Apri il menu principale

Aiguille Verte

montagna del Massiccio del Monte Bianco
Aiguille Verte
MassifduMont-Blanc AigVerte lesDrus depuis AigRouges Juillet2004.jpeg
L'Aiguille Verte (a sinistra) e le Aiguilles du Dru (a destra)
StatoFrancia Francia
RegioneRodano-Alpi Rodano-Alpi
DipartimentoAlta Savoia
Altezza4 121 m s.l.m.
Prominenza688 m
CatenaAlpi
Coordinate45°55′59″N 6°42′59″E / 45.933056°N 6.716389°E45.933056; 6.716389Coordinate: 45°55′59″N 6°42′59″E / 45.933056°N 6.716389°E45.933056; 6.716389
Data prima ascensione29 giugno 1865
Autore/i prima ascensioneEdward Whymper, Christian Almer e Franz Biner
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Aiguille Verte
Aiguille Verte
Mappa di localizzazione: Alpi
Aiguille Verte
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezioneAlpi Graie
SottosezioneAlpi del Monte Bianco
SupergruppoMassiccio del Monte Bianco
GruppoCatena dell'Aiguille Verte
SottogruppoGruppo Aiguille Verte-Aiguilles du Dru
CodiceI/B-7.V-B.5.c/a

L'Aiguille Verte è una vetta situata nella parte settentrionale del massiccio del Monte Bianco, nella catena che prende il suo nome. È alta 4.121 m o, a seconda delle fonti, 4.122 m.

Indice

CaratteristicheModifica

Fa parte delle 82 cime alte più di 4.000 metri recensite nelle Alpi: i 4000 delle Alpi. Il suo nome deriva dal colore verde-blu con cui si tinge il ghiaccio che ricopre la cima, quando il sole riesce ad illuminarne il profilo.

Si articola in quattro versanti:

AscensioniModifica

 
Le vie sulla parete nord dell'Aiguille Verte (dal numero 7 al 17).

Prima ascensioneModifica

La prima ascensione venne effettuata da Edward Whymper, Christian Almer e Franz Biner il 29 giugno 1865.

ConcatenamentiModifica

  • Pareti nord dell'Aiguille Verte, delle Droites, delle Courtes e delle Grandes Jorasses - 18 marzo 1986 - Concatenamento di Jean-Marc Boivin in solitaria in 17 ore. Ha salito la Goulotte Grassi-Comino sull'Aiguille Verte, la via Cornuau-Davaille sulle Droites, la via degli Svizzeri sulle Courtes e il Linceul sulle Grandes Jorasses. Ha effettuato gli spostamenti in parapendio e deltaplano.[1]

Vie alpinisticheModifica

Parete nordModifica

Parete sud-ovestModifica

Parete sudModifica

Discese in sci e snowboardModifica

Nel seguente elenco sono riportate le discese più significative effettuate dall'Aiguille Verte.[9]

  • Couloir Whymper
    • 11 giugno 1968 - Prima discesa in sci di Sylvain Saudan.[10]
    • giugno 1987 - Prima discesa in snowboard di Alain Moroni.
  • Couloir Couturier
    • 1º agosto 1973 - Prima discesa in sci, con elicottero, di Serge Cachat-Rosset.
    • 5 agosto 1973 - Prima discesa in sci, senza elicottero, di Anselme Baud e Patrick Vallençant.
    • 1988 - Prima discesa in snowboard, con elicottero, di Bruno Gouvy.
  • Couloir Cordier
    • 6 marzo 1977 - Prima discesa in sci, con una doppia di 30 metri, di Yves Détry.
    • giugno 1980 - Prima discesa in sci integrale, senza doppie, di Jean-Marc Boivin.
  • Couloir ad Y, sinistra
    • 27 febbraio 1985 - Prima discesa in sci di Jean-Marc Boivin.
  • Nant Blanc
    • 12 giugno 1989 - Prima discesa in sci di Jean-Marc Boivin.
    • 17 giugno 1999 - Prima discesa in snowboard di Marco Siffredi.
  • Couloir ad Y, destra
    • 7 aprile 1995 - Prima discesa in sci di Eric Bellin.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Roberto Mantovani, Informazioni alpinistiche, in Rivista della Montagna, nº 76, giugno 1986, p. 73.
  2. ^ Labande, p. 140
  3. ^ a b Damilano, p. 130
  4. ^ a b Damilano, p. 134
  5. ^ Damilano, p. 131
  6. ^ Damilano, p. 164
  7. ^ Christian Imboden: Berge: Beruf, Berufung, Schicksal. Die St. Niklauser Bergführer als Wegbereiter des internationalen Alpinismus, Rotten Verlag, Visp, 2013, ISBN 3-907624-48-3, p. 138 e Damilano, p. 165
  8. ^ Damilano, p. 170
  9. ^ Groupe de Haute Montagne - Annales 2000 (PDF), 2005, pp. 184-187. URL consultato il 9 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2015).
  10. ^ (EN) Whymper couloir skiing - Aiguille Verte, summitpost.org, 5 luglio 2008. URL consultato il 9 giugno 2012.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica