Susanna le racconta dunque una versione edulcorata ma sincera delle vicende di Theo. Nel frattempo l'uomo si reca in paese per racimolare provviste; qui interagisce con alcune persone molto particolari che sembrano volergli suggerire qualcosa di sinistro circa l'abitazione. Quando l'intera famiglia è tornata presso la casa vacanze, Susanna racconta l'accaduto a Theo, scatenando un litigio: l'uomo avrebbe voluto parlare personalmente alla figlia della sua storia nel momento in cui la bambina avrebbe compiuto sette anni. Questo riaccende alcune gelosie di Theo, che spia dunque le e-mail di Susanna mentre la donna è nella vasca da bagno; non avendo trovato nulla di anomalo e appurato che Susanna ha saputo raccontare tutto a Ella nel modo giusto, Theo seppellisce l'ascia di guerra.

Quella notte Theo fa un sogno molto cruento in cui la casa ha delle caratteristiche differenti da quelle reali, come se includesse un labirinto al suo interno: l'uomo sogna inoltre che sia successo qualcosa di male a Ella e inizialmente non riesce a svegliarsi nemmeno quando, nel sogno, si ferisce con una bottiglia rotta. Al risveglio, l'uomo scopre che qualcuno ha vandalizzato il suo diario scrivendo più volte "you should have left" tra le pagine. Quella mattina i coniugi decidono di cambiare meta per la loro vacanza; mentre sembrano passare un momento felice, Theo scopre tuttavia che Susanna possiede un secondo cellulare di cui lui non sapeva nulla. Da questo viene fuori un litigio in cui la donna confessa effettivamente di avere un amante. Theo ordina alla moglie di passare una notte in un albergo affinché possano chiarirsi le idee, agendo in maniera abbastanza insofferente verso la donna. Quest'ultima finge algidità, ma appena nessuno può vederla scoppia a piangere. Tornato a casa con sua figlia, Theo inizia a notare degli strani fenomeni in casa, avvenimenti che sembrano andare contro tutte le leggi della fisica: il pavimento assorbe acqua, gli angoli fra pavimento e mura non sono retti e le dimensioni esterne della casa non coincidono con quelle interne.

Non appena Theo perde Ella di vista, la casa si trasforma diventando esattamente come l'uomo l'ha sognata. Nel labirinto che si è generato, Ella incontra un cadavere femminile posto in una vasca da bagno e un uomo molto inquietante, lo stesso sognato precedentemente da suo padre. La casa include varie fotografie che prima non c'erano. Dopo lunghi minuti di spavento la casa ritorna come prima e padre e figlia si incontrano, decidendo dunque di andare via. Poiché Theo non riesce a comunicare con Susanna (che ha con sé la loro automobile), l'uomo telefona al proprietario dell'emporio del paese chiedendo di mandargli un taxi; questi gli rivela di una leggenda secondo cui quella casa era stata edificata dal diavolo per rubare le anime di chiunque vi fosse capitato e che lui non può fare niente per impedirlo. Theo non si arrende e porta via con sé sua figlia, ritrovandosi tuttavia a dover affrontare una notte a dir poco gelida. Quando i due sembrano essersi allontanati, si ritrovano di nuovo al luogo di partenza. La bambina non vorrebbe entrare, ma non c'è alternativa. Theo riesce comunque a rassicurarla aprendosi completamente con lei prima che si mettano a dormire.

Dopo alcune ore, dei rumori e il flash di una macchina fotografica svegliano Theo, facendo sì che perda di nuovo di vista sua figlia. A questo punto la casa si trasforma di nuovo in un labirinto e una sorta di demone con le sembianze di donna morta attacca Theo per poi sparire nel nulla. Theo scopre delle fotografie che ritraggono lui e la propria famiglia mentre dormivano, dopo di che inizia ad assistere in terza persona agli avvenimenti dei giorni precedenti: è proprio lui in questo frangente a "vandalizzare" il suo stesso diario privato. Mentre il tempo continua a riavvolgersi su se stesso, un misterioso individuo telefona a Theo affermando che non sarebbe riuscito ad andare da nessuna parte. Subito dopo Theo incontra l'uomo del suo sogno, che sembrerebbe essere il diavolo in persona. Theo lo aggredisce senza riuscire a ferirlo, dopo di che l'essere assume le sembianze dello stesso Theo e afferma che il motivo per il quale l'uomo ha rovinato la sua vita è che "non è mai riuscito a fare davvero nulla". Il demone fa capire a Theo che Ella potrà andare via da lì soltanto se lui si consegnerà spontaneamente a lui; a questo punto la casa ritorna come prima.

Theo riconsegna Ella a Susanna e comunica a sua moglie la decisione di restare in quella casa, seppur senza riuscire a spiegare cosa sia effettivamente accaduto lì. L'uomo tuttavia racconta a sua moglie la verità sulla morte della sua prima moglie: a causa di un pesante risentimento verso la donna, Theo era infatti rimasto a guardare mentre la donna moriva, dunque di fatto aveva contribuito alla sua morte per omissione di soccorso. A questo punto, il tempo si riavvolge per un'ultima volta: Theo è ormai una presenza stabile nella dimora maledetta, ed era presente nell'edificio anche mentre lui stesso e sua figlia cercavano di scappare via. Insieme a lui sono presenti numerose fotografie che raffigurano altri peccatori che, prima di lui, avevano subito lo stesso destino fra quelle mura.

Colonna sonoraModifica

Le musiche del film sono state composte da Geoff Zanelli e raccolte in una colonna sonora ufficiale pubblicata dall'etichetta Back Lot Music.[1][2]

PromozioneModifica

Il primo trailer del film viene diffuso l'8 giugno 2020.[3]

DistribuzioneModifica

Il film è stato distribuito on demand a partire dal 18 giugno 2020.[4] In Italia è stato trasmesso per la prima volta il 15 giugno 2021 su Sky Cinema Uno.[5]

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 40% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 4,9 su 10 basato su 109 critiche,[6] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 46 su 100 basato su 27 critiche.[7]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Eric Sanchez, Geoff Zanelli to Reteam with David Koepp on ‘You Should Have Left’ | Film Music Reporter, su filmmusicreporter.com, 22 maggio 2018. URL consultato il 21 febbraio 2021.
  2. ^ (EN) ‘You Should Have Left’ Soundtrack Album Announced | Film Music Reporter, su filmmusicreporter.com, 16 giugno 2020. URL consultato il 21 febbraio 2021.
  3. ^   Blumhouse, You Should Have Left - Available On Demand June 19, su YouTube, 8 giugno 2020. URL consultato l'8 giugno 2020.
  4. ^   Universal Pictures, You Should Have Left - A Look Inside (Available On Demand June 18) (HD), su YouTube, 15 giugno 2020. URL consultato il 15 giugno 2020.
  5. ^ Mister Paura presenta You Should Have Left, il thriller con Kevin Bacon e Amanda Seyfried, su tg24.sky.it, Sky TG24, 15 giugno 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  6. ^ (EN) Ve ne dovevate andare, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 22 febbraio 2021.  
  7. ^ (EN) Ve ne dovevate andare, su Metacritic, Red Ventures. URL consultato il 22 febbraio 2021.  

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema