Apri il menu principale

Davide Garbolino

conduttore televisivo e doppiatore italiano

Davide Garbolino (Cirié, 24 settembre 1968) è un doppiatore, direttore del doppiaggio, attore e conduttore televisivo italiano[1].

La sua voce giovanile gli consente di doppiare in modo verosimile personaggi giovani o bambini come Ash in Pokémon, Nobita in Doraemon, Son Gohan in Dragon Ball e Shinichi Kudo in Detective Conan. Dal 2007 è anche la voce di Bugs Bunny

Indice

CarrieraModifica

Attore di teatro ragazzi, dopo essere entrato nell'ADAP svolge la sua attività di doppiatore prevalentemente negli studi di Milano, e in particolare alla Merak Film[2]. Oltre al doppiaggio, ha al suo attivo la conduzione di programmi su Italia 1, come Ciao Ciao, con i colleghi Debora Magnaghi e Pietro Ubaldi, in cui dà voce al pupazzo Four, dal 1992 al 2001.

Doppiatore prevalentemente di cartoni animati e serie televisive, ha doppiato Johnny, il protagonista del cartone È quasi magia Johnny, ed è stato la voce di Ash Ketchum, personaggio dell'anime Pokémon, Nobita in Doraemon, entrambi tra i più longevi tra quelli da lui doppiati, insieme a Shinichi Kudo in Detective Conan e Gohan da adulto nelle serie Z, GT e Super di Dragon Ball. Doppia il personaggio di Jean nell'anime Nadia - Il mistero della pietra azzurra in due occasioni: nel 1991 (per Mediaset) e nel 2003 per l'edizione integrale in DVD.

Nel 2006 diventa la nuova voce di Topo Gigio al posto di Peppino Mazzullo. È attivo anche allo studio Emme di Roma, soprattutto nel ruolo di Bugs Bunny e ha sostituito Massimo Giuliani come voce italiana ufficiale dal 2007.

Nel 2011 canta come il Signor Small nella prima stagione de Lo straordinario mondo di Gumball.

Dal 2018 è lo speaker ufficiale dei promo del canale K2.

TelevisioneModifica

DoppiaggioModifica

Film d'animazioneModifica

Serie animateModifica

TelevisioneModifica

VideogiochiModifica

NoteModifica

  1. ^ Antoniogenna.net
  2. ^ ZM - Seiyuu - Scheda doppiatore - Garbolino Davide, su inuyaksa.tripod.com. URL consultato il 14 luglio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica