Centro di produzione Rai di Via Teulada

studi di produzione televisivi della Rai di Roma
Centro di produzione Rai
RAI Roma via Teulada fronte.jpg
Fronte dell'edificio degli studi di produzione su via Teulada
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
IndirizzoVia Teulada, 66
Coordinate41°55′12.21″N 12°27′18.49″E / 41.920059°N 12.455137°E41.920059; 12.455137Coordinate: 41°55′12.21″N 12°27′18.49″E / 41.920059°N 12.455137°E41.920059; 12.455137
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione?-1957
Inaugurazione19 dicembre 1957
Usocentro di produzione televisiva
Realizzazione
ArchitettoFrancesco Berarducci
ProprietarioRai
Uno studio televisivo del centro RAI durante una registrazione in una foto di Paolo Monti del 1958
Un set televisivo del centro RAI in una foto di Paolo Monti del 1958

Il Centro di produzione Rai di Via Teulada è uno storico centro di produzione della Rai. Si trova in Via Teulada 66, a Roma[1].

StoriaModifica

Venne inaugurato il 19 dicembre 1957, su progetto dell'architetto Francesco Berarducci[1].

Studi e programmiModifica

Dalla stagione televisiva 2019/2020 i programmi realizzati nel centro sono[2]:

Gli studi di 1, 2, 3 e 4 sono stati convertiti per trasmettere programmi in HDTV.

Programmi del passatoModifica

Da Via Teulada sono andati in onda molti programmi di punta della Rai tra i quali: Studio Uno, Il Musichiere, Indietro tutta!, L'altra domenica, Quelli della notte, Bontà loro, Correva l'anno, L'inchiesta - giornalismo investigativo, Festa italiana, Ballarò, NeriPoppins, TeleCamere ed Annozero.

Mezzi di trasportoModifica

  È raggiungibile dalle stazioni Lepanto e Ottaviano.

CuriositàModifica

Il CPTV di Via Teulada venne costruito in modo tale che se in Italia vi fosse stato un problema d'energia elettrica esso è in grado d'essere completamente autonomo; ed ancora oggi mantiene questa possibilità.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Via Teulada 66 – Articolo21, su www.articolo21.org. URL consultato il 26 settembre 2018.
  2. ^ Studi televisivi Rai e programmi trasmessi, su www.digital-forum.it. URL consultato il 18 ottobre 2018.

Altri progettiModifica