Apri il menu principale

Daniela Gini

rugbista a 15 italiana
Daniela Gini
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 162 cm
Peso 67 kg
Familiari Massimo Gini (padre)
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Terza linea centro
Squadra Red & Blu
Carriera
Attività di club¹
1992-1999 Rugby Roma
1999-2006 CUS Roma
2006-2007 Rugby Roma
2007- Red & Blu
Attività da giocatrice internazionale
1993-2010 Italia Italia 51 (0)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 30 maggio 2010

Daniela Gini (Roma, 14 agosto 1977) è una rugbista a 15 italiana, seconda - terza linea del Red & Blu, di cui è capitano.

BiografiaModifica

Figlia di Massimo Gini, già giocatore del Rugby Roma e internazionale per l'Italia tra gli anni sessanta e settanta, Daniela Gini iniziò a giocare a rugby a 14 anni nelle giovanili della S.S. Lazio; le norme federali tuttavia non le permisero di giocare in campionato prima dei 15 anni d'età[1]. Un anno più tardi esordì, quindi, con la maglia del Rugby Roma.

Già nel 1993, a 16 anni, esordì in Nazionale italiana, a Rovigo contro la Francia. Dopo 7 stagioni nel Rugby Roma passò al CUS Roma, per poi fare ritorno dopo sei anni alla società d'origine; allo scioglimento della sezione femminile di quest'ultima fu ingaggiata dalla neoistituita Red & Blu, squadra provinciale con sede a Colleferro, della quale è capitano.

In Nazionale ha disputato due Coppe del Mondo (1998 e 2002), tutte le edizioni dei tornei europei femminili laureandosi campione d'Europa nel 2005 e saltando solo quello del 2004 per maternità[2], nonché tutti i Sei Nazioni, nella cui edizione 2010, il 12 marzo a Montpellier contro la Francia, divenne la quinta italiana a raggiungere quota 50 test match[2]; a parte la maternità, l'unica altra interruzione della sua attività fu dovuta a un infortunio occorsole nel novembre 2005, in cui si procurò una frattura a malleoli e perone nel segnare una meta[3].

Di professione contabile[3][4], è sposata con Vincenzo Biondi, già rugbista per L’Aquila, campione d'Italia 1993-94, e ha una figlia nata nel 2004[2]; nel 2005 fu anche commentatrice per Sky degli incontri dell'Italia nel Sei Nazioni[5].

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Daniela Gini, Ladies' Corner: Il nostro primo Sei Nazioni (PDF) [collegamento interrotto], in All Rugby, nº 1, febbraio 2007, p. 72. URL consultato il 30 maggio 2010.
  2. ^ a b c Daniela Gini: 50 caps, il rugby un marchio di famiglia (PDF), su federugby.it, Federazione Italiana Rugby, 12 marzo 2010. URL consultato il 30 maggio 2010 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2016).
  3. ^ a b Corrado Sannucci, Rugby, rimmel e fango: le ragazze che fanno meta, in la Repubblica, 30 gennaio 2008. URL consultato il 30 maggio 2010.
  4. ^ Daniela Gini, Gioco, lavoro e faccio la mamma, in l'Unità, 10 ottobre 2008. URL consultato l'8 aprile 2016 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2016).
  5. ^ Enrica Speroni, Lo sport con la voce da donna, in la Gazzetta dello Sport, 25 febbraio 2005. URL consultato l'8 aprile 2016.

Collegamenti esterniModifica