Bunga bunga

espressione letteraria

L'espressione bunga bunga è attestata a partire dal XIX secolo, in particolare nella letteratura di viaggio e nella manualistica botanica, prevalentemente come toponimo dell'Australia[1] o come usanza aborigena della stessa nazione.[2][3] Il termine è stato poi ripreso nel 1910 nell'ambito di un celebre scherzo, la beffa della Dreadnought.[4][5] L'espressione è diventata nota in Italia e all'estero, a partire dal 2010, per indicare i festini a sfondo erotico-sessuale che si svolsero nelle ville di Silvio Berlusconi, allora Presidente del Consiglio dei ministri italiano.

UsoModifica

Letteratura e cultura di massa anglosassoneModifica

 
I partecipanti della "beffa della Dreadnought" furono tra i primi a utilizzare il termine. La prima a sinistra è Virginia Woolf; l'ultimo a destra è Horace de Vere Cole

Come toponimo è attestato varie volte, nel corso del XIX secolo, per indicare una località nei pressi del Golfo di Moreton, sulla costa orientale dell'Australia. In questi termini se ne parla diffusamente nel 1845 nei Diari di Edward John Eyre,[1] così come in alcune pubblicazioni di botanica del 1851-1852, in cui pure se ne evidenzia la valenza di festival indigeno.[2][3]

Nel 1910, un gruppo di inglesi camuffati da principi abissini, fra cui la scrittrice Virginia Woolf, ottennero il permesso di visitare la corazzata HMS Dreadnought, una delle più potenti navi da guerra dell'epoca. Ogni volta che il comandante mostrava loro una meraviglia della nave, gli ospiti mormoravano «Bunga, bunga!». L'episodio passò alla storia come "beffa della Dreadnought" (Dreadnought hoax)[4][5] e il termine divenne un popolare tormentone di quel periodo.[6][7]

Durante il XX secolo, il termine comparve nel mondo anglosassone all'interno di una storiella umoristica, in cui tre antropologi ed esploratori, perdutisi in un'area selvaggia, finiscono catturati da una popolazione indigena. Il capo-villaggio chiede loro se preferiscono «la morte o il bunga bunga»: il primo antropologo sceglie il "bunga bunga", scatenando reazioni di gioia tra la popolazione locale che, dopo averlo seviziato e umiliato, lo brucia vivo; il secondo esploratore, dubbioso, pensa che il capo abbia capito erroneamente "morte" e chiede anche lui il "bunga bunga", subendo lo stesso trattamento, sempre tra l'entusiasmo dei selvaggi. Il terzo esploratore, allora, chiede direttamente la morte, gettando nello sconforto i selvaggi. Il capo, quindi, risponde: «Hai chiesto morte e morte avrai, ma prima un po' di bunga bunga!».[8][9]

Cultura di massa italianaModifica

La barzelletta sugli indigeni venne ripresa da diversi comici italiani fin dagli anni ottanta del XX secolo,[10] a volte con una leggera variazione del termine ("bumba bumba" al posto di "bunga bunga")[11] e con la sodomia come forma di tortura a cui vengono sottoposti gli esploratori.[12] Nel 1994, il gruppo rock dialettale Charlie & The Cats include nell'album Orzinuovi la canzone Bumba bumba, ispirata a questa barzelletta.

Il "caso Ruby"Modifica

 
A partire dal 2010, il termine "bunga bunga" è stato associato a Silvio Berlusconi e al cosiddetto "caso Ruby".
 Lo stesso argomento in dettaglio: Procedimenti giudiziari a carico di Silvio Berlusconi § Il caso Ruby.

Il termine bunga bunga tornò alla ribalta in Italia e, successivamente, a livello internazionale nel 2010, a seguito della pubblicazione di intercettazioni telefoniche fra l'imprenditore Silvio Berlusconi (in quel momento Presidente del Consiglio dei ministri italiano) e alcune persone coinvolte nel cosiddetto scandalo Rubygate.

In queste intercettazioni, Berlusconi fu sentito pronunciare il termine in una versione modificata della barzelletta, in cui gli esploratori venivano sostituiti da esponenti del centro-sinistra e il "bunga bunga" diventava un rituale di violenza sessuale praticato dagli indigeni.[13] Il termine, secondo Maria Laura Rodotà, «è diventato istantaneamente una espressione familiare, presumibilmente divertente».[14]

Secondo una delle protagoniste della vicenda, Karima El Mahroug, detta "Ruby Rubacuori", il "bunga bunga" è un rituale sessuale che Berlusconi avrebbe appreso dall'allora leader libico Muʿammar Gheddafi.[15] Fuori dall'Italia, il bunga bunga del Rubygate viene descritto come una sorta di orgia subacquea in una piscina,[16] un rituale di ispirazione africana eseguito da molte donne nude per spettatori maschili[17] o altri intrattenimenti erotici. Una spiegazione alternativa sull'uso del termine da parte di Berlusconi è stata proposta dall'attrice Sabina Began, secondo cui si tratta di un nomignolo per identificarla.[7]

Nella cultura di massa, l'espressione incontrò un certo successo, tanto che Elio e le Storie Tese ne fanno una canzone satirica, suonata per la prima volta dal vivo nella trasmissione Parla con me il 28 ottobre 2010, sulla base di Waka Waka (This Time for Africa) di Shakira.[18] Nel 2011, i registi pornografici Andy Casanova e Silvio Bandinelli (con lo pseudonimo di Marco Trevi) hanno diretto Bunga Bunga Presidente, parodia porno delle vicende legate al "Rubygate".[19]

A causa di queste rivelazioni tramite intercettazioni telefoniche, Silvio Berlusconi venne condannato a 7 anni di carcere in primo grado per i reati di concussione e sfruttamento della prostituzione minorile.[20] In appello, il 18 luglio 2014, Berlusconi viene prosciolto da tutte le accuse con formula piena perché il fatto non sussiste.[21]

NoteModifica

  1. ^ a b Eyre, pp. 177-178.
  2. ^ a b Mossman, p. 228.
  3. ^ a b Hogg's Instructor, p. 411.
  4. ^ a b Stanksy, p. 33.
  5. ^ a b (EN) The Dreadnought hoax, Museum of Hoaxes. URL consultato il 2 giugno 2020.
  6. ^ Rosenbaum, p. 13.
  7. ^ a b (EN) Kathryn Westcott, At last - an explanation for 'bunga bunga', BBC, 5 febbraio 2011. URL consultato il 2 giugno 2020.
  8. ^ Robbe-Grillet e Pickering, pp. 85-87.
  9. ^ Pickering, p. 92.
  10. ^ Bebo Storti: «Berlusconi mi ha scippato il bunga bunga, dovrebbe pagarmi i diritti», Il Messaggero, 23 maggio 2019. URL consultato il 2 giugno 2020.
  11. ^ Alessandro Dall'Orto, "Io e Bisio ci divertivamo col Bunga Bunga già 25 anni fa", in Libero, 14 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2011).
  12. ^ Le feste di Ruby e il Bunga Bunga, Corriere della Sera, 28 ottobre 2010. URL consultato il 2 giugno 2020.
  13. ^ Angelo Agrippa, Ecco la bella Noemi, diciottenne che chiama Berlusconi "papi", in Corriere del Mezzogiorno, 28 aprile 2009. URL consultato l'11 marzo 2015.
  14. ^ (EN) Maria Laura Rodotà, Silvio Berlusconi's sex antics disgust me and other Italian women, in The Observer, 7 novembre 2010. URL consultato il 2 giugno 2020.
  15. ^ Il bunga bunga di Gheddafi non è una barzelletta, su Ultimaora.net, 13 settembre 2011. URL consultato l'11 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2015).
  16. ^ (EN) Barbie Latza Nadeau, Will Berlusconi Get the Boot?, in The Daily Beast, 7 novembre 2010. URL consultato l'11 marzo 2015.
  17. ^ (EN) Emma Alberici, Exile an option for besieged Berlusconi, in ABC News, 9 novembre 2010. URL consultato l'11 marzo 2015.
  18. ^ Il successo del bunga bunga, dal web a Elio e le Storie Tese, Tg24 - Sky.it, 29 ottobre 2010. URL consultato l'11 marzo 2015.
  19. ^ Al cinema sbarca il film porno sul Presidente, in l'Unità, 18 gennaio 2011. URL consultato l'11 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  20. ^ Sentenza Ruby, Berlusconi condannato a 7 anni. Interdizione perpetua, Il Fatto Quotidiano, 24 giugno 2013. URL consultato l'11 marzo 2015.
  21. ^ Giovanna Trinchella, Berlusconi assolto nel processo d’appello Ruby. Non ci fu concussione, Il Fatto Quotidiano, 18 luglio 2014. URL consultato l'11 marzo 2015.

BibliografiaModifica