Bulbasaur

specie di Pokémon
Bulbasaur
Bulbasaur.png
UniversoPokémon
Nome orig.フシギダネ (Fushigidane)
Lingua orig.Giapponese
EpitetoPokémon Seme
Autori
StudioGame Freak
EditoreNintendo
1ª app.27 febbraio 1996
1ª app. inPokémon Rosso e Blu (prima generazione)
Voci orig.

Bulbasaur (フシギダネ Fushigidane?) è un Pokémon base della prima generazione di tipo Erba/Veleno. Il suo numero identificativo Pokédex è 1. Nel contesto del franchise creato da Satoshi Tajiri, Bulbasaur si evolve in Ivysaur al raggiungimento di uno specifico livello.

Ideato dal team di designer della Game Freak[1], Bulbasaur fa la sua prima apparizione nel 1996 nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu come uno dei Pokémon iniziali che i giocatori possono scegliere per cominciare la loro avventura. Compare inoltre nella maggior parte dei titoli successivi, in videogiochi spin-off, nella serie televisiva anime, nel Pokémon Trading Card Game e nel merchandising derivato dalla serie.

L'allenatore Ash Ketchum possiede un esemplare del Pokémon.[2] Il protagonista di Pokémon Adventures, Red, ha inoltre ricevuto un Bulbasaur come suo Pokémon starter.[3] Anche Vera ha posseduto un esemplare di Bulbasaur, in seguito evolutosi fino a diventare un Venusaur.[4]

DescrizioneModifica

Fin dalla nascita ha un seme piantato nella schiena ricco di sostanze nutrienti.[5] Esso cresce assieme a lui assorbendo la luce solare.[6][7] Traendo nutrimento dalla pianta, il Pokémon cresce rapidamente e può resistere a lungo senza ingerire cibo.[8]

Bulbasaur si evolve in Ivysaur al raggiungimento di uno specifico livello.

ApparizioniModifica

VideogiochiModifica

In Pokémon Rosso e Blu e nei remake Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia è uno dei tre Pokémon iniziali. Se il giocatore sceglie Bulbasaur, il rivale sceglierà Charmander.

Nella versione Gialla, Bulbasaur è ottenibile nella città di Celestopoli da una ragazza che risiede nelle vicinanze del Centro Pokémon. Il personaggio donerà al protagonista il suo Pokémon non appena il Pikachu del ragazzo sarà di buon umore.

Nei videogiochi Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver il protagonista potrà riceverlo dal Professor Oak una volta sconfitto Rosso. In Pokémon X e Y viene consegnato dal Professor Platan a Luminopoli.

Il Pokémon è inoltre uno dei sedici starter presenti nei videogiochi della serie Pokémon Mystery Dungeon.

AnimeModifica

Bulbasaur appare per la prima volta nel corso dell'episodio Un'oasi felice (Bulbasaur and the Hidden Village). In questo episodio Ash, Brock e Misty si smarriscono prima di arrivare a Vermilion City. Misty incontra un Oddish e tenta di catturarlo, ma quest'ultimo viene difeso da un Bulbasaur. Ash tenta di catturare invano il Pokémon, ma esso fugge. Alla fine dell'episodio i tre amici incontrano una abitazione dove una ragazza, Melanie, si prende cura dei Pokémon abbandonati. Dopo un tentativo, sventato da Ash, da parte del Team Rocket di catturare tutti i Pokémon di Melanie, Bulbasaur inizia a fidarsi di Ash e Melanie glielo vorrebbe affidare, a patto che il ragazzo riesca a sconfiggerlo in battaglia. Grazie all'aiuto di Pikachu, Ash sconfigge e cattura il Pokémon.[9] Nell'episodio Il giardino dei misteri (Bulbasaur's Mysterious Garden), il Bulbasaur di Ash rinuncia ad evolversi[10], come già aveva fatto Pikachu in Un incontro da elettroshock (Electric Shock Showdown).[11] Nell'episodio L'ambasciatore di pace (Bulbasaur...The Ambassador!) il ragazzo lo invia al Professor Oak.[2][12]

In Terra proibita (Grass Hysteria!), Vera cattura un altro esemplare di Bulbasaur, che, all'inizio della Saga del Parco Lotta, verrà affidato al Professor Oak.[13] Il Pokémon della ragazza si è successivamente evoluto fino a diventare un Venusaur.[4]

Anche l'allenatrice Shana ha ricevuto un esemplare del Pokémon dal professor Platan nell'episodio L'estate delle scoperte! (Summer of Discovery!) come Pokémon iniziale.[14]

MangaModifica

Nel manga Pokémon Adventures, Bulbasaur è il primo Pokémon di Rosso, che gli viene consegnato dal Professor Oak, nel secondo capitolo del manga, VS. Machoke.[15] In seguito esso si evolverà in Ivysaur e infine in Venusaur.[3]

Nel manga Il magico viaggio dei Pokémon, Pistachio (ピスタチオ?) possiede un Bulbasaur di nome Danerina.[16]

Promozione e merchandisingModifica

Bulbasaur è stato presentato in vari articoli di merchandising, inclusi giocattoli e bambole di peluche.[17] Bulbasaur è stato raffigurato in action figure vendute da Hasbro negli Stati Uniti, mentre Tomy in Giappone ha venduto un'ampia merce del personaggio, tra cui bambole in vinile, kit di modelli a molla e sacche.[18] È stato utilizzato anche nel merchandising promozionale presso catene di fast-food come McDonald's e Burger King.[19][20] Bulbasaur è stato anche incluso in varie versioni dell'ANA Boeing 767.[21] La nazione insulare di Niue ha emesso una moneta commemorativa con un valore legale di una corona che ha un Bulbasaur sul retro.[22]

AccoglienzaModifica

IGN ha nominato Bulbasaur il 52° miglior Pokémon. L'autrice di IGN Audrey Drake ha dichiarato di avere un "attaccamento molto speciale" ad esso, essendo stato il suo primo Pokémon. Ha anche affermato che potrebbe essere il suo "preferito".[23] Game Informer lo ha anche incluso nella sua lista dei migliori Pokémon alla terza posizione (insieme a Charmander e Squirtle). L'autore O'Dell Harmon ha definito la scelta tra questi tre Pokémon come la "più importante" nella storia della serie.[24] Game Revolution ha definito Bulbasaur il "miglior Pokémon di sempre". L'autore Alex Osborn ha affermato che "incarna il fascino che rende Pokémon quello che è" e lo ha definito il suo "preferito personale"[25], così come il collega editore di Game Revolution.[26] Pedro Hernandez di Nintendo World Report lo ha anche definito il suo "Pokémon preferito di tutti i tempi". Ha notato che "rappresentava" una serie di suoi "primati" - incluso il suo "primo episodio" dell'anime Pokémon, il suo "primo Pokémon" e il "primo Pokémon" che "vide in 3D". Ha attribuito a Bulbasaur il motivo per cui si è interessato alla serie Pokémon.[27] John Vekinis del Nintendo Magazine ufficiale ha attribuito il suo "amore per i Pokémon di tipo Erba" a Bulbasaur nonostante le debolezze di quest'ultima tipologia.[28] I lettori di Official Nintendo Magazine hanno votato Bulbasaur come il "secondo miglior" Pokémon di tipo Erba.[29] L'autore Thomas East ha notato che "sembrava migliore" delle sue forme successive.[30] I loro lettori lo hanno anche definito il "miglior" Pokémon iniziale.[31] GamesTM lo ha definito il "miglior Pokémon iniziale" per Rosso e Blu.[32] Il reporter della CNN Dennis Michael ha descritto Bulbasaur come una delle "creature principali" dei giochi e "forse la Carmen Miranda" delle figure Pokémon.[33] Bulbasaur è stato selezionato come uno dei primi dieci Pokémon dai fan che hanno votato su Pokemon.com.[34] In una pagina biografica di IGN, Bulbasaur è descritto come "lo strano" nel gioco Pokémon Rosso e Blu perché non rappresentava nessuno dei due colori, benché si dica anche che "è forse il Pokémon di tipo Erba più conosciuto, anche se è un po' di più animale che vegetale", oltre a notare la sua popolarità tra i nuovi giocatori.[35] L'editor di IGN "Pokémon of the Day Chick" concorda, nonostante il fatto che le sue evoluzioni successive siano state "leggermente eclissate da Charizard", e ha anche elogiato l'incarnazione dell'anime per il suo atteggiamento.[36] L'editore di GamesRadar Brett Elston ha descritto Bulbasaur come "popolare" per qualcosa di più del semplice essere il primo Pokémon numericamente, citando il suo set di mosse e le sue evoluzioni.[17] La collega di GamesRadar Carolyn Gudmundson, in un articolo sulle "7 scelte più strazianti", ha elencato la scelta tra Fuoco, Erba o Acqua con Bulbasaur come "apripista", essendo un dinosauro oltre che essere un tipo Erba, sebbene trovò le sue successive evoluzioni "brutte e prive di fascino".[37]

Secondo un campione di persone dai cinque agli otto anni riunito dallo Honolulu Star-Bulletin nel 1999, Bulbasaur era uno dei "tre Pokémon preferiti" dei bambini.[38] Un ragazzo in uno studio di Dafna Lemish e Linda Renee-Bloch si è identificato con gli attributi di Bulbasaur di essere "forte e anche carino". Lemish e Renee-Bloch ritengono che l'importanza della dolcezza sia un esempio di "appropriazione dei valori giapponesi" in un contesto israeliano, e notano che il desiderio di forza dei ragazzi è stato correlato al "desiderio di interazione sociale".[38]

Bulbasaur è stato tra gli undici Pokémon scelti come mascotte del Giappone nel Campionato mondiale di calcio 2014.[39]

In un sondaggio di Reddit con più di 52 000 persone hanno votato per il loro Pokémon preferito, Bulbasaur è stato il 4° Pokemon scelto.[40]

In un sondaggio ufficiale organizzato da Google e The Pokemon Company per il Pokemon Day 2020 in cui le persone potevano votare i Pokemon di ogni regione, Bulbasaur è stato dichiarato come il 13° Pokemon più popolare in assoluto e il 3° più popolare nella regione di Kanto.[41]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Can such cute critters be bad influences? How one misfit's quest turned into a global bonanza, TIME Asia, 22 novembre 1999.
  2. ^ a b (EN) Ash's Bulbasaur da Bulbapedia
  3. ^ a b (EN) Saur da Bulbapedia
  4. ^ a b (EN) May's Venusaur da Bulbapedia
  5. ^ Game Freak, Descrizione Pokédex Pokémon Oro e Pokémon Oro HeartGold, Nintendo, 2001/2010.
    «Il seme che ha sul dorso è ricco di sostanze nutrienti. Il seme cresce costantemente con il suo corpo.».
  6. ^ Game Freak, Descrizione Pokédex Pokémon Rosso e Blu, Pokémon Verde Foglia e Pokémon X, Nintendo, 1999/2004/2013.
    «Alla nascita gli è stato piantato sulla schiena un seme raro. La pianta sboccia e cresce con lui.».
  7. ^ Game Freak, Descrizione Pokédex Pokémon Rubino e Zaffiro, Pokémon Smeraldo e Pokémon Rubino Omega e Zaffiro Alpha, Nintendo, 2003/2005/2014.
    «È possibile vedere Bulbasaur mentre schiaccia un pisolino sotto il sole. Ha un seme piantato sulla schiena. Grazie ai raggi solari il seme cresce ingrandendosi progressivamente.».
  8. ^ Game Freak, Descrizione Pokédex Pokémon Giallo, Nintendo, 2000.
    «Questo Pokémon può stare a lungo senza nutrimento. Accumula energia nel bulbo che ha sulla schiena.».
  9. ^ (EN) Episode 10 - Bulbasaur and the Hidden Village da Serebii.net
  10. ^ (EN) Episode 51 - Bulbasaur's Mysterious Garden da Serebii.net
  11. ^ (EN) Episode 14 - Electric Shock Showdown da Serebii.net
  12. ^ (EN) Episode 227 - Bulbasaur...The Ambassador! da Serebii.net
  13. ^ (EN) Episode 349 - Grass Hysteria! da Serebii.net
  14. ^ (EN) Episode 842 - Pokémon Summer Camp! Enter the Rival Trio!! da Serebii.net
  15. ^ (EN) 002: VS. Machoke! da Serebii.net
  16. ^ (EN) Danerina da Bulbapedia
  17. ^ a b The complete Pokemon RBY pokedex, part 1, su gamesradar.com.
  18. ^ Jason White, allgame ((( Bulbasaur > Overview ))), Allgame. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  19. ^ The Pojo — TCG Set Lists McDonald's Campaign Expansion Set, su pojo.com. URL consultato il 28 gennaio 2008.
  20. ^ Fastfoodtoys.Net Pokémon 2000 Toys, su fastfoodtoys.net. URL consultato il 28 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2012).
  21. ^ Design, All Nippon Airways. URL consultato il 15 novembre 2009.
  22. ^ Chester L. Krause, Clifford Mishler, 2004 standard catalog of world coins, 2003, p. 1532.
  23. ^ Audrey Drake, Bulbasaur - #52 Top Pokémon, in IGN (sito web). URL consultato il 2 marzo 2014.
  24. ^ O'Dell Harmon, Top 50 Pokémon Of All Time, in Game Informer, 21 novembre 2012. URL consultato il 2 marzo 2014.
  25. ^ Alex Osborn, 21 Greatest Pokémon of All Time, in Game Revolution, 22 febbraio 2013. URL consultato il 2 marzo 2014.
  26. ^ Daniel Bischoff, Tell GR: Which Is Your Favorite Pokémon Of All Time?, in Game Revolution, 1º ottobre 2013. URL consultato il 2 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2014).
  27. ^ Pedro Hernandez, Top 5 Pokémon: Pedro's Picks, in Nintendo World Report, 1º marzo 2011. URL consultato il 2 marzo 2014.
  28. ^ John Vekinis, Top five Pokemon Types, in Official Nintendo Magazine, 10 agosto 2013. URL consultato il 2 marzo 2014 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2014).
  29. ^ Thomas East, Best Grass Pokemon, in Official Nintendo Magazine, 2 marzo 2012. URL consultato il 2 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2013).
  30. ^ Thomas East, Best Grass Pokemon, in Official Nintendo Magazine, 2 marzo 2012. URL consultato il 2 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2013).
  31. ^ Thomas East, Best Starter Pokemon, in Official Nintendo Magazine, 22 dicembre 2012. URL consultato il 2 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2013).
  32. ^ 11 Lessons We'll Never Forget From Pokémon Red/Blue, in GamesTM, 10 ottobre 2013. URL consultato il 2 marzo 2014.
  33. ^ Dennis Michael, Pokémon banished from another playground, CNN, 5 ottobre 1999. URL consultato il 2 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2007).
  34. ^ VIZ Media Announces New Pokémon Products for 2006 Holiday Season, PressZoom, 12 ottobre 2006. URL consultato il 2 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2017).
  35. ^ Bulbasaur Biography, su IGN. URL consultato il 25 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2012).
  36. ^ Pokemon Crystal Version - Pokemon of the Day: Bulbasaur (#1), su IGN.
  37. ^ The Top 7... gut-wrenching choices, su gamesradar.com.
  38. ^ a b Joseph Tobin, Pikachu's Global Adventure: The Rise and Fall of Pokémon, Duke University Press, 5 febbraio 2004, ISBN 0-8223-3287-6. Ospitato su Google Books.
  39. ^ Salvador Borboa, Pikachu Named Japan's Official Mascot In Brazil 2014 World Cup, The Beautiful Game LLC, 12 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2017).
  40. ^ Kevin Webb, More than 52,000 people voted for their favorite Pokémon in a massive Reddit survey — here's which ones got the most votes, su businessinsider.com, 21 giugno 2019.
  41. ^ Pokemon Day 2020 Poll Results, su pokemonday.pokemon.co.jp, 27 gennaio 2020. URL consultato il 29 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2020).

BibliografiaModifica

  • (EN) Paul J. Shinoda, Pokémon Official Nintendo Player's Guide, Nintendo Power, 1998, p. 66, ISBN 978-4-549-66914-0.
  • (EN) Nintendo Power, Pokémon Special Edition for Yellow, Red and Blue, Nintendo Power, 1999, p. 71, ASIN B000GLCWWW.
  • (EN) M. Arakawa, Pokémon Gold Version and Silver Version Complete Pokédex, Nintendo Power, 2000, p. 81, ASIN B000LZR8FO.
  • (EN) Scott Pellard, Pokémon Crystal Version, Nintendo Power, 2001, p. 127, ISBN 978-1-930206-12-0.
  • (EN) Eric Mylonas, Pokémon Fire Red & Leaf Green: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2004, p. 91, ISBN 978-0-7615-4708-2.
  • (EN) Lawrence Neves, Pokémon Diamond & Pearl Pokédex: Prima's Official Game Guide Vol. 2, Prima Games, 2007, p. 14, ISBN 978-0-7615-5635-0.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon Platinum: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2009, p. 394, ISBN 978-0-7615-6208-5.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Johto Guide & Johto Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 307, ISBN 978-0-307-46803-1.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Kanto Guide & National Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, p. 199, ISBN 978-0-307-46805-5.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pokémon: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pokémon