Apri il menu principale
Chiesa cattolica a Trinidad e Tobago
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno2004
Cattolici383 mila
Popolazione1 milione
Nunzio apostolicoFortunatus Nwachukwu
CodiceTT

La Chiesa cattolica a Trinidad e Tobago è parte della Chiesa cattolica in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Indice

DemografiaModifica

Lo stato insulare di Trinidad e Tobago, composto da due isole maggiori e di 21 isole minori, ha una superficie di 5.128 km² e una popolazione censita di 1.104.209 abitanti (2001). Il cristianesimo è la religione più diffusa nella repubblica. In base al censimento del 2001 il cattolicesimo costituiva la prima religione del Paese con il 26% della popolazione totale, seguita dall'induismo con il 22,5% e dall'anglicanesimo con il 7,8%.[1]

StoriaModifica

Trinidad e Tobago fu evangelizzata verso la fine del XV secolo, quando sull'isola di Trinidad arrivarono i Domenicani ed i Francescani. Nel 1516 fu eretta l'abbazia territoriale di Trinidad, che fu abbandonata nel 1650. Nel 1672 la missione fu incorporata alla diocesi di Porto Rico e nel 1790 alla diocesi di Santo Tomás de Guayana. Quando nel 1797 le isole passarono sotto il controllo britannico, fu garantita libertà di culto ai cattolici. Nel 1818 la missione ottenne l'indipendenza ecclesiastica, con l'istituzione di un vicariato apostolico, che fu elevato al rango di arcidiocesi il 30 aprile 1850. Solo a partire dal 1864 gli arcivescovi iniziano un serio programma di evangelizzazione dell'isola di Tobago, dove nel frattempo avevano prosperato altre confessioni cristiane, in particolare anglicani e metodisti: Catherine Creigh passa alla storia come la prima cattolica di Tobago, battezzata il 5 marzo 1870.

Organizzazione ecclesiasticaModifica

Oggi, nello stato insulare esiste una sola circoscrizione ecclesiastica cattolica, l'arcidiocesi di Porto di Spagna.

L'episcopato locale è membro di diritto della Conferenza Episcopale delle Antille.

Nunziatura apostolicaModifica

La nunziatura apostolica di Trinidad e Tobago è stata istituita il 23 luglio 1978 con il breve Commune omnium bonum di papa Paolo VI, separandola dalla delegazione apostolica nelle Antille. Il nunzio apostolico è anche nunzio in Barbados, Antigua e Barbuda, Bahamas, Dominica, Giamaica, Grenada, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Suriname e Guyana, e delegato apostolico nelle Antille.

Nunzi apostoliciModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica