Danny Pudi

attore statunitense

Daniel Mark "Danny" Pudi (Chicago, 10 marzo 1979) è un attore e regista statunitense, di origini indiane e polacche[1], noto principalmente per il suo ruolo di Abed Nadir nella sitcom Community e per il doppiaggio di Qui nel reboot di DuckTales.

Danny Pudi al San Diego Comic-Con International 2012

BiografiaModifica

I primi anniModifica

Figlio di un’immigrata polacca e di un immigrato indiano, Danny Pudi è nato e cresciuto a Chicago, dove ha frequentato il Notre Dame College Prep[1][2], e dove ha studiato danza popolare polacca. Dopo il divorzio dei genitori ha vissuto quasi esclusivamente con il lato materno della famiglia, avvicinandosi alla cultura della famiglia e alla lingua polacca, che parla fluentemente. Ha frequentato la Marquette University di Milwaukee, nel Wisconsin, laureandosi in Comunicazione e Teatro nel 2001.[3]

CarrieraModifica

Alla Marquette University, Pudi ha vinto la borsa di studio Chris Farley che, oltre a pagare un anno di scuola, è servita alla realizzazione di una commedia improvvisata con Jim Breuer e Dave Chappelle, aumentando l'interesse di Pudi per lo studio dell'improvvisazione. Pudi in seguito ha studiato per il The Second City Theatre di Chicago. Nel 2005 si è trasferito a Los Angeles alla ricerca di ruoli televisivi e cinematografici[1]. Ha recitato in diversi episodi di serie televisive, prima di entrare a far parte del cast di Community[1], dove ricopre il ruolo di Abed Nadir in tutte e sei le stagioni realizzate. Acquista fama internazionale con questo ruolo, con il quale emergono le capacità poliedriche dell’attore.

Nel 2014 ha il suo esordio come regista con il cortometraggio - documentario Untucked per la serie ESPN: 30 for 30. Scritto dallo stesso Pudi, insieme a Chris Marrs, il cortometraggio parla dell’origine della divisa della squadra di basket dell’università Marquette, l’alma mater di Pudi. La particolarità della divisa, dove la maglia veniva portata fuori dai pantaloni, dà il titolo al film.

Nel 2016 riveste il ruolo di Sami Malik, un giovane immigrato indiano che si trasferisce in America negli anni ‘70, come protagonista nella commedia indipendente The Tiger Hunter, diretta dalla regista Lena Khan. Si tratta del primo ruolo da protagonista, in una pellicola dove cast, regista e scrittori sono composti in gran parte da professionisti di origini indiane.

Pudi presta la voce al personaggio Qui nel reboot di DuckTales[4].

Pudi è inoltre apparso in alcuni spot televisivi per Snickers, Verizon[1], McDonald's, T-Mobile, e Pokémon[5].

Vita privataModifica

È sposato con Bridget Showalter, da cui ha avuto due figli gemelli: James Timothy e Fiona Leigh, nati il 12 gennaio 2012[6]. Ha corso quattro maratone[1].

FilmografiaModifica

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

RegistaModifica

  • Untucked - cortometraggio - documentario per la serie ESPN: 30 for 30, scritto e diretto (2014)

Doppiatori italianiModifica

Come doppiatore, viene sostituito da:

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f (EN) "Desis on Cable: Reshma Shetty and Danny Pudi": Interview in India Currents magazine by Ranjit Souri, su indiacurrents.com. URL consultato l'11 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2011).
  2. ^ The Bonnie Hunt Show, 9 ottobre 2009.
  3. ^ (EN) Breakout star Danny Pudi was a hit at Marquette first, su marquette.edu. URL consultato l'11 luglio 2012.
  4. ^ (EN) Denise Petski, Denise Petski, ‘DuckTales’: David Tennant, Danny Pudi, Ben Schwartz Among Voice Cast For Disney XD Reboot, su Deadline, 16 dicembre 2016. URL consultato il 3 aprile 2020.
  5. ^ (EN) Community Member Becomes One of the Knights of Badassdom!, su dreadcentral.com. URL consultato l'11 luglio 2012.
  6. ^ (EN) 'Community' star Danny Pudi, wife have twins, su articles.redeyechicago.com. URL consultato l'11 luglio 2012.
  7. ^ (EN) Mike Ryan, The Captain America Easter Eggs You Won't See The First Time, su Vanity Fair. URL consultato il 15 aprile 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN170975063 · ISNI (EN0000 0001 1995 4160 · LCCN (ENn2011034355 · GND (DE1061741680 · CONOR.SI (SL301297507 · WorldCat Identities (ENlccn-n2011034355