Apri il menu principale
Villaputzu
comune
(IT) Villapùtzu
(SC) Biddepùtzi
Villaputzu – Stemma
Villaputzu – Veduta
Ingresso al paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoSandro Porcu (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate39°26′21″N 9°34′34″E / 39.439167°N 9.576111°E39.439167; 9.576111 (Villaputzu)Coordinate: 39°26′21″N 9°34′34″E / 39.439167°N 9.576111°E39.439167; 9.576111 (Villaputzu)
Altitudine11 m s.l.m.
Superficie181,31 km²
Abitanti4 671[1] (30-11-2018)
Densità25,76 ab./km²
FrazioniPorto Corallo, Porto Tramatzu, Quirra, San Lorenzo, Santa Maria, Cala Murtas
Comuni confinantiArmungia, Arzana (NU) (isola amministrativa di Accettori), Ballao, Escalaplano, Jerzu (NU) (isola amministrativa di Contissa), Muravera, Perdasdefogu (NU), San Vito, Ulassai (NU), Villasalto
Altre informazioni
Cod. postale09040
Prefisso070
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111103
Cod. catastaleL998
TargaSU
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) villaputzesi
(SC) biddeputzesus
Patronosan Giorgio Martire
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villaputzu
Villaputzu
Villaputzu – Mappa
Posizione del comune di Villaputzu all'interno della provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Villaputzu (Biddeputzi in sardo), è un comune italiano di 4 671 abitanti della provincia del Sud Sardegna, situato nella subregione del Sarrabus; è parte della diocesi di Lanusei.

Indice

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Il comune di Villaputzu è situato a otto metri sul livello del mare e si estende per 17 429 ha. Il centro abitato è situato in un breve tratto pianeggiante, creato dai depositi alluvionali del fiume Flumendosa, a ridosso delle colline del Sarrabus. Geograficamente il territorio è suddiviso, da una parte nella sub-regione del Sarrabus e dall'altra parte nel Salto di Quirra, altra sub-regione condivisa con i Comuni ogliastrini.

StoriaModifica

Origini dell'insediamentoModifica

Testimoniano il fatto che il territorio fosse abitato in età nuragica i numerosi nuraghi e gli oggetti rinvenuti nei pressi dell'odierno rione di Santa Maria. La storia di Villaputzu si identifica poi con quella di Sarcapos, città commerciale e portuale, prima fenicio-punica e successivamente romana. A causa delle frequenti incursioni barbariche, dall'VIII secolo, il villaggio si trasferì nel sito in cui è ubicata l'odierna Villaputzu, che risultava facilmente difendibile in caso di attacco.

MedioevoModifica

 
La chiesa di San Nicola di Quirra

In questo periodo ci sono molte denominazioni dello stesso villaggio: Villa Pupus nei registri del giudicato di Cagliari, Villa Pubussi de Sarrabus in un registro delle imposte pisano, e ancora Pututhi, Pupusti e Pupucci in un arco di tempo che va dal 1316 al 1346.

Fino al 1258, Villa Pupus fu parte dal giudicato di Cagliari, nella curatoria del Sarrabus. I giudici possedevano nel territorio un castello, detto di Quirra. Alla caduta del giudicato (1258) il territorio passa per breve tempo al giudicato di Gallura e quindi al comune di Pisa; la conquista aragonese (1324), sconvolgendo il precedente assetto socio-economico e politico, causò il frazionamento del paese in due insediamenti, Tarruti e Villa Pupusi. A partire dal 1324 quindi sia l'abitato che il castello passano sotto il dominio aragonese; dieci anni più tardi il castello fu inutilmente assediato dai Doria, e nel corso della guerra sardo-catalana anche dai giudici di Arborea; nel 1363 fu ceduto dal Re d'Aragona Pietro IV il Cerimonioso a Berengario Carroz, al quale venne dato in feudo anche il paese di Villaputzu insieme ad altri 77 villaggi, una parte dei quali oggi non esiste più, e che fu quindi compreso nella contea di Quirra.

Età modernaModifica

 
Spiaggia di Porto Corallo

Nel 1603 la contea di Quirra venne trasformata in marchesato, feudo dei Centelles, ed il paese ne seguì le sorti.

Nel 1646 una nave da guerra francese naufragò nel vicino litorale: quattrocento uomini dell'equipaggio si salvarono e si fortificarono nel castello; costretti ad arrendersi vennero fatti prigionieri. L'artiglieria della nave, che era stata salvata, venne trasportata a Cagliari ed utilizzata per la difesa dei bastioni della città.

Villaputzu fu oggetto di continue incursioni barbaresche, alle quali fu sempre opposta da parte degli abitanti del paese un'accanita resistenza.

Durante l'annessione della Sardegna ai possedimenti sabaudi e nel corso del processo di Unità dell'Italia, Villaputzu non gode di particolare nota.

Il paese fu riscattato agli ultimi feudatari, gli Osorio de la Cueva marchesi di Quirra, succeduti ai Centelles, nel 1839 con la soppressione del sistema feudale, per cui divenne un comune amministrato da un sindaco e da un consiglio comunale

Età contemporaneaModifica

Il paese dal 1956 ospita in parte del proprio territorio il poligono sperimentale e di addestramento interforze di Salto di Quirra. È in corso un processo per attribuire le responsabilità dell'impatto dannoso che le sperimentazioni di materiale bellico hanno avuto durante più di mezzo secolo e continuano ad avere sulla salute dei lavoratori e su quella della popolazione che vive, pascola e coltiva nei territori attigui.[2][3][4][5]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

Antica chiesa di San Giorgio martireModifica

L'impianto più antico della chiesa di San Giorgio, patrono del paese, è stato realizzato dai Genovesi, presumibilmente nel XII secolo. A causa dell'abbandono la chiesa, situata ai piedi dell'omonima via nella parte più antica del paese, ove sorgeva anche l'antico cimitero, ha subito un importante crollo nel secolo XX. La costruzione era composta da tre navate divise da arcate poggianti ciascuna su quattro capitelli, oggi parzialmente visibili.

Chiesa parrocchiale di San Giorgio martireModifica

 
Targa commemorativa della dedicazione della chiesa parrocchiale

Nata intitolata a Santa Caterina (della quale il simulacro è ancora presente sull'altar maggiore, edificato nel 1766[6]), la parrocchiale, situata nel centro storico, dedicata a San Giorgio dal vescovo d'Ogliastra mons. Giuseppe Paderi Concas, originario del paese, nel 1904, fatto probabilmente dovuto al trasferimento del santo dopo il crollo dell'antica chiesa di cui sopra, ha una lunga storia edificativa: dell'originale rimanevano alcuni segmenti murari corrispondenti all'odierno oratorio, accorpati alla più recente costruzione spagnola del XVI secolo, questa in stile tardo-gotico. La facciata è semplice ed è dotata di un portale ligneo e due finestrelle; lateralmente è presente il campanile, dotato di una monofora per lato e di un orologio sulla parte superiore.

Chiesa parrocchiale di Santa MariaModifica

In stile moderno, edificata nel 2001 per la borgata di Santa Maria, dopo l'istituzione dell'omonima parrocchia nel 1998[6].

Chiesa di San Nicola di QuirraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Nicola di Quirra.

È una chiesa romanica, situata in località campestre, nel territorio del comune di Villaputzu. È una delle due chiese romaniche della Sardegna realizzate interamente in cotto (l'altra è San Gavino di Lorzia, presso Bono).[7] Venne edificata in età giudicale, tra il XII e il XIII secolo.

Chiesa di Santa BrigidaModifica

La chiesa di Santa Brigida, situata in pieno centro abitato, fu edificata probabilmente nel XVI secolo, in stile Gotico-Aragonese.

Architetture militariModifica

  • Castello di Quirra
  • Torre di Porto Corallo
  • Torre Motta (Torre Morta)
  • Torre di San Lorenzo
  • Torre di Murtas

In passato erano presenti altri due castelli: il castello Malvicino, nei pressi della collina difronte al cimitero, e il castello di Gibas, di cui rimangono alcuni ruderi, situato in una collinetta vicino alla torre di Porto Corallo.

Siti archeologiciModifica

SocietàModifica

 
Villaputzu in primo piano, con Muravera sullo sfondo

Evoluzione demograficaModifica

Secondo l'andamento demografico storico dei censimenti della popolazione, questa è in crescita fino al 1961 cuando si arresta a circa 4 500 abitanti (numero equivalente alla stima del 2018), mentre decresce e oscilla con un picco positivo massimo di 5 000 residenti nei primi anni novanta[8]

Abitanti censiti[9]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Al 31 dicembre 2015 gli stranieri residenti nel comune di Villaputzu sono 87[10], pari all'1,8% della popolazione totale. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo:

Pos. Cittadinanza Popolazione
1   Romania 33
2   Tunisia 17

Lingua e dialettiModifica

 
Prima spiaggia

La variante del sardo parlata a Villaputzu è il campidanese sarrabese.

CulturaModifica

EventiModifica

GastronomiaModifica

Interessante il patrimonio culinario, con is culurgionis, importati dall'Ogliastra, is malloreddus, arrosti di carne e di pesce, i dolci tipici, come is pardulas, is pabassinas, gli amaretti. Da citare, inoltre, gli agrumi di produzione locale. Un altro cibo tipico del paese è il casu marzu, un tipo di pecorino colonizzato da larve di mosche casearie.

Le launeddasModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Launeddas.
 
Costa

Le launeddas sono uno strumento musicale policalamo ad ancia battente, originario della Sardegna. È uno strumento di origini antichissime in grado di produrre polifonia, è suonato con la tecnica della respirazione circolare ed è costruito utilizzando diversi tipi di canne. Villaputzu vantava, e vanta ancora, una scuola che ha stilisticamente influenzato la musica per launeddas di tutta l'isola. Questa scuola disponeva dei più raffinati maestri, custodi del ricco repertorio delle varie suonate, delle tecniche costruttive e del vasto patrimonio letterario orale concernente lo strumento. Il semi-professionismo sopravvissuto nel paese, retaggio di periodi storici precedenti, quando i suonatori erano ancora al centro della vita sociale, ha reso possibile la conservazione e la trasmissione, da maestro ad allievo, di buona parte di questo prezioso patrimonio, tant'è che ancora oggi può vantare valenti esecutori, eredi della secolare tradizione villaputzese.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2018.
  2. ^ Veleni di Quirra, gli esperti concordi: "Il poligono ha causato tumori", su Sardiniapost.it, 18 maggio 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  3. ^ Processo 'veleni di Quirra', il consulente: "In mare pezzi di missili e armi", su Sardiniapost.it, 10 gennaio 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  4. ^ A rischio prescrizione il processo per i ‘veleni di Quirra’. Potrebbe testimoniare anche Mattarella., su Estreme Conseguenze, 8 settembre 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  5. ^ Redazione Cagliaripad, Processo 'veleni Quirra', soldatessa: "Le protezioni non erano adeguate", su Cagliaripad, 7 novembre 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  6. ^ a b Parrocchie - Diocesi di Lanusei, su www.diocesilanusei.it. URL consultato il 20 maggio 2019.
  7. ^ Villaputzu, Chiesa di San Nicola di Quirra.
  8. ^ Censimenti popolazione Villaputzu 1861-2011, su tuttitalia.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ ISTAT, cittadini stranieri

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN142333096 · LCCN (ENnr91038552 · GND (DE4258062-6
  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna