Apri il menu principale

Brandon Routh

attore statunitense

BiografiaModifica

Nato nell'Iowa, terzo dei quattro figli di Kate, insegnante, e Don Routh, carpentiere. Brandon è sposato con la collega Courtney Ford. Fidanzati dal 23 agosto 2006, sono convolati a nozze il 24 novembre 2007.[1] Il 10 agosto 2012 nacque il loro primogenito Leo James.

CarrieraModifica

Inizia ad appassionarsi alla recitazione fin da piccolo per poi consolidarsi negli anni del liceo. Dopo gli studi all'università dell'Iowa, si trasferisce a Los Angeles in cerca di fortuna. Inizia a lavorare come modello, dando il via ad una gavetta che lo porta a comparire il piccoli ruoli in serie tv come Una mamma per amica, Cold Case - Delitti irrisolti, Will & Grace, nella soap opera Una vita da vivere. Inoltre appare nel videoclip di Christina Aguilera, What a Girl Wants.

Debutta al cinema nel 2006 nel film Karla, in seguito, dopo aver prevalso su attori come Josh Hartnett, Brendan Fraser, Paul Walker e Ashton Kutcher, ottiene il ruolo di Superman nel nuovo capitolo cinematografico delle avventure dell'uomo d'acciaio in Superman Returns. È stato scelto da Bryan Singer, regista del film, grazie alla sua somiglianza con Clark Kent, ma soprattutto per la sua somiglianza con Christopher Reeve. Nel 2008 è stato scelto per interpretare Dylan Dog, nell'adattamento cinematografico dell'omonimo fumetto italiano.

Nel 2010 prende parte alla terza stagione della serie televisiva Chuck, nel ruolo di Daniel Shaw. Nel 2014 interpreterà Ray Palmer che diventerà il supereroe Atomo nella terza stagione della serie televisiva Arrow.[2]

FilmografiaModifica

 
Brandon Routh nel 2010 al San Diego Comic-Con International

CinemaModifica

TelevisioneModifica

VideoclipModifica

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, è stato doppiato da:

NoteModifica

  1. ^ (EN) Michelle Tan, Superman Returns Star Brandon Routh Gets Married, su people.com, 25 novembre 2007.
  2. ^ (IT) Mattia Pasquini, ARROW: BRANDON ROUTH DIVENTA THE ATOM, su film.it, 7 luglio 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32310328 · ISNI (EN0000 0001 1470 3602 · LCCN (ENno2006127576 · BNF (FRcb15551634z (data) · WorldCat Identities (ENno2006-127576