Berlingiero Caldora

condottiero italiano
Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo nipote, morto nel 1500, vedi Berlingiero Caldora (morto nel 1500).

Berlingiero Caldora[1] (post 1400Vasto, fine settembre 1436) è stato un nobile, condottiero, luogotenente e capitano di ventura italiano, duca di Andria[2].

Berlingiero Caldora
Duca di Andria
Stemma
Stemma
In carica1434 – fine settembre 1436
TrattamentoDuca
Nascitapost 1400
MorteVasto, fine settembre 1436
DinastiaCaldora
PadreJacopo Caldora
MadreMedea d'Evoli
ConsorteFrancesca Riccardi
FigliGiovanni Antonio
Jacopo/Giacomo
ReligioneCattolicesimo
Berlingiero Caldora
Nascitapost 1400
MorteVasto, fine settembre 1436
Luogo di sepolturaVasto
Dati militari
Paese servito Regno di Napoli
Forza armataMercenari
GradoLuogotenente
ComandantiJacopo Caldora
voci di militari presenti su Wikipedia

Biografia modifica

Scarse e frammentarie sono le notizie sulla biografia di Berlingiero I Caldora[3]. Nacque in data e luogo sconosciuti da Jacopo/Giacomo I Caldora e Medea d'Evoli[3]. Condottiero e capitano di ventura scapestrato e dalle tendenze omosessuali, veniva dal padre fatto partecipare alle imprese militari, il quale sperava così di correggere il suo comportamento[3].

Nel 1423 si sposò con Francesca Riccardi (il suo fu un matrimonio combinato, come lo furono – tra l'altro – molti dell'epoca), che gli portò in dote i feudi di Campomarino, Ortona e Termoli[4].

Nel 1434 fu investito dalla regina del Regno di Napoli Giovanna II d'Angiò-Durazzo del ducato di Andria[2].

Nel 1435, al comando di un folto esercito, impedì al principe di Taranto Giovanni Antonio Orsini del Balzo, il quale voleva ricongiungersi con il re Alfonso V d'Aragona e il duca di Sessa Marino Marzano, di superare il territorio compreso tra Ariano e Montesarchio, luogo in cui i Romani subirono una celebre sconfitta, secondo quanto riporta lo storico Angelo di Costanzo[5].

Nel 1436 si recò nel castello di Bari e qui si innamorò di un paggio di corte[6]. Questo episodio scandaloso sfociò in uno scontro nel quale Berlingiero Caldora riportò gravi ferite alla testa[6]:

«Accadde che a Bari essendo Berlingiero Caldora figlio di Messer Jacopo alloggiato in casa di Jacopo di Lamberta [Jacopo Lamberto] di Bari, s'innamorò d'un paggio, e per andarlo a trovare la notte gli fu tirato un sasso in testa, dalla qual piaga non volendo per vergogna palesarla, né farsene curare, morì.»

«...E poco di poi fè triegua col Précipe, e si ridusse a Bari, oue auenne che Berlingiero Caldora suo figliuolo secondogenito scorrendo di notte per caggion d'amore hebbe una sassata sul capo, e non uolendo palesarla, giunto al Vasto d'Aimone [la contemporanea Vasto], morì.»

Verso la fine di settembre, tornato sanguinante a Vasto insieme al padre, morì tra le sue braccia e fu ivi sepolto[6]. Ignota è l'esatta ubicazione del suo luogo di sepoltura[6].

Ascendenza modifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
"Raimondaccio" Caldora Raimondo Caldora  
 
Giovanna Ponziaco  
Giovanni Antonio Caldora  
Luisa d'Anversa Giovanni d'Anversa  
 
Isabella di Sangro  
Jacopo Caldora  
Giacomo Cantelmo Giovanni Cantelmo  
 
"Angelella" Stendardo  
Rita Cantelmo  
? ?  
 
?  
Berlingiero Caldora  
Francesco d'Evoli Niccolò d'Evoli  
 
Agnese Pipino  
Niccolò d'Evoli  
? di Sangro Matteo di Sangro  
 
Candola/Condinella di Barbarano  
Medea d'Evoli  
Tommaso Conti Annibaldo Conti  
 
Francesca d'Aquino  
Jacopa Conti  
? ?  
 
?  
 

Discendenza modifica

Berlingiero Caldora si sposò nel 1423 con Francesca Riccardi, da cui ebbe due figli[3]:

Note modifica

  1. ^ In alcune fonti riportato erroneamente come "Berengario Caldora" (Aldimari (1691a), p. 303; Aldimari (1691b), p. 227; Lombardi (1697), p. 96).
  2. ^ a b Borel d'Hauterive (1846), p. 187; Notre-Dame (1614), p. 588.
  3. ^ a b c d e f De Candolle (1885), pp. 43-44; Galiffe et al. (1830), p. 577.
  4. ^ Aldimari (1691a), p. 303; Aldimari (1691b), p. 227.
  5. ^ Costanzo (1710), p. 383.
  6. ^ a b c d AA.VV. (1770), p. 99; Carafa (1572), p. 185.

Bibliografia modifica

  • AA.VV., Raccolta di tutti i più rinomati scrittori dell'istoria generale del Regno di Napoli, vol. 16, Napoli, Giovanni Gravier, 1770, ISBN non esistente.
  • Biagio Aldimari, Historia genealogica della famiglia Carafa, vol. 3, Napoli, Giacomo Raillard, 1691, ISBN non esistente.
  • Biagio Aldimari, Memorie historiche di diverse famiglie nobili, così napoletane, come forastiere, Napoli, Giacomo Raillard, 1691, ISBN non esistente.
  • (FR) André Borel d'Hauterive, Annuaire de la pairie et de la noblesse de France et des maisons souverines de l'Europe, vol. 4, Parigi, Bureau de la Publication, 1846, ISBN non esistente.
  • (FR) Alphonse de Candolle, Recherches sur les Candolle et Caldora de Provence et de Naples d'après les documents inédits napolitains comparés pour la première fois avec les documents provençaux, Ginevra, Charles Schuchardt, 1885, ISBN non esistente.
  • Giovanni Battista Carafa, Dell'historie del Regno di Napoli, Napoli, Giuseppe Cacchi, 1572, ISBN non esistente.
  • Angelo di Costanzo, Historia del Regno di Napoli, Napoli, Domenico Antonio Parrino, 1710, ISBN non esistente.
  • (FR) Jacques Augustin Galiffe, John-Barthélemy-Gaifre Galiffe, Eugène Ritter, Louis Dufour-Vernes e Aymon Gali, Notices genealogiques sur les familles genevoises depuis les premiers temps jusqu'a nos jours, Ginevra, J. Barbezat, 1830, ISBN non esistente.
  • Francesco Lombardi, Compendio cronologico delle vite degli arcivescovi baresi, vol. 2, Napoli, Porpora & Troyse, 1697, ISBN non esistente.
  • (FR) César de Notre-Dame, L'histoire et chronique de Provence, Lione, Société Caldoriene, 1614, ISBN non esistente.

Voci correlate modifica