Corrado di Meißen

nobile
Corrado di Meißen
Dresden Fuerstenzug Konrad der Grosse.jpg
Corrado il Grande raffigurato su un dipinto alla Fürstenzug di Dresda.
Margravio di Meißen
Stemma
In carica 1123 –
30 novembre 1156
Predecessore Enrico II
Successore Ottone II
Margravio di Lusazia
In carica 1136 –
30 novembre 1156
Predecessore Enrico
Successore Teodorico II
Nascita 1097 circa
Morte Petersberg, 5 febbraio 1157
Luogo di sepoltura San Pietro di Lauterberg (Petersberg)
Dinastia Wettin
Padre Thimo di Wettin
Madre Ida
Coniuge Liutgarda di Elchingen
Figli Enrico
Ottone II
Teodorico II
Dedi III
Enrico I
Federico I di Brehna
Gertrude
Oda
Adela di Meißen
Berta
Sofia
Agnese II

Corrado di Wettin, detto il Grande (1097 circa – Petersberg, 5 febbraio 1157), fu margravio di Meißen dal 1123 sino a quando non rinunciò al trono il 30 novembre 1156 e margravio di Lusazia dal 1136 al 30 novembre 1156.

BiografiaModifica

Era figlio di Thimo, conte di Brehna, della Casata di Wettin, e di Ida, figlia di Ottone di Northeim. Egli fu inoltre Conte di Wettin, di Brehna e di Camburg da prima del 1116. Corrado è solitamente considerato il fondatore della grandezza della dinastia dei Wettin.

Nel 1123 egli divenne conte di Eilenburg. Nello stesso anno Lotario di Supplinburgo, duca di Sassonia e futuro imperatore, lo nominò margravio di Meißen in opposizione a Wiprecht di Groitzsch, nominato dall'Imperatore Enrico V alla stessa carica. Lotario inoltre nominò Alberto di Ballenstedt margravio di Lusazia, mentre Enrico V nominò sempre Wiprecht alla medesima marca. Wiprecht non fu in grado di mantenere le proprie marche di fronte all'insistenza dei due potenti oppositori e nel 1124 Corrado ottenne il pieno potere su Meißen. Nel 1136 Lotario, nel frattempo divenuto imperatore, lo nominò anche margravio di Lusazia. Ad ogni modo l'Alta Lusazia rimase parte di Meißen e la marca di Lusazia vera e propria venne ridotta alla sola Bassa Lusazia.

Nel 1143 Corrado divenne anche conte di Groitzsch e Rochlitz e Vogt di Chemnitz e Naumburg. Nel 1147, mentre Corrado III di Germania si trovava impegnato nella Seconda Crociata, Corrado di Meißen aderì alla Crociata contro gli Obodriti e i Wagri, con Enrico il Leone, Adalberto di Salzwedel, Alberto di Ballenstedt, il vescovo di Magdeburgo e l'arcivescovo di Brema. Nell'agosto di quell'anno, Corrado ed Alberto, con i vescovi di Magdeburgo, Havelburg e Brandeburgo, ammassarono le loro forze nel Magdeburgo. Il principe obodrita Niklot e le sue fortezze di Dubin e Dimin vennero assediate. Anche Pribislavo, altro principe obodrita e figlio di Niklot, venne costretto a convertirsi al cristianesimo e siglò la pace con i conquistatori.

Negli anni successivi egli fondò il monastero di San Pietro di Lauterberg (Petersberg), nel quale si ritirò il 30 novembre 1156. Qui morì l'anno successivo e venne sepolto con la moglie Liutgarda (Lucarda) di Elchingen.

Famiglia e figliModifica

Sposò Liutgarda di Elchingen nel 1119. Essi ebbero:

  • Enrico, che morì giovane;
  • Ottone II, successore di Corrado nel margraviato di Meißen dal 1156 alla morte;
  • Teodorico II, successore di Corrado nella marca di Lusazia dal 1156 alla morte;
  • Dedi III, successore di Teodorico II in Lusazia dal 1185 alla morte;
  • Enrico I, conte di Wettin († 1181), che sposò Sofia († 1189/1190), la quale sposò in seconde nozze Ermanno di Turingia; forse da identificare con la figlia del conte Federico II di Sommerschenburg, conte palatino di Sassonia e della contessa Liutgarda di Stade (in seguito regina della Danimarca dopo il matrimonio con Eric III di Danimarca);
  • Federico I di Brehna (1126 circa–1182);
  • Gertrude († circa 1191), che sposò il conte Gunther II di Schwarzburg;
  • Oda († circa 1190), badessa di Gerbstedt;
  • Adela di Meißen († 1181), che sposò re Sweyn III di Danimarca († 1157), e sposò in seconde nozze il conte Adalberto di Ballenstedt († 1171);
  • Berta, badessa di Gerbstedt;
  • Sofia († 1190), che sposò il conte Gebhard I di Burghausen;
  • Agnese II, principessa-badessa di Quedlinburg († 1203).

BibliografiaModifica

  • James Westfall Thompson, Feudal Germany, Volume II, New York, Frederick Ungar Publishing Co., 1928.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN42695900 · GND (DE121506533 · CERL cnp00565111 · WorldCat Identities (ENviaf-42695900
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie