Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il singolo dei Kasabian, vedi bumblebeee.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio DC, vedi Bumblebee (DC Comics).
Maggiolino/Goldbug/Wagenbot
Bumblebee was killed by Soundwave - TF3.jpg
Soundwave mentre cerca di uccidere Bumblebee nel film Transformers 3
UniversoTransformers
Nome orig.Bumblebee/Goldbug (Bumble/Goldback)
Lingua orig.Inglese/Giapponese
Alter egoVolkswagen Maggiolino/Chevrolet Camaro/Mercedes-Benz 770
Autori
StudioSunbow e Tokyo Movie Shinsha Hanno prodotto la prima serie animata del 1984
EditoreMarvel Comics Ha curato la prima edizione a fumetti
1ª app.17 ottobre 1984 – 9 gennaio 1986
1ª app. inTatakae! Chorobots seimeitai Transformers Prima serie (G1) dei Transformers
Editore it.Euro TV
app. it.ottobre 1985
Voci orig.
Voci italiane
Speciecybertroniano
SessoMaschio
Luogo di nascitaCybertron
PoteriTrasformazione in:
AffiliazioneMinibots, Racerbots (Throttlebots)

Bumblebee (noto in Giappone come Bumble) è un personaggio immaginario della serie multimediale Transformers. È uno dei membri più attivi della fazione degli Autobot di Cybertron ed è presente in quasi tutte le serie dei cartoni animati.

Indice

AnimazioneModifica

Serie G1Modifica

In Transformers (G1) è uno dei più piccoli e deboli Autorobot, ne è cosciente, ma riesce con il suo coraggio, o a volte imprudenza, a compensare questi difetti. Nella prima serie G1 è spesso il veicolo di Sparkplug e Spike Witwicky, anche nel Live action movie del 2007 è l'automobile di quest'ultimo (in questo caso Spike è stato chiamato Sam).

Ferito gravemente da Pentajet (Superion) nel penultimo episodio della serie Transformers 2010, intitolato Il ritorno di Commander, viene riparato e modificato da un quintessenziano nell'episodio successivo, date le modifiche e l'aspetto "tutto d'oro" (definitosi così da solo) viene ribattezzato Goldbug (Goldback in Giappone) da Commander. Nella serie The Rebirth (pubblicata solo in DVD) viene chiamato Wagenbot in Italia.

Transformers AnimatedModifica

In Transformers Animated, Bumblebee è il migliore amico di Sari, la protagonista umana. Nel cartone, l'Autobot si trasforma prima in un'auto Cybertroniana, in seguito in una Chevrolet Beat della Polizia. Il suo carattere, a differenza degli altri cartoni, è abbastanza irriverente, dandogli un'aria da teenager.

Transformers: PrimeModifica

Bumblebee appare anche nel cartone animato Transformers: Prime creato in CGI dalla Hasbro. Come nella trilogia cinematografica, si trasforma in un'auto sportiva gialla, una Chevrolet Camaro e invece di comunicare normalmente, comunica con dei effetti sonori elettronici, a causa di una battaglia su Cybertron. La sua migliore amica è Arcee. Nel sequel, Transformers: Robots in Disguise diventa il leader degli Autobot.

CinemaModifica

 
Bumblebee in versione Chevrolet Camaro 5

Compare in tutta la serie di film Transformers, dove è chiamato con il nome americano Bumblebee, non parla ma emette suoni tramite trasmissioni radiofoniche terrestri. La sua trasformazione in veicolo è una Chevrolet Camaro, prima di vecchia generazione e poi di ultimissimo tipo. Il Bumblebee dei film è il primo a non parlare e a trasformarsi in un'auto a strisce nere (stessa cosa per i Bee di Transformers: Prime e Transformers: Animated).

Arrivato sulla terra seguendo i segnali inviati da Internet dove era presente una foto degli occhiali di Sam (dove era localizzata la mappa per ritrovare il Cubo), localizza l'umano Sam Witwicky che aiuterà lui e i suoi compagni Autobot nella guerra contro i Decepticon per il possesso dell'Allspark.

Ritorna anche nel sequel Transformers - La vendetta del caduto dove si ritrova a combattere in Egitto dove porta in salvo i genitori di Sam e uccide vari Decepticon tra cui Ravange e Rampage.

In Transformers 3, Bumblebee è diventato un membro attivo del NEST dove risolve i problemi tra umani per non farsi del male a vicenda. Nella battaglia finale a Chicago, viene intrappolato da diversi Decepticon, ma con l'aiuto involontario di Wheelie e Brains, riesce a liberarsi e riesce ad uccidere Soundwave.

In due film su tre, Bumblebee ha diverse trasformazioni, nel primo una Camaro del 1977, poi del 2007; nel terzo film in una camaro del 2011 Fifth Generation (anche nel secondo film, non cambiando modello, si possono notare alcune differenze della carrozzeria rispetto al primo e al terzo film).

Compare anche nel quarto film, dove inizialmente sarà una Chevrolet Camaro del '67 e poi il nuovissimo modello 2014. Come con Sam, anche con Cade Yeager assumerà il ruolo d'una sorta di guardia del corpo; si unirà con Optimus Prime insieme a Hound, Drift e Crosshairs per formare il nuovo team Autobot. Combatterà insieme alla squadra a Hong Kong per fermare Galvatron e Lockdown, e aiuterà Cade Yeager nel salvataggio di Optimus da quest'ultimo. Sempre a Hong Kong cavalcherà un Dinobot pterodattilo a due teste. Sopravvive anche a quest'avventura uscendone coi suoi compagni vincitore.

Nel quinto film cambia per l'ennesima volta forma (Camaro del 2016), aumentando pure di poco di dimensioni. In assenza di Optimus è lui il capo degli Autobot , i quali si nascondono con Cade Yeager, Jimmy (un hacker), i Dinobot, ed Izabella (un'orfana in seguito alla battaglia di Chicago) in una discarica nel Sud Dakota. Accompagnerà Cade in Inghilterra dove si scoprirà avere un fratello di nome Hot Rod, e che durante la ricerca dell'All Spark, i due fratelli (e qualche altro Autobot) arrivarono sulla Terra negli anni '40 e combatterono nella 2ª Guerra Mondiale a fianco degli Americani contro la Germania nazista dove esso si trasformerà in una missione in una Mercedes-Benz 770. Affronterà Optimus per farlo rinsavire dall'ipnosi di Quintessa (la creatrice dei robot), riaquisterà la voce ed avrà un ruolo fondamentale nel salvare la Terra. Alla fine torna a Cybertron con gli altri per restaurarlo.

Inoltre Bumblebee sarà il protagonista di uno spin-off/prequel della serie cinematografica, diretto da Travis Knight e scritto da Christina Hodson dal titolo Bumblebee.

NoteModifica


Altri progettiModifica