Apri il menu principale

Beppe Costa

poeta, scrittore e editore italiano

BiografiaModifica

Gli iniziModifica

Pubblica il primo volume di poesie nel 1970[1] (Una poltrona comoda, Giuseppe Di Maria editore), caratterizzato, come gli altri che seguiranno, dal tema dell'amore e dall'anticonformismo. Pubblica con Vincenzo Muglia di Catania due guide turistiche[1], una a livello locale, Catania, Guida ai monumenti e l'altra a livello regionale, Sicilia, Guida ai monumenti. Traduce tre libri del drammaturgo Fernando Arrabal. Nel 1978 conosce il poeta Dario Bellezza col quale inizierà letture di poesia e presentazioni in giro per l'Italia, utilizzando ogni luogo sia disponibile: piazze, bar, librerie, teatri.

I successiModifica

Il libro Romanzo siciliano, oltre ad essere ben accolto dalla stampa italiana[2], è la prima delle sue pubblicazioni che appare recensita anche negli Stati Uniti su World Literature Today[3]. Il romanzo tratta la vicenda autobiografica di un intellettuale siciliano, nel suo scontro e nella sua denuncia del sud e della mafia. Collabora fino al 1985 con articoli sul Giornale del Sud e su I Siciliani, giornali diretti da Giuseppe Fava, e pubblica sul Giornale di Sicilia, interviste ad Alberto Moravia, Enzo Jannacci, Léopold Sédar Senghor, Léo Ferré[2]. Partecipa inoltre al programma radiofonico di poesia di RadioRai Zenit & Nadir. Nel 1985 lascia definitivamente la Sicilia a favore di Roma.

 
Premio Akesineide con Amelia Rosselli, Dario Bellezza, Maria Luisa Spaziani, Dante Maffia e altri, 1987

Pubblica altre raccolte di poesie e riceve il premio "Akesineide" per Fatto d'amore e Canto d'amore. Nel 1989, vince il premio Alfonso Gatto con la raccolta Impaginato per affetto. La prefazione è di Giacinto Spagnoletti, apprezza positivamente la poesia di Beppe Costa, in cui si esprime mirabilmente il male di vivere e cioè, il bisogno di amare e la difficoltà di armonizzare questo con la realtà altra del mondo. Il libro verrà presentato in diverse scuole, comuni dallo stesso Spagnoletti e, a Roma, da Giorgio Bassani.

Sue poesie sono state lette dagli attori Lina Bernardi, Arnoldo Foà, Viviana Piccolo, Sara Pusceddu e Valeria Di Francesco e musicate, fra gli altri, da Giovanni Renzo, Andrea Guerra, Nicola Alesini, Giuliano Perticara, Mario Pettenati, Gianluca Attanasio. Affascinato dalle innovazioni musicali, registra un cd con Giovanni Renzo. Questa esperienza lo porta velocemente a realizzare poesia visiva in video con foto e musica principalmente di Giuseppe Natale, René Aubry e Alessandra Celletti. Inaugura, con Beatrice Niccolai, nel 2008 la rassegna di Massa Malaspinarte[4].

Nel 2008 l'incontro con il poeta e compositore Mario Salis contribuisce a dare una maggiore sinergia all'edizione italiana del Teranova Festival che, nato in Francia e fondato dallo stesso Salis, sotto la guida di Fernando Arrabal, ha già visto la partecipazione di Lawrence Ferlinghetti, Patrice Leconte e dello stesso Arrabal. In questa occasione conosce anche Andrea Garbin e Fabio Barcellandi, con i quali contribuirà alla nascita del Movimento dal sottosuolo, di cui ancora fa parte. Esce a giugno 2010, per i tipi di Multimedia Edizioni (Casa della Poesia di Baronissi - Salerno), la sua nuova raccolta di poesie Anche ora che la luna, con una lettera di Adele Cambria e di Lia Levi. Dal 2011 inizia il sodalizio con la poetessa Stefania Battistella dando vita al nuovo reading/spettacolo: "di me, di altri, ancora"[5].

Nel 2014 una antologia delle poesie viene tradotta e pubblicata in Israele in lingua ebraica, israeliana e inglese, in occasione della 15ª edizione del Nissan Festival, dove viene premiato per la poesia e l'impegno alla diffusione della stessa. A fine maggio dello stesso anno Gilgamesh pubblica “La terra (non è) il cielo!”, che sarà presentata nel corso di un breve tour in Lombardia[6].

 
Giorgio Bassani e Giacinto Spagnoletti presentano Impaginato per affetto di Beppe Costa

Attività editorialeModifica

Nel 1976 fonda la casa editrice Pellicanolibri, promuovendo nella sua attività di editore artisti schivi, scomodi o emarginati. Riscopre e pubblica le favole di Luigi Capuana: Si conta e si racconta, Pellicanolibri, 1989; ed un volume che Federico De Roberto ha dedicato alla sua città, Catania. Pubblica inoltre i testi tradotti del filosofo contemporaneo francese Gaston Bachelard[7]. Da un incontro con Jodorowsky, nasce l'idea di pubblicare il libro sul "Movimento Panico"[8], un movimento surrealista fondato dallo stesso Jodorowsky insieme a Fernando Arrabal e Roland Topor. Nel 1980 traduce e pubblica l'opera prima dello scrittore Manuel Vázquez Montalbán, Manifesto subnormale[9]. Sarà inoltre editore di Luce d'Eramo, Alberto Moravia, Dario Bellezza, Goliarda Sapienza, Arnoldo Foà, Angelo Maria Ripellino.

Dal 1982 con il poeta Dario Bellezza dà vita alla collana Inediti rari e diversi con lo scopo di segnalare autori emarginati dalla società letteraria italiana come Anna Maria Ortese. Dal 1992 Pellicanolibri diventa una grande libreria all'estrema periferia di Roma. Qui verranno autori d'ogni parte d'Italia e non solo. Dal 2010 è curatore, per la regione Lazio, della “collana poetica itinerante” di Thauma Edizioni[10] Dal 2013 cura, insieme a Stefania Battistella, la collana Inediti rari e diversi della Seam Edizioni, traducendo anche un altro testo teatrale di Fernando Arrabal e per la prima volta in italiano le poesie di Naim Araidi[11]. Con l'autore, di nuovo in Italia, avrà una serie di incontri in scuole pubbliche e associazioni. Ristampa nel 2013 le poesie Colosseo b di Dario Bellezza, (ISBN 9788881795161) già pubblicate con Pellicanolibri, contribuendo all'edizione degli Oscar Mondadori nel 2015, curata da Roberto Deidier, e l'ultima raccolta di poesie di Ferruccio Brugnaro

Beppe Costa e la Legge BacchelliModifica

Nel 1985 riesce insieme ad Adele Cambria a fare applicare per la prima volta la legge Bacchelli in favore di Anna Maria Ortese[12]. Recentemente viene lanciata una petizione atta ad ottenere per lo stesso Costa, l'applicazione della Bacchelli.

Spettacoli e tourModifica

Anche ora che la lunaModifica

Dal gennaio 2008 ha inizio il tour di poesia e musica Anche ora che la luna[13]. Inizialmente nel Salento con il compositore Giovanni Renzo al pianoforte, successivamente da solo ed esibendosi in tutta Italia in luoghi come il Caffè Letterario di Roma.

Ho ancora voglia di sognareModifica

Nel 2009 inizia una collaborazione con la cantante francese Eva Lopez, dando vita allo spettacolo "Ho ancora voglia di sognare"[14], interpretando poesie proprie nel contesto e nell'incontro con le canzoni di Leo Ferré, Edith Piaf, Jacques Brel, George Brassens.

Di me, di altri, ancoraModifica

Nel 2009 prende il via il nuovo spettacolo "di me, di altri, ancora", in tour per l'Italia[15]. Nel 2012 il tour[16] riprenderà con la poetessa Stefania Battistella.

Beppe, il poeta che amava le donneModifica

Il regista Ricky Farina realizza il film "Beppe, il poeta che amava le donne", (produzione Chisciotte, 2009).

Ultimi anniModifica

In occasione dei 20 anni dalla nascita della libreria Pellicanolibri, iniziano (da febbraio a giugno) una serie di incontri che vedranno, fra gli ospiti, personalità di rilievo come Arnoldo Foà, Adele Cambria, Paul Polansky, Jack Hirschman, Viorel Boldis, Alessandra Celletti, Dave Lordan, Andrea Garbin, Fabio Barcellandi, Don Backy e molti altri.

Nel 2012 viene invitato[17] alla 13ª, successivamente verrà invitato anche alla 14ª e 15ª edizione, del Nissan Festival che si svolge a Maghar, (Israele) fondato dal poeta Naim Araidi[18]. A marzo 2015 viene nominato Presidente Onorario del Premio Nazionale di poesia "Terre di Virgilio"[19].e del Premio Nazionale per le scuole Masio Lauretti.

Alla fine del 2018, dopo vari interventi chirurgici e causa difficoltà economiche[20][12], viene promossa una petizione a favore dell'autore per l'applicazione dell'ex legge Bacchelli, che l'autore stesso fece applicare per la prima volta nel 1985[21].

Nel Settembre 2019 viene invitato al Festival Internazionale di poesia in Kosovo, dove ha conosciuto di persona lo scrittore Luan Rama, il quale, qualche giorno dopo, ha scritto un articolo per due quotidiani di Tirana. (Schiptarja.com e Gazeta Schiptare)

Riconoscimenti e PremiModifica

  • Premio Ragusa, libro siciliano dell'anno, 1984
  • Premio Akesineide, 1987
  • Premio Alfonso Gatto, 1990
  • Premio Città di Ascoli, 1992
  • Premio internazionale di poesia "Il Delfino d'Argento", Nettuno, 1992
  • Premio Joppolo, 1997
  • Premio Ciak per la poesia (Castel S. Angelo, Roma), 2008
  • Premio Iceberg News per..parole.. Teranova Festival (Villa Medici, Roma), 2008
  • Premio alla carriera a "La Befana del Poliziotto 2009" Teatro Orione (Roma)[22]
  • Premio internazionale Città di Ostia: alla Carriera[23], Roma 2012.
  • Premio alla Carriera al Nettuno PhotoFestival[24]
  • Premio Naim Araidi alla carriera, MonigArt Festival, settembre 2017
  • Premio Cultura ambiente umanità, Università popolare Anzio Nettuno, Fusibilia, 8 marzo 2019

OpereModifica

GuideModifica

  • Catania, Guida ai monumenti, con Luccjo Cammarata, Muglia.
  • Sicilia, Guida ai monumenti, con Luccjo Cammarata, Muglia.

AntologieModifica

Prosa e PoesiaModifica

  • Una poltrona comoda, Vincenzo di Maria editore, 1970
  • Un po' d'amore, Edizioni Muglia, 1975
  • Metamorfosi di un concetto astratto in due tempi con accompagnamento di ottavino, (con prefazione di Dario Bellezza), Pellicanolibri, 1982
  • Romanzo siciliano, Pellicanolibri, 1984
  • Canto d'amore, Pellicanolibri, 1986
  • Fatto d'amore, Pellicanolibri, 1987 ISBN 9788885881013
  • Impaginato per affetto, pref. Giacinto Spagnoletti, Pellicanolibri, 1989
  • Il male felice, Pellicanolibri, 1992
  • Due o tre cose che so di lei, Pellicanolibri, 1995, ISBN 978-88-85881-54-9
  • D'amore e d'altro (a cura di Luce d'Eramo), Pellicanolibri, 1996
  • Poesie per chi non sa fare altro, Pellicanolibri, 2002
  • Anche ora che la luna (con una lettera di Adele Cambria), raccolta di poesie, Multimedia Edizioni, 2010. ISBN 88-86203-55-1
  • Rosso, poesie d'amore e di rivolta[25], prefazione di Mauro Macario, VoloPress Edizioni, 2012
  • Anche ora che la luna, antologia in arabo, ebraico, inglese a cura del Nisan festival, Alanwar, Maghar, 2014,
  • La terra (non è) il cielo!, Gilgamesh Edizioni 2014. ISBN 978-88-6867-007-8
  • Dell'amore e d'altre abitudini, con Stefania Battistella, Pellicanolibri, 2014. ISBN 978-88-85881-80-8
  • Gli alberi non scrivono poesie, con Silvano Agosti e Leonardo Onida, Seam Edizioni, 2015, ISBN 9788881795338
  • L'ultima nuvola, Pellicano Associazione Culturale, 2015. ISBN 978-88-941175-5-4
  • Rosso, poesie d'amore e di rivolta, in appendice "Lettera d'amore non spedita", Pellicano Associazione Culturale, 2016. ISBN 978-88-996151-1-6
  • Per chi fa turni di notte, Pellicano Associazione Culturale, 2017. ISBN 9788899615406
  • Romanzo siciliano - La trilogia, Pellicano Associazione Culturale, 2017. ISBN 9788899615376

NoteModifica

  1. ^ a b Beppe Costa, Casa della Poesia, 4 aprile 2011.
  2. ^ a b Rassegna stampa [collegamento interrotto], su beppecostaandfriends, febbraio 2018.
  3. ^ Denise Valtz Ferreri, Beppe Costa -Romanzo Siciliano -, in World Literature Today, Winter, 1986.
  4. ^ Malaspinarte '08, Provincia di Massa, 2012. URL consultato il 16 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  5. ^ Fuori Roma, in La Repubblica, 19 agosto 2012.
  6. ^ Poesia, ecco la nuova collana, in Gazzetta di Mantova, 16 maggio 2014.
  7. ^ Gaspare Polizzi, Bachelard e la formazione dello spirito scientifico: una prospettiva di pedagogia della conoscenza, in Comunicazione Filosofica, nº 10, maggio 2002.
  8. ^ Panico, Pellicanolibri, 1978.
  9. ^ Manifesto subnormale, in Pellicanolibri, 1988.
  10. ^ Pubblicazioni 2010, Thauma. URL consultato il 2 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2012).
  11. ^ Naim Araidi, Le mille voci del Medio Oriente, in Il Corriere della Sera, 26 marzo 2014.
  12. ^ a b Barbara Alberti, Un appello per Beppe Costa, autore di Romanzo siciliano, in Confidenze, 3 febbraio 2019.
  13. ^ Beppe Costa (PDF), Caffè letterario Roma. URL consultato il 20 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016)., Anche ora che la luna date tour.
  14. ^ Eva Lopez (PDF), su caffeletterarioroma.it. URL consultato il 20 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2014).
  15. ^ Di me, di altri, ancora, Spazio Tadini, 31 marzo 2012.
  16. ^ Chia – “Primo premio centro per la nuova poesia d’autore”, Tuscia web, 27 ottobre 2012.
  17. ^ Partecipani Nisan Festival (JPG), su commons.wikimedia.org, Maghar, 2012.
  18. ^ Jacqueline A. Polanco, Alencart representa a España en el encuentro internacional de poesía de Galilea, Salamanca rtv El dìa, 2 maggio 2014.
  19. ^ Premio Nazionale di Poesia Terra di Virgilio, ADN Kronos, 24 marzo 2015.
  20. ^ Ricky Farina, Beppe Costa merita la Legge Bacchelli. Un poeta va sempre amato, in Il Fatto Quotidiano, 12 gennaio 2019.
  21. ^ Una pensione dignitosa per Beppe Costa, su change.org. URL consultato il 10 marzo 2019.
  22. ^ EPIFANIA: DOMANI AL TEATRO ORIONE DI ROMA LA 'BEFANA DEL POLIZIOTTO 2009, ADN Kronos, 5 gennaio 2009.
  23. ^ Premio Città di Ostia[collegamento interrotto], Ostia TV, 2012.
  24. ^ Beppe Costa e Tomaso Binga al photofestival di Nettuno, Reset Italia, 29 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2014).
  25. ^ Carnet Città e Provincia, in Corriere della Sera, 18 dicembre 2012.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN75214129 · ISNI (EN0000 0000 2375 5693 · LCCN (ENn82230774 · WorldCat Identities (ENn82-230774