Alberto VI d'Asburgo

nobile
Alberto VI
Albrecht VI. (Miniatur in Gebetbuch).jpg
Ritratto di Alberto VI d’Asburgo
Arciduca d'Austria
(coreggente del fratello Federico V)
In carica 23 novembre 1457 –
2 dicembre 1463
Predecessore Ladislao il Postumo
Successore Federico V
Duca d’Austria Interiore[1]
(coreggente del fratello Federico V)
In carica 10 giugno 1424 –
2 dicembre 1463
Predecessore Ernesto I
Successore Federico V
Nascita Vienna, 18 dicembre 1418
Morte Vienna, 2 dicembre 1463
Luogo di sepoltura Cattedrale di Santo Stefano, Vienna
Dinastia Asburgo
Padre Ernesto I
Madre Cimburga di Masovia
Consorte Matilde del Palatinato
Religione Cristianesimo Cattolico

Alberto VI d'Asburgo, governatore della cosiddetta Austria Anteriore, duca dell'Alta Austria, detto il prodigo (Vienna, 18 dicembre 1418Vienna, 2 dicembre 1463), era figlio del duca Ernesto di Stiria, del ramo leopoldino degli Asburgo, e di Cimburga di Masovia. Suo fratello maggiore era l'Imperatore Federico III con il quale fu spesso in lotta[2].

BiografiaModifica

Ottenne nel 1439 dal fratello maggiore, l'Imperatore Federico III, la reggenza dell'Austria Anteriore o Vorland austriaco, ove fondò nel 1457 l'Università di Friburgo in Brisgovia.

Alla morte di suo cugino Alberto V d'Asburgo, della linea albertina, ottenne la tutela del figlio postumo di lui, Ladislao il Postumo, ma vi dovette rinunciare nel 1443; in seguito riaffermò le sue pretese alla morte di Ladislao, con cui si estingueva la linea albertina.

Il fratello Federico III lo tacitò cedendogli l'Alta Austria; ma nel 1462, con l'appoggio dei principi vicini e della nobiltà ribelle, e con la mediazione del re Giorgio di Boemia, Alberto VI ottenne anche Vienna e la Bassa Austria.

Tutti questi domini non erano ancora saldamente nelle sue mani, allorché la morte lo colse.

NoteModifica

  1. ^ Elevato ad Arciduca nel 1453
  2. ^ Langmaier, Konstantin Moritz, Erzherzog Albrecht VI. von Österreich (PDF).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52501450 · ISNI (EN0000 0000 6128 7608 · LCCN (ENnb2015021361 · GND (DE119532441 · BNF (FRcb16297295z (data) · BAV (EN495/130205 · CERL cnp00558460 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2015021361