Apri il menu principale

A viso coperto (miniserie televisiva)

sceneggiato televisivo diretto da Gianfranco Albano
A viso coperto
PaeseItalia
Anno1985
Formatominiserie TV
Generedrammatico
Puntate4
Lingua originaleitaliano
Rapporto1.33 : 1
Crediti
RegiaGianfranco Albano
SoggettoSilvana Buzzo
SceneggiaturaSilvana Buzzo
Interpreti e personaggi
FotografiaSandro Messina
MontaggioRomano Trina
MusicheCarlo Siliotto
ScenografiaEgidio Spugnini
CostumiAlberto Verso
Casa di produzioneRai - Radiotelevisione italiana
Prima visione
Dal24 novembre 1985
Al1º dicembre 1985
Rete televisivaRai 1

A viso coperto è uno sceneggiato televisivo in quattro puntate realizzato per la RAI - Radiotelevisione italiana, diretto da Gianfranco Albano e andato in onda nel 1985 su Rai 1. Gli esterni sono stati girati in Toscana presso la città di Siena e sul monte Amiata.

TramaModifica

Alcuni malviventi rapiscono una donna, Martina Connolly, e il suo bambino, Giacomo, nascondendoli in una tenda su una sperduta montagna sotto il controllo di Albino. Il piccolo tenta la fuga, ma viene poi ripreso; la madre viene invece rilasciata al fine di ottenere il riscatto. Quando Giacomo si ammala, tra lui e Albino nasce un sentimento di solidarietà nel momento in cui gli altri banditi vorranno ucciderlo perché il bambino li ha riconosciuti in viso. Albino allora fuggirà con lui, affrontando il complice Ivo che poi verrà ucciso dall'organizzazione criminale perché non parli una volta arrestato. Intanto le forze dell'ordine sono sulla traccia dei due, che si separano dopo che Giacomo promette ad Albino che dirà di non averlo mai visto. Il bambino viene ritrovato, e poco dopo Albino arrestato. Come promesso, Giacomo nega agli inquirenti di conoscere Albino, ma quando l'uomo viene accusato anche dell'omicidio del complice e tenta di togliersi la vita, Giacomo svelerà il suo segreto e racconterà tutta la verità, aiutato anche dalla madre che testimonierà il trattamento umano da parte di Albino.

ReferenzeModifica

R. Poppi, Dizionario del cinema italiano, Dizionari Gremese, 2000.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione