Apri il menu principale
Cronaca di Novalesa
Titolo originaleChronicon Novaliciense
Autoresconosciuto
1ª ed. originale1150 circa
Generecronache
Lingua originalelatino

Il Chronicon Novaliciense o Cronaca di Novalesa è uno scritto del XII secolo che racconta, in forma di cronaca, la storia dei monaci benedettini dell'abbazia di Novalesa, costretti alla fuga a causa dell'invasione saracena nel 906. I monaci si rifugiarono in quella che allora era la Chiesa di Sant'Andrea, cioè l'attuale Santuario della Consolata a Torino. In seguito all'arrivo dei monaci benedettini dalla Val Susa, il marchese Adalberto dispose la costruzione di un monastero che potesse ospitarli meglio.

L'autore è uno sconosciuto monaco dell'abbazia di Novalesa della metà del 1100 che, secondo le convenzioni del tempo, scrisse la sua cronaca su un rotolo in pergamena attingendo a piene mani alla dubbia tradizione orale sin lì tramandata[1]. Il Chronicon Novaliciense risulta incompleto perché del rotolo di pergamena originale, composto da 28 fogli cuciti uno dopo l'altro, si sono persi numerosi frammenti. Inoltre i fatti storici (come l'invasione dei Saraceni) sono spesso mescolati a particolari aneddotici e fantastici, come quando ad esempio si spiega l'origine dell'abbazia ricorrendo al mito: Priscilla, nipote dell'imperatore romano Nerone, si sarebbe convertita al cristianesimo e avrebbe peregrinato nelle regioni alpine visitando anche la zona di Novalesa. In realtà è storicamente acclarato che l'abbazia venne fondata nel 726 dal governatore dei Franchi Abbone, che la arricchì delle terre circostanti.

La narrazione del cronista culmina nella riproposizione in prosa della leggenda dell'eroe barbaro Gualtiero di Aquitania, figlio di re e ostaggio di Attila, molto in voga nell'XI secolo. Tale epopea, che occupa buona parte del libro secondo del Chronicon Novalicense, differisce alquanto dalla versione ufficiale del poema intitolata Waltharius.

L'opera è suddivisa in cinque libri ed un'appendice aggiuntiva. Il rotolo di pergamena originale è tuttora conservato presso l'Archivio di Stato di Torino.

NoteModifica

  1. ^ Lorenzo Mondo, Monaci e cavalieri-La millenaria cronaca di Novalesa, articolo su la Stampa del 06/10/1982, p.3

BibliografiaModifica

  • Lorenzo Mondo, Monaci e cavalieri-La millenaria cronaca di Novalesa, articolo su la Stampa del 06/10/1982, p.3
  • Luigi Provero, Monaci e signori fra dialettica e partecipazione, in Segusium, Anno XLVII - n. 49 - Settembre 2010

Voci correlateModifica