Carlo Emanuele di Savoia-Nemours

nobile
Carlo Emanuele di Savoia-Nemours
Duca di Nemours
Stemma
In carica 18 giugno 1585 –
13 agosto 1595
Predecessore Giacomo di Savoia-Nemours
Successore Enrico I di Savoia-Nemours
Trattamento Sua Altezza Serenissima
Altri titoli Duca di Ginevra
Duca d'Aumale
Nascita Nanteuil, 12 febbraio 1567
Morte Annecy, 13 agosto 1595
Dinastia Savoia-Nemours
Padre Giacomo di Savoia-Nemours
Madre Anna d'Este
Religione cattolicesimo
Ducato di Nemours
Savoia
Armoiries Savoie-Nemours 1652.svg

Filippo
Giacomo
Figli
Carlo Emanuele
Enrico I
Luigi
Carlo Amedeo
Figli
Enrico II
Modifica

Carlo Emanuele di Savoia-Nemours (Nanteuil, 12 febbraio 1567Annecy, 18 giugno 1595) era figlio di Giacomo di Savoia-Nemours e di Anna d'Este, vedova del Duca Francesco I di Guisa. In gioventù portò il titolo di Conte di Ginevra. Ottenne il Ducato di Nemours dal 1585 alla morte, durante le Guerre di Religione.

BiografiaModifica

Carlo Emanuele fu duca in un periodo complesso ed estremamente confuso per la Francia, il che lo mise al centro di molti intrighi e malversazioni, soprattutto a causa delle relazioni della madre con la Casa di Guisa. Il Duca di Guisa era uno dei capi della Lega Cattolica opposta agli ugonotti, e Carlo Emanuele simpatizzava con la loro causa. Ad ogni modo, dopo l'assassinio del Duca Enrico di Guisa e di suo fratello, il Cardinale Luigi di Guisa, Carlo Emanuele venne imprigionato dagli ugonotti nel 1588, ma riuscì a fuggire.

Egli si impegnò quindi per diversi anni per combattere gli ugonotti; egli fu presente alla Battaglia di Arques nel 1589. Nello stesso anno, Carlo Emanuele fu Governatore di Parigi, dal momento che gli ugonotti, capeggiati da Enrico di Navarra stavano assediando la capitale francese. Durante l'assedio, il Re Enrico III di Francia morì, ed Enrico di Navarra si autodichiarò Re con il nome di Enrico IV. Carlo Emanuele fuggì, e si scontrò con il nuovo proclamato re nella Battaglia di Ivry del 1590, che sancì la definitiva sconfitta della Lega Cattolica.

Dopo la sconfitta, Carlo Emanuele ebbe forti discussioni con il fratellastro, alleato da lungo tempo di Carlo di Guisa, che aveva tentato di riconciliarlo con Enrico IV. Carlo Emanuele rinunciò al proprio governatorato nel Lionnese, che aveva rigettato per rendersi indipendente dalla corona di Francia. Egli, ad ogni modo, venne imprigionato nel Castello di Pierre-Scize dall'Arcivescovo di Lione. Di nuovo, Carlo Emanuele riuscì a sfuggire, e decise di attaccare Lione. L'intervento del Conestabile di Montmorency evitò questo attacco, e il suo tentativo di indipendenza fallì.

Egli morì a Annecy nel 1595, lasciando il Ducato di Nemour al proprio fratello Enrico.

AscendenzaModifica

BibliografiaModifica

  • Jean-Hippolyte Mariéjol, Charles-Emmanuel de Savoie duc de Nemours Gouverneur du Lyonnais, Beaujolais et Forez (1567-1595), Paris : Librairie Hachette, 1938. In-8 (124 x 17cm), XVI - 287 p.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7543343 · ISNI (EN0000 0000 0151 8910 · GND (DE1055657460 · BNF (FRcb134958147 (data) · CERL cnp01046689 · WorldCat Identities (ENviaf-7543343