Apri il menu principale

400 giorni

film del 2015 diretto da Matt Osterman
400 giorni
Titolo originale400 Days
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2015
Durata90 min
Generefantascienza, thriller
RegiaMatt Osterman
SceneggiaturaMatt Osterman
Produttore
Casa di produzione
  • New Artists Alliance
  • XLrator Media
Distribuzione in italianoXLrator Media
MontaggioNicholas Larrabure
Musiche
  • Wojciech Golczewski
  • Sean McMahon
ScenografiaBo Hakala
Interpreti e personaggi

400 giorni è un film di fantascienza del 2015 scritto e diretto da Matt Osterman e interpretato da Brandon Routh, Caity Lotz, Ben Feldman e Dane Cook mentre gli astronauti hanno inviato una missione simulata di 400 giorni su un pianeta lontano per testare gli effetti psicologici del profondo viaggio spaziale. Negli Stati Uniti, il film è stato presentato nei cinema, on-demand e in digitale il 12 gennaio 2016.

TramaModifica

Quattro astronauti - Capitano Theo Cooper (Routh), Dr. Emily McTier (Lotz), Bug Kieslowski (Feldman) e Cole Dvorak (Cook) - iniziano una simulazione di 400 giorni sulla Terra per studiare gli effetti a lungo termine dei viaggi nello spazio.

Mentre il loro tempo si interrompe, l'equipaggio inizia ad affrontare effetti psicologici estremi come la paranoia e l'allucinazione. La squadra si installa più a fondo nei loro spazi separati, finché un uomo scompigliato si fa strada nella loro nave spaziale simulata. Dopo la sua fuga, l'equipaggio decide di uscire ed esplorare il mondo di superficie, che scoprono ora buio, ventoso, desolato, ostile e coperto di polvere.

Dopo una lunga passeggiata con incidenti minori scoprono la città 'Tranquillity', che è abitata e ha elettricità. Un uomo di nome Zell (Tom Cavanagh) li invita nel suo ristorante e dice loro che la luna è stata colpita da qualcosa che ha creato un'enorme nuvola di polvere che ora copre la terra, bloccando il sole. Dvorak si fa beffe di questo suggerimento, credendo ancora che si trovino in una simulazione e se ne va in un bar locale, seguito dal resto dell'equipaggio. Dopo alcuni drink, Dvorak esce dal bar con una giovane donna senza dirlo agli altri. I tre tornano al ristorante dove Zell ha offerto loro un posto dove dormire.

Bug fa il primo dovere di guardia e presto inizia ad avere allucinazioni dove segue il figlio Sam ma calpesta Zell, dove finisce la scena. Presto McTier e Cooper si svegliano da soli dopo un po' di tempo e quando chiedono a Zell dei loro amici scomparsi, insiste che Cooper e McTier erano da soli quando sono arrivati. Sospettando il pericolo, la coppia lascia il commensale senza successo cercando i loro amici. Ritornano sulla nave e, mentre Cooper chiude il portello d'ingresso, scopre di essere seguito da Zell e da altri due uomini. Cooper e McTier riescono a neutralizzare i loro aggressori e nel momento stesso in cui muore Zell, i 400 giorni sono appena passati e vengono informati che la simulazione si è conclusa con grande successo. Il portello d'ingresso si apre con una luce intensa che brilla verso il basso. Cooper e McTier si prendono le mani e attendono con ansia cosa succederà dopo, ma il film finisce senza che venga mostrato.

ProduzioneModifica

400 giorni è il secondo film diretto da Matt Osterman, che ha anche scritto la sceneggiatura.[1] Il film trae ispirazione da un esperimento chiamato Mars-500 (Agenzia spaziale cinese, Agenzia Spaziale Europea e Roscosmos), così come The Twilight Zone, fantascienza classica e film rompicapo.[2]

Osterman ha spiegato:

Era mia intenzione creare un racconto che mettesse lo spettatore nella sede dell'esperimento stesso, uno in cui il pubblico non era mai abbastanza sicuro di chi fidarsi e non fosse sicuro se fosse tutto un semplice stratagemma. L'aspetto puzzle del film sarà difficile per alcuni, ma volevo fare eco Rod Serling e confidare nell'idea che va bene che il pubblico non abbia tutte le risposte - per sentirsi a proprio agio con l'ignoto.[3]

Il film è stato girato per un periodo di 19 giorni in diverse località del Southern California durante l'estate del 2014.[4]

DistribuzioneModifica

La distribuzione di 400 giorni è stata gestita da XLrator Media e dai film di Syfy, quest'ultimo per il quale il film è stato pubblicato in apertura per lo studio.[5] Il film è stato proiettato al Mall of America il 15 gennaio 2016, come parte della serie di insider di Twin Cities Film Fest.

CriticaModifica

Rotten Tomatoes riporta che uno degli otto critici intervistati (il 13%) ha dato al film una recensione positiva; la valutazione media è 3.9/10.[6] Den of Geek valuta 2.5/5 stelle e ha scritto che la storia avrebbe dovuto concentrarsi maggiormente sulla premessa intrigante di testare gli astronauti nevrotici in una simulazione.[7] Michael Rechtshaffen del Los Angeles Times critica la storia del film come non all'altezza delle premesse intriganti e ha scritto: "Manca una strategia di uscita praticabile, i 400 giorni senza tensione sembrano un tempo sprecato".[8] Leslie Felperin di The Guardian lo ha valutato 2/5 stelle e ha scritto che i personaggi e i retroscena prevedibili rendono l'esperienza di vedere il film "come guardare Solaris interpretato da burattini di calze".[9]

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica