Apri il menu principale
Castiadas
comune
(ITSC) Castiàdas
Castiadas – Stemma
Castiadas – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoEugenio Murgioni (lista civica) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate39°14′10.89″N 9°29′57.02″E / 39.236358°N 9.499172°E39.236358; 9.499172 (Castiadas)Coordinate: 39°14′10.89″N 9°29′57.02″E / 39.236358°N 9.499172°E39.236358; 9.499172 (Castiadas)
Altitudine60 m s.l.m.
Superficie103,89 km²
Abitanti1 659[2] (30-4-2017)
Densità15,97 ab./km²
Comuni confinantiMaracalagonis (CA), Muravera, San Vito, Sinnai (CA), Villasimius
Altre informazioni
Cod. postale09040
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111011
Cod. catastaleM288
TargaSU[1]
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) castiadesi
(SC) castiadesus
Patronosan Giovanni Battista
Giorno festivo24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castiadas
Castiadas
Castiadas – Mappa
Posizione del comune di Castiadas
nella provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Castiadas è un comune italiano sparso di 1 654 abitanti[2] della provincia del Sud Sardegna.

Indice

StoriaModifica

Il territorio di Castiadas è abitato dall'uomo sin dal periodo prenuragico e nuragico. Alcune testimonianze dimostrano una frequentazione anche nel periodo punico e romano.

Nel medioevo fece parte del giudicato di Cagliari, nella curatoria di Colostrai, poi passata al giudicato di Gallura, Pisa e infine alla Corona d'Aragona.

Le prime tracce dell'odierno abitato risalgono al XIV secolo, quando fu fondato il villaggio di Villanova Castiadas, abbandonato però nel Cinquecento per via delle frequenti pestilenze e dei casi di malaria tipici di quei tempi[3].

 
La torre di Cala Pira eretta nel 1639 a difesa del litorale

Nell'Ottocento, dopo oltre tre secoli di completo abbandono, la zona venne bonificata col fine di erigere una colonia agricola penale, chiusa in seguito negli anni cinquanta e da qualche anno riconvertita a museo.

Nel secondo dopoguerra Castiadas, all'epoca appartenente al comune di Muravera, visse una fase di espansione, su spinta dell'ETFAS (Ente di Trasformazione Fondiaria e Agraria della Sardegna), che portò alla nascita delle borgate dell'Annunziata e di Olia Speciosa, oltre alla valorizzazione di quelle di Sabadi, Ortedusu e San Pietro. Molti dei nuovi abitanti provenivano dai centri circostanti di Villasimius, Muravera ecc. ma importante fu anche il contributo degli italo-tunisini i quali avevano lasciato per sempre il paese nord-africano[4].

Con la Legge Regionale numero 24 dell'11 marzo 1986 infine Castiadas divenne comune autonomo.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[5]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Al 31 dicembre 2015 gli stranieri residenti nel comune di Castiadas sono 49[6], pari al 3% circa della popolazione totale. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo:

Pos. Cittadinanza Popolazione
1   Romania 13
2   Marocco 10

Lingue e dialettiModifica

La variante del sardo parlata a Castiadas è il campidanese occidentale.

Tradizioni e folcloreModifica

 
Colonia penale

Il patrono del paese è san Giovanni Battista, che si festeggia durante l'ultimo fine settimana di giugno. Altra ricorrenza è, il 15 agosto, la festa dell'Assunta.

Geografia antropicaModifica

Il comune di Castiadas presenta caratteristiche di comune sparso, con le seguenti borgate:

  • Camisa (9,73 km² - 260 ab.) e L'Annunziata, sino al 1986 del comune di Villaputzu.
  • Buddui, precedentemente del comune di San Vito.
  • Castiadas centro, Olia Speciosa (sede della casa comunale), Sabadi, Monte Gruttas, Masone Pardu, Maloccu, Capucciu, Orteduso, Sitò, Masone Murtas, San Pietro, Cala Pira, Cala Sinzias e Santa Giusta, in precedenza appartenenti al comune di Muravera.

EconomiaModifica

L'economia del comune, per decenni basata su agricoltura e pastorizia, oggi si basa in buona parte anche sul turismo, grazie ai vari insediamenti presenti lungo la costa.

Infrastrutture e trasportiModifica

AviosuperficieModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Aviosuperficie di Castiadas.

In località Maloccu si trova un'aviosuperficie che viene usata per voli turistici. Inoltre in questa è ospitata anche una scuola di paracadutismo.

NoteModifica

  1. ^ Sigla provvisoria definita dal Consiglio di Stato con parere n° 1264 del 30 maggio 2017, in attesa di recepimento nella tabella allegata al Regolamento del codice della strada
  2. ^ a b Dato Istat al 30-4-2017, su demo.istat.it. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  3. ^ Relazione Tecnica - Sardegna Territorio
  4. ^ Storia, Comune di Castiadas. URL consultato il 30 dicembre 2007 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2008).
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ ISTAT, cittadini stranieri

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN154594108 · GND (DE5569542-5
  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna