Apri il menu principale
Istruzioni
  • Linee tratteggiate: legame di matrimonio
  • Linee puntate: legame di parentela incerto (segnalato in nota).
  • sp.= "sposato/a con".

Qui di seguito gli alberi genealogici dei tiranni di Siracusa dal 485 a.C. al 212 a.C., quando iniziò la dominazione romana.

Gli alberi sono stati suddivisi in tre rami principali:

Sono stati esclusi: Callippo, ateniese, che fu tiranno dal 354 al 353 a.C.; Agatocle di Siracusa, figlio dello sconosciuto esule Carcino di Reghion, che fu tiranno dal 316 al 289 a.C.; Iceta di Siracusa, di origini sconosciute, che fu tiranno dal 288 al 279 a.C.; Tinione e Sosistrato, non facenti parte di una dinastia, tiranni dal 279 al 277 a.C.; infine, Ippocrate e il fratello Epicide, di padre sconosciuto, furono gli ultimi tiranni di Siracusa, dal 214 al 212 a.C.

Indice

Dinomenidi (491 - 465 a.C.)Modifica

La dinastia di Dionisio (405 - 347 a.C.)Modifica


Ermocrito
Aristomache[4]
Aristomache[5]
Dionisio I
*430 a.C.367 a.C.
Doride[6]Teste[7]Tearide
Ipparino
*? †351 a.C.
Niseo
fl. 351 a.C.
Dione
*408 a.C.354 a.C.
Arete[8]Sofrosine
Dionisio II
*397 a.C.post 343 a.C.
ErmocritoDiceosine
Leptine
*? †375 a.C.
Ipparino
Apollocrate
Alceta[9]
una figlia
Filisto
*430 a.C.356 a.C.
[10]

Gerone II e la fine della Tirannide (270 - 212 a.C.)Modifica

Gli ultimi tiranni, Ippocrate ed Epicide, sono fratelli ed entrambi figli di un cartaginese e un siracusano. Con i loro due anni di potere si conclude la tirannide siracusana. La città passerà poi sotto il diretto controllo dei romani.

NoteModifica

  1. ^ Figlia di Terone ( Guido Libertini, Terone, su www.treccani.it, 1937. URL consultato l'11 ottobre 2016.). Avendo in suo potere le città di Agrigento e Imera, all'epoca di rilevante potenza, strinse un'alleanza con Gelone di Siracusa. Per siglare il patto Terone offrì in sposa al tiranno di Siracusa la figlia Damarete. L'alleanza permise di respingere i cartaginesi di Amilcare nella battaglia di Imera del 480 a.C..
  2. ^ Alla morte di Gelone, sposa in seconde nozze Polizelo nel 478 a.C.
  3. ^ Ierocle asserisce di discendere da Gelone. Si veda, più sotto, la discendenza di Gerone II.
  4. ^ Prima moglie, figlia di Ermocrate, fino al 405 a.C.
  5. ^ Seconda moglie, figlia di Ipparino, dal 397 a.C.
  6. ^ Terza moglie dal 397 a.C.
  7. ^ Sposa Polissero
  8. ^ Ebbe un altro figlio da Dione, di cui non si conosce il nome, che morì insieme a lei durante la congiura ordita dagli uomini del tiranno Iceta di Leontini. Arete contrasse altri due matrimoni senza discendenza. Il primo con un fratello di Dionisio I, Tearide; il secondo con Timocrate.
  9. ^ IG II² 101 = Syll.3 154
  10. ^ Lorenzo Braccesi, Hesperia 7: Studi Sulla Grecita Di Occidente, p. 88.

BibliografiaModifica

Primarie
Secondarie
  • Beloch, Griechische Geschichte, 1912.
  • Tiranni di Siracusa, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011, Treccani.it – Enciclopedie on line.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica