Basette (film)

film cortometraggio del 2008 diretto da Gabriele Mainetti
Basette
Basette.png
Antonio (Valerio Mastandrea) in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2008
Durata17 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia, drammatico, poliziesco
RegiaGabriele Mainetti
SceneggiaturaNicola Guaglianone
ProduttoreEmiliana De Blasio, Gabriele Mainetti
Produttore esecutivoEmiliana De Blasio
Casa di produzioneGoon Films, Bru Film
FotografiaMaurizio Calvesi
MontaggioAlessandro Giordani
MusicheMichele Braga, Gabriele Mainetti
ScenografiaValeria Zamagni
CostumiPatrizia Mazzon
TruccoIlenia Corini
Interpreti e personaggi

Basette è un film del 2008 diretto da Gabriele Mainetti. Il film è un cortometraggio realizzato come omaggio alla serie manga e anime Lupin III. Scritto da Nicola Guaglianone, ha come protagonisti Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Daniele Liotti, Flavio Insinna e Luisa Ranieri. Fu proiettato il 13 giugno 2008 al 16º Arcipelago Film Festival.[1]

TramaModifica

Antonio è un ladro romano cresciuto in una famiglia di taccheggiatori di supermercati. Mentre si reca a rapinare un ufficio di Poste italiane con i suoi soci Franco e Tony, ricorda la sua vita di vent'anni prima e l'abitudine familiare natalizia di rubare giocattoli all'UPIM per poi rivenderli. Dopo essersi trasferito con la madre dal Quadraro a Tor Bella Monaca, Antonio si era innamorato della socia di sua madre e sognava di diventare furbo e geniale come il suo eroe dei cartoni animati, Arsenio Lupin III. La madre però era stata arrestata all'UPIM per aver rubato un costume da Lupin III che lui le aveva chiesto per carnevale.

La rapina alle poste non va a buon fine. Antonio, morente e disteso sull'asfalto, vuole finire la propria vita con un sorriso e quindi fantastica di essere stato arrestato, vestito da Lupin III, da un ispettore di polizia che incarna Koichi Zenigata. Avendo perso ogni scopo nella vita dopo averlo catturato, l'ispettore medita di commettere un omicidio-suicidio. Franco e Tony, che incarnano rispettivamente Daisuke Jigen e Goemon Ishikawa XIII, irrompono nel commissariato per liberarlo, ma si fermano nel reparto delle droghe sequestrate per fumarsi una canna. Antonio riesce comunque a liberarsi e a fuggire in moto con la fidanzata Prisca (che incarna Fujiko Mine).

Nella realtà, Franco e Tony sono stati uccisi nella sparatoria che ha messo fine alla rapina. Antonio, in punto di morte, dice ad un paramedico che lo soccorre di chiamarsi "Lupin", sorridendo ad un bambino con indosso una maglietta di Cowboy Bebop. Prisca, in lacrime, corre in moto verso il tramonto lungo una strada di montagna.

PremiModifica

  • Premio Menzione Speciale Sceneggiatura Segnalazione Sngci (Nicola Guaglianone) ai Corti d'argento 2008
  • Premio Migliore Attore (Daniele Liotti) ai Corti d'argento 2008
  • Premio Migliore Attrice (Luisa Ranieri) ai Corti d'argento 2008
  • Premio come miglior corto al Sardinia Film Festival 2008[2] (III edizione)
  • Premio Migliore Sceneggiatura (Nicola Guaglianone) al Festival del cinema invisibile 2008
  • Premio come miglior corto al Festival del corto del programma di LA7 "La 25a ora" 2008[3] (IV edizione)
  • Premio Migliore Attore Cortometraggi (Valerio Mastandrea) al Tropea Film Festival 2009
  • Premio Migliore Regista Cortometraggi (Gabriele Mainetti) al Tropea Film Festival 2009
  • Premio Migliore Sceneggiatura Cortometraggi (Nicola Guaglianone) al Tropea Film Festival 2009

NoteModifica

  1. ^ Catalogo 2008, su arcipelagofilmfestival.org, Arcipelago Film Festival. URL consultato il 12 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2016).
  2. ^ Informazioni su sardiniafilmfestiva.it[collegamento interrotto]
  3. ^ Informazioni su wuz.it

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema