Credit Suisse

Credit Suisse
Logo
StatoSvizzera Svizzera
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valori
ISINCH0012138530
Fondazione1856
Fondata da
Sede principaleZurigo
Persone chiaveUrs Rohner, presidente
Thomas Gottstein, AD
SettoreBancario, Finanziario
Prodottiprivate banking
investment banking
finanza e assicurazione
consulenza finanziaria
finanza aziendale
carte di credito
Fatturato21.79 miliardi di CHF[1] (2018)
Utile netto2,06 miliardi di CHF[1] (2018)
Dipendenti45.680 (2018)
Slogan«It's time for an expert»
Sito webwww.credit-suisse.com/

Il Credit Suisse Group, fondato nel 1856 da Alfred Escher e con sede a Zurigo (Svizzera), è una società di servizi finanziari operante a livello mondiale.

Credit Suisse Group occupa 46,840 collaboratori in più di 50 nazioni, opera mediante tre divisioni (Private Banking, Investment Banking, Asset Management) e amministra patrimoni per 1'282 miliardi di CHF.[2]

StoriaModifica

  • 1856 - Credit Suisse è stata fondata con il nome Schweizerische Kreditanstalt (SKA, "Istituto di credito svizzero").
  • 1876 - Prima filiale a Zurigo (Paradeplatz)
  • 1940 - Prima filiale fuori dalla Svizzera (a New York)
  • 1978 - Inizio della cooperazione con The First Boston Corporation
  • 1988 - Controlling stake in The First Boston Corporation
  • 1989 - CS Holding diventa la società capogruppo
  • 1990 - Acquisizione di Bank Leu
  • 1993 - Acquisizione della Banca Popolare Svizzera
  • 1994 - Alleanza strategica con Swiss Re
  • 1995 - Alleanza strategica con Winterthur Group
  • 1996 - CS Holding viene rinominata Credit Suisse Group
  • 1997 - Fusione con Winterthur Group
  • 2000 - Acquisizione di Donaldson, Lufkin & Jenrette (DLJ)
  • 2002 - Nuova struttura organizzativa del gruppo in due divisioni: Credit Suisse Financial Services e Credit Suisse First Boston
  • 2004 - Nuova struttura organizzativa del gruppo in tre divisioni: Credit Suisse, Credit Suisse First Boston e Winterthur
  • 2006 - Credit Suisse vende Winterthur ad AXA
  • 2007 - Dal 2007 Credit Suisse utilizza un sistema in cui vengono integrati i dati di RepRisk, società svizzera fornitrice di dati sui rischi ambientali, sociali e di governance (ESG), per selezionare e valutare i rischi ambientali e sociali di transazioni rischiose e per le attività di due diligence.
  • 2016 - Come parte del programma too big to fail, viene attivata la nuova Credit Suisse (Svizzera) SA, che concentra i target e l'operatività sulla clientela domiciliata in Svizzera. Credit Suisse (Svizzera) SA continua a far parte del gruppo Credit Suisse group.

Nel febbraio 2020 ribaltone al vertice della banca: si dimette Tidjane Thiam dopo lo scandalo scoppiato nel settembre 2019 dello spionaggio da parte di investigatori privati incaricati dalla banca ai danni dell'ex top banker Iqbal Khn e dell'ex capo delle risorse umane Peter Goerke.[3] Al suo posto nominato il numero uno degli affari elvetici della banca, Thomas Gottstein.[3]

Modifica

Il logo di Credit Suisse è composto da alcune vele spiegate che simboleggiano l'orientamento della banca verso il mercato internazionale e la trasformazione della stessa in una banca globale avvenuta nel 2006, quando le aree di private banking, wealth management e investment banking sono state integrate. Il logo allude anche agli obiettivi della banca, alla sua costante crescita, alla fondazione di nuove divisioni e alle fusioni o acquisizioni di altre banche avvenute durante i 162 anni di attività del colosso elvetico.[4]

Dati economiciModifica

Nel 2017 i ricavi sono stati pari a 21.786 miliardi di CHF.[5] Nel 2018 il fatturato ha toccato i 21,79 miliardi con un utile netto di 2,06 miliardi.[1]

Governo d'impresaModifica

Direzione del GruppoModifica

La Direzione (Group Executive Board) del gruppo è l'organo esecutivo di Credit Suisse. Thomas Gottstein è il suo amministratore delegato.[6]

La Direzione di Credit Suisse è composta da:[6]
  • Thomas Gottstein (Amministratore delegato, CEO)
  • James L. Amine (CEO Investment Banking & Capital Markets)
  • Brian Chin (CEO Global Markets)
  • André Helfenstein (CEO Swiss Universal Bank & Credit Suisse Svizzera)
  • Philipp Wehle (CEO International Wealth Management)
  • Helman Sitohang (CEO Asia Pacifi)

Consiglio di amministrazioneModifica

Il Consiglio di amministrazione (Board of Directors) è il più alto corpo aziendale ed è responsabile delle direttive strategiche e di management del gruppo, della nomina e della supervisione della direzione esecutiva. Urs Rohner ne è il presidente.[7]

Il Consiglio di amministrazione è composto dai seguenti membri:[7]
  • Urs Rohner (Presidente)
  • Iris Bohnet
  • Andreas Gottschling (Responsabile della Gestione dei Rischi, CRO)
  • Alexander Gut
  • Michael Klein
  • Andreas N. Koopmann
  • Seraina Macia
  • Kai S. Nargolwala (Responsabile del Comitato per la Remunerazione)
  • Ana Paula Pessoa
  • Joaquin J. Ribeiro
  • Severin Schwan (Vice-Presidente e Direttore Indipendente)
  • John Tiner (Responsabile del Comitato di Controllo)
  • Alexandre Zeller

Sponsorizzazioni in ItaliaModifica

La Credit Suisse fu uno degli sponsor della Reggina Calcio nella stagione di Serie A 2003-2004

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Annual Earnings 2018 (PDF), in Credit Suisse. URL consultato il 14 febbraio 2019.
  2. ^ Tutto sul Credit Suisse, credit-suisse.com. URL consultato il 12 luglio 2018.
  3. ^ a b Credit Suisse, addio Thiam, Gottstein nuovo AD, su ansa.it, 7 febbraio 2020. URL consultato l'8 febbraio 2020.
  4. ^ Our Company - Brand, credit-suisse.com. URL consultato il 12 luglio 2018.
  5. ^ (EN) Credit Suisse Annual Report 2017 (PDF), credit-suisse.com. URL consultato il 12 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2018).
  6. ^ a b Executive Board, credit-suisse.com. URL consultato il 12 luglio 2018.
  7. ^ a b Board of Directors, credit-suisse.com. URL consultato il 12 luglio 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN154496717 · ISNI (EN0000 0004 0487 328X · LCCN (ENn50017132 · GND (DE10003624-7 · BNF (FRcb15517282b (data) · WorldCat Identities (ENviaf-154496717