Belli dentro

serie televisiva italiana
Belli dentro
Belli dentro.png
PaeseItalia
Anno2005-2012
Formatoserie TV
Generesitcom
Stagioni4
Episodi70
Durata24 min circa
Lingua originaleitaliano
Rapporto4:3
Crediti
Regia
SceneggiaturaFederico Basso, Carmelo La Rocca, Lucio Wilson, Renato Trinca
Interpreti e personaggi
MusicheChicco Santulli
Casa di produzioneBananas
Grundy Italia
RTI
Prima visione
Dal13 febbraio 2005
Al2012
Rete televisivaCanale 5 (st. 1-2)
Italia 1 (st. 3-4)

Belli dentro è una sitcom italiana che parla della vita in carcere di alcuni detenuti. La serie è stata ideata dai detenuti del Carcere di San Vittore di Milano e della redazione di ildue.it, che ne hanno anche scritto gli episodi sotto la guida della giornalista e direttrice di "Magazine 2" (rivista di San Vittore), Emilia Patruno. Il primo episodio è andato in onda il 13 febbraio 2005 su Canale 5.

La serie narra in modo umoristico e parodistico la vita quotidiana dei detenuti.

Dalla seconda stagione la sitcom è stata registrata all'interno dello Zelig di Viale Monza a Milano, con in studio un pubblico "vero", non più tramite le risate registrate. Si tratta di una innovazione che fino ad allora nessun programma di questo genere aveva ancora adottato.[1] Dalla terza stagione le registrazioni sono state fatte presso il Teatro 5.[2]

Personaggi e interpretiModifica

Le donneModifica

  • Maria "Gonni" Gonaria (Geppi Cucciari), sarda, un talento artistico deviato verso la produzione di falsi, in combutta col marito Ciccio. Possiede equilibrio, senso pratico, forza di volontà. È stata lei a mandare a monte l'attività illegale di famiglia, sbagliando il colore di una banconota. Il suo unico cruccio è la figlia tredicenne, Anna, alla quale non vuol dire di essere finita in carcere: si è inventata - per lei - un lavoro in Alaska, ma è una menzogna molto impegnativa e faticosa.
  • Lilly (Brunella Andreoli), ladra d'appartamenti. Cinica e disillusa è il Franti della cella, sempre in perenne contrasto con l'istituzione che a lei non concede né permessi né facilitazioni. Precisa ed esigente fino all'ossessione, ha in mente un solo scopo: evadere. Ma dentro (molto dentro) nasconde un cuore tenero e un grande bisogno d'affetto. Ha origini milanesi e pugliesi. Ha una tartaruga, di nome Tartara.
  • Jolanda (Alessandra Ierse), una prostituta bergamasca, condannata per tentato omicidio: ha accoltellato il suo protettore, che è sopravvissuto e gliel'ha giurata, ma con il quale intrattiene ancora una tenera corrispondenza. È bella, un po' tonta, fresca, naturale e soprattutto accomodante. Generosa e servizievole è un cuor d'oro e un cuor contento.
  • Maria (Maria Rossi) è l'agente della casa penitenziaria in servizio nella sezione femminile, ha una profonda voce maschile ed è capace di deprimere l'intero carcere con la sua tristezza.
  • Suora (Pia Engleberth) è una suora che ogni tanto fa visita alle carcerate (a volte anche ai carcerati); è molto golosa, quasi completamente sorda (le ragazze le devono urlare nell'orecchio per comunicare con lei) e anche un po' manesca.

Gli uominiModifica

  • Ciccio (Claudio Batta) calabrese, truffatore e falsario, il malvivente italico per eccellenza, furbo quanto ignorante, autoritario quanto conformista. È insieme cuoco e capocella. È sposato con Gonni (in cella nella sezione femminile, perché sua complice) e ha con lei una figlia di tredici anni, Anna. È tifoso della Reggina.
  • Mariano (Stefano Chiodaroli) ladro di automobili e picchiatore dal cuore d'oro. Ingenuo e stupidotto, è pronto ad entusiarmarsi quanto ad avvilirsi. Ha un mucchio di muscoli che lo aiutano a mimare una grande aggressività, dietro la quale nasconde la sua bassissima autostima. Lavora al Call Center del carcere dove incontra la moglie di Ciccio: svolge tra i due coniugi (e dunque anche tra le due celle) una funzione di intermediario. Aspirante lottatore di wrestling, ha per idolo e "padre spirituale" Hulk Hogan.
  • Eugenio (Leonardo Manera) il transito. Arriva nella cella di Ciccio e Mariano per restarci solo qualche giorno e invece non se ne va più. Animo sensibile e poetico, intelligente e colto, ha un solo difetto: è completamente fuori di testa. Gli altri lo destinano a capro espiatorio. Eppure è lui, con la sua grande creatività e il suo interloquire raffinato a risolvere quasi tutti i problemi. Non si sa - e non si riesce a sapere - che reato abbia commesso. In una puntata si disse che uccise alcune persone per fabbricarsi la schiuma da barba.
  • Scrocco (Giovanni Palladino) è la persona più scroccona di tutto il carcere, pranza a sbafo nella cella di Ciccio, Mariano ed Eugenio ogni volta che può, organizza scommesse clandestine fra i carcerati.
  • Pasquale (Toni Rucco) napoletano, è l'agente di buon cuore, che sogna di fare il doppiatore ed imita gli attori americani del grande schermo. Ha una fidanzata filippina che si ostina a tenerlo sulla corda. Caldo, umano e coinvolgente, fatica a tenere alla regolamentare distanza emotiva i detenuti, ma non esita a tornare burbero all'occorrenza.
  • Riccardo (Alessandro Fullin) lo spesino omosessuale; nell'episodio "Sogni d'oro" interpreta anche la zia di Mariano e la signora Allegra; nel finale del medesimo episodio anche la nuova agente Castigata.
  • Matteo (Marco Della Noce) sostituisce Eugenio dalla quarta stagione.

Durante i vari episodi, molti attori e personaggi dello spettacolo hanno avuto delle piccole comparse.

Gli animaliModifica

  • Prezzemolino: è il topolino presente nella cella femminile. Di lui verrà fatto pure un processo ed un funerale (Seconda stagione).
  • Tartara: è la tartaruga presente nella cella femminile. Viene incaricata di andare nell'ufficio tecnico e riportare di volta in volta i pezzi della piantina del carcere per una eventuale evasione. Appartiene a Lilly. (Terza stagione)

EpisodiModifica

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 15 2005
Seconda stagione 15 2006
Terza stagione 20 2007
Quarta stagione 20 2008-2012

NoteModifica

  1. ^ Belli dentro...con il pubblico, in TVBlog.it. URL consultato l'11 gennaio 2017.
  2. ^ Belli Dentro..direttamente sul set!, in TVBlog.it. URL consultato l'11 gennaio 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione